Primo contributo lichenologico nella Riserva Naturale Orientata di Bosco della Favara e Bosco Granza (Sicilia centro-settentrionale).

La Rosa, A; Romano, S

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Oggetto del nostro contributo il censimento della flora lichenica del territorio di Montemaggiore Belsito facente del sito ZPS ITA020032 “Boschi di Granza e Bosco di Favara.Il territorio in esame ampiamente studiato dal punto di vista vegetazionale e floristico relativamente alle fanerogame (2), non risulta finora studiato sotto l’aspetto lichenico .L’area in esame è denominata Valle del Torto ed è compresa nella tavola I.G.M., 1:25.000, F. 259 I: S.O. (Montemaggiore Belsito). Essa si estende su un ampio territorio ricadente nei comuni di Montemaggiore Belsito, Cerda, Sclafani Bagni, Caltavuturo e Caccamo. Tale studio appare significativo per comprendere il mosaico delle conoscenze floristiche del territorio siciliano, perchè a causa delle continue manomissioni e dei frequenti incendi queste si vanno irreversibilmente depauperando. L’area di studio dal punto di vista geologico Il territorio è costituito in prevalenza da facies arenacee associate a facies conglomeratico-arenacee del miocene inferiore - oligocene superiore(1),. Termotipo mesomediterraneo in prevalenza e a quote più elevate il supramediterraneo subumido. L’indagine floristica preliminare ha portato al riconoscimento di 88 entità distribuite in 34 generi. Tra queste Sarcogyne clavus (DC.) Kremp. Ionapsis ceracea (Arnold) Hafellner et Türk. risultano nuove per la Sicilia. Lasallia pustulata (L.) Mérat e Rinodina obnascens (Nyl.) H.Olivier. pur se già note risultano estremamente localizzate. Analizzando lo spettro delle forme di crescita emerge una condizione di equilibrio tra le forme fogliose (43%) e crostose (40.7%); di minor importanza la componente fruticosa (12.8%) e squamulosa (3.5%). Per ciò che concerne i substrati colonizzati la maggior parte delle entità censite è epifita (31%); seguono i licheni rupicoli (54%) ed i terricoli (14%). La nomenclatura utilizzata segue ITALIC(3).
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Cita questo

@misc{41031a6e3fa2463684daa3567ac9dab5,
title = "Primo contributo lichenologico nella Riserva Naturale Orientata di Bosco della Favara e Bosco Granza (Sicilia centro-settentrionale).",
abstract = "Oggetto del nostro contributo il censimento della flora lichenica del territorio di Montemaggiore Belsito facente del sito ZPS ITA020032 “Boschi di Granza e Bosco di Favara.Il territorio in esame ampiamente studiato dal punto di vista vegetazionale e floristico relativamente alle fanerogame (2), non risulta finora studiato sotto l’aspetto lichenico .L’area in esame {\`e} denominata Valle del Torto ed {\`e} compresa nella tavola I.G.M., 1:25.000, F. 259 I: S.O. (Montemaggiore Belsito). Essa si estende su un ampio territorio ricadente nei comuni di Montemaggiore Belsito, Cerda, Sclafani Bagni, Caltavuturo e Caccamo. Tale studio appare significativo per comprendere il mosaico delle conoscenze floristiche del territorio siciliano, perch{\`e} a causa delle continue manomissioni e dei frequenti incendi queste si vanno irreversibilmente depauperando. L’area di studio dal punto di vista geologico Il territorio {\`e} costituito in prevalenza da facies arenacee associate a facies conglomeratico-arenacee del miocene inferiore - oligocene superiore(1),. Termotipo mesomediterraneo in prevalenza e a quote pi{\`u} elevate il supramediterraneo subumido. L’indagine floristica preliminare ha portato al riconoscimento di 88 entit{\`a} distribuite in 34 generi. Tra queste Sarcogyne clavus (DC.) Kremp. Ionapsis ceracea (Arnold) Hafellner et T{\"u}rk. risultano nuove per la Sicilia. Lasallia pustulata (L.) M{\'e}rat e Rinodina obnascens (Nyl.) H.Olivier. pur se gi{\`a} note risultano estremamente localizzate. Analizzando lo spettro delle forme di crescita emerge una condizione di equilibrio tra le forme fogliose (43{\%}) e crostose (40.7{\%}); di minor importanza la componente fruticosa (12.8{\%}) e squamulosa (3.5{\%}). Per ci{\`o} che concerne i substrati colonizzati la maggior parte delle entit{\`a} censite {\`e} epifita (31{\%}); seguono i licheni rupicoli (54{\%}) ed i terricoli (14{\%}). La nomenclatura utilizzata segue ITALIC(3).",
keywords = "Licheni, flora, Sicilia",
author = "{La Rosa, A; Romano, S} and Domenico Ottonello",
year = "2008",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Primo contributo lichenologico nella Riserva Naturale Orientata di Bosco della Favara e Bosco Granza (Sicilia centro-settentrionale).

AU - La Rosa, A; Romano, S

AU - Ottonello, Domenico

PY - 2008

Y1 - 2008

N2 - Oggetto del nostro contributo il censimento della flora lichenica del territorio di Montemaggiore Belsito facente del sito ZPS ITA020032 “Boschi di Granza e Bosco di Favara.Il territorio in esame ampiamente studiato dal punto di vista vegetazionale e floristico relativamente alle fanerogame (2), non risulta finora studiato sotto l’aspetto lichenico .L’area in esame è denominata Valle del Torto ed è compresa nella tavola I.G.M., 1:25.000, F. 259 I: S.O. (Montemaggiore Belsito). Essa si estende su un ampio territorio ricadente nei comuni di Montemaggiore Belsito, Cerda, Sclafani Bagni, Caltavuturo e Caccamo. Tale studio appare significativo per comprendere il mosaico delle conoscenze floristiche del territorio siciliano, perchè a causa delle continue manomissioni e dei frequenti incendi queste si vanno irreversibilmente depauperando. L’area di studio dal punto di vista geologico Il territorio è costituito in prevalenza da facies arenacee associate a facies conglomeratico-arenacee del miocene inferiore - oligocene superiore(1),. Termotipo mesomediterraneo in prevalenza e a quote più elevate il supramediterraneo subumido. L’indagine floristica preliminare ha portato al riconoscimento di 88 entità distribuite in 34 generi. Tra queste Sarcogyne clavus (DC.) Kremp. Ionapsis ceracea (Arnold) Hafellner et Türk. risultano nuove per la Sicilia. Lasallia pustulata (L.) Mérat e Rinodina obnascens (Nyl.) H.Olivier. pur se già note risultano estremamente localizzate. Analizzando lo spettro delle forme di crescita emerge una condizione di equilibrio tra le forme fogliose (43%) e crostose (40.7%); di minor importanza la componente fruticosa (12.8%) e squamulosa (3.5%). Per ciò che concerne i substrati colonizzati la maggior parte delle entità censite è epifita (31%); seguono i licheni rupicoli (54%) ed i terricoli (14%). La nomenclatura utilizzata segue ITALIC(3).

AB - Oggetto del nostro contributo il censimento della flora lichenica del territorio di Montemaggiore Belsito facente del sito ZPS ITA020032 “Boschi di Granza e Bosco di Favara.Il territorio in esame ampiamente studiato dal punto di vista vegetazionale e floristico relativamente alle fanerogame (2), non risulta finora studiato sotto l’aspetto lichenico .L’area in esame è denominata Valle del Torto ed è compresa nella tavola I.G.M., 1:25.000, F. 259 I: S.O. (Montemaggiore Belsito). Essa si estende su un ampio territorio ricadente nei comuni di Montemaggiore Belsito, Cerda, Sclafani Bagni, Caltavuturo e Caccamo. Tale studio appare significativo per comprendere il mosaico delle conoscenze floristiche del territorio siciliano, perchè a causa delle continue manomissioni e dei frequenti incendi queste si vanno irreversibilmente depauperando. L’area di studio dal punto di vista geologico Il territorio è costituito in prevalenza da facies arenacee associate a facies conglomeratico-arenacee del miocene inferiore - oligocene superiore(1),. Termotipo mesomediterraneo in prevalenza e a quote più elevate il supramediterraneo subumido. L’indagine floristica preliminare ha portato al riconoscimento di 88 entità distribuite in 34 generi. Tra queste Sarcogyne clavus (DC.) Kremp. Ionapsis ceracea (Arnold) Hafellner et Türk. risultano nuove per la Sicilia. Lasallia pustulata (L.) Mérat e Rinodina obnascens (Nyl.) H.Olivier. pur se già note risultano estremamente localizzate. Analizzando lo spettro delle forme di crescita emerge una condizione di equilibrio tra le forme fogliose (43%) e crostose (40.7%); di minor importanza la componente fruticosa (12.8%) e squamulosa (3.5%). Per ciò che concerne i substrati colonizzati la maggior parte delle entità censite è epifita (31%); seguono i licheni rupicoli (54%) ed i terricoli (14%). La nomenclatura utilizzata segue ITALIC(3).

KW - Licheni, flora, Sicilia

UR - http://hdl.handle.net/10447/45378

M3 - Other contribution

ER -