Presentazione del Curatore della Collana a "Le responsabilità degli intermediari della rete telematica. I modelli statunitense ed europeo a raffronto" di Rosario Petruso

Risultato della ricerca: Other report

Abstract

Un segno dell’evoluzione tematica del diritto comparato viene utilmenterappresentato tanto dall’arricchimento degli argomenti soggetti alla sua indagine,attraverso l’inclusione di aree i cui confini vanno determinandosi nel tempoalla luce dei connessi fenomeni economici, quanto dall’accettazione di nuovisoggetti ordinamentali quali meritevoli di essere inclusi, assieme ai tradizionalidiritti nazionali, nella sfera del metodologicamente “comparabile”.Il lavoro di Rosario Petruso che si accoglie nella Collana con interesse ericchezza di aspettative, dedicato alla responsabilità degli intermediari nella societàdell’informazione, realizza appieno entrambi gli aspetti evolutivi prima segnalati,e già per questo si allinea congruamente alle linee tendenziali della Collanastessa. E infatti, l’apertura ad una nuova forma di comunità, quella dell’informazione,appunto, manifesta l’attitudine a cogliere della vita quotidianale principali esigenze richiedenti una risposta giuridica, che l’Autore esattamentededuce dal raffronto interordinamentale: a questo scopo certamente cospiranole parti del volume destinate alla ricostruzione della quantità e numerositàdei problemi connessi alla, non scevra di serie responsabilità, attività dell’internetproviding. D’altro canto, il perimetro geografico-ordinamentale dellostudio assume senza tentennamenti, come da ormai da circa un quarto disecolo si propone da parte di Comparatisti (quorum ego), il diritto europeo generalmenteinteso ed inglobante esperienze comunitarie e convenzionali, comegenuino oggetto di comparazione, ad esso accreditando – ed in ciò risiedeuno dei punti più brillanti del libro – capacità espressiva di un Sistema, omogeneo,articolato, chiaramente raffrontabile, non in forma episodica, con altreevoluzioni ordinamentali, anche extraeuropee, in termini di soluzione degli aspriproblemi incalzantemente posti dalla “società dell’informazione”.A questo originale modo di prospettare i nuovi studi di diritto privato comparatola Collana dà volentieri il benvenuto.
Lingua originaleItalian
EditoreGiappichelli
Numero di pagine1
ISBN (stampa)978-88-921-2056-3
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Serie di pubblicazioni

NomeDIRITTO PRIVATO COMPARATO

Cita questo

@book{db275ff63e984e6db1d4ed47e7bc2bc6,
title = "Presentazione del Curatore della Collana a {"}Le responsabilit{\`a} degli intermediari della rete telematica. I modelli statunitense ed europeo a raffronto{"} di Rosario Petruso",
abstract = "Un segno dell’evoluzione tematica del diritto comparato viene utilmenterappresentato tanto dall’arricchimento degli argomenti soggetti alla sua indagine,attraverso l’inclusione di aree i cui confini vanno determinandosi nel tempoalla luce dei connessi fenomeni economici, quanto dall’accettazione di nuovisoggetti ordinamentali quali meritevoli di essere inclusi, assieme ai tradizionalidiritti nazionali, nella sfera del metodologicamente “comparabile”.Il lavoro di Rosario Petruso che si accoglie nella Collana con interesse ericchezza di aspettative, dedicato alla responsabilit{\`a} degli intermediari nella societ{\`a}dell’informazione, realizza appieno entrambi gli aspetti evolutivi prima segnalati,e gi{\`a} per questo si allinea congruamente alle linee tendenziali della Collanastessa. E infatti, l’apertura ad una nuova forma di comunit{\`a}, quella dell’informazione,appunto, manifesta l’attitudine a cogliere della vita quotidianale principali esigenze richiedenti una risposta giuridica, che l’Autore esattamentededuce dal raffronto interordinamentale: a questo scopo certamente cospiranole parti del volume destinate alla ricostruzione della quantit{\`a} e numerosit{\`a}dei problemi connessi alla, non scevra di serie responsabilit{\`a}, attivit{\`a} dell’internetproviding. D’altro canto, il perimetro geografico-ordinamentale dellostudio assume senza tentennamenti, come da ormai da circa un quarto disecolo si propone da parte di Comparatisti (quorum ego), il diritto europeo generalmenteinteso ed inglobante esperienze comunitarie e convenzionali, comegenuino oggetto di comparazione, ad esso accreditando – ed in ci{\`o} risiedeuno dei punti pi{\`u} brillanti del libro – capacit{\`a} espressiva di un Sistema, omogeneo,articolato, chiaramente raffrontabile, non in forma episodica, con altreevoluzioni ordinamentali, anche extraeuropee, in termini di soluzione degli aspriproblemi incalzantemente posti dalla “societ{\`a} dell’informazione”.A questo originale modo di prospettare i nuovi studi di diritto privato comparatola Collana d{\`a} volentieri il benvenuto.",
keywords = "Responsabilit{\`a}, societ{\`a} dell'informazione",
author = "Mario Serio",
year = "2019",
language = "Italian",
isbn = "978-88-921-2056-3",
series = "DIRITTO PRIVATO COMPARATO",
publisher = "Giappichelli",

}

TY - BOOK

T1 - Presentazione del Curatore della Collana a "Le responsabilità degli intermediari della rete telematica. I modelli statunitense ed europeo a raffronto" di Rosario Petruso

AU - Serio, Mario

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - Un segno dell’evoluzione tematica del diritto comparato viene utilmenterappresentato tanto dall’arricchimento degli argomenti soggetti alla sua indagine,attraverso l’inclusione di aree i cui confini vanno determinandosi nel tempoalla luce dei connessi fenomeni economici, quanto dall’accettazione di nuovisoggetti ordinamentali quali meritevoli di essere inclusi, assieme ai tradizionalidiritti nazionali, nella sfera del metodologicamente “comparabile”.Il lavoro di Rosario Petruso che si accoglie nella Collana con interesse ericchezza di aspettative, dedicato alla responsabilità degli intermediari nella societàdell’informazione, realizza appieno entrambi gli aspetti evolutivi prima segnalati,e già per questo si allinea congruamente alle linee tendenziali della Collanastessa. E infatti, l’apertura ad una nuova forma di comunità, quella dell’informazione,appunto, manifesta l’attitudine a cogliere della vita quotidianale principali esigenze richiedenti una risposta giuridica, che l’Autore esattamentededuce dal raffronto interordinamentale: a questo scopo certamente cospiranole parti del volume destinate alla ricostruzione della quantità e numerositàdei problemi connessi alla, non scevra di serie responsabilità, attività dell’internetproviding. D’altro canto, il perimetro geografico-ordinamentale dellostudio assume senza tentennamenti, come da ormai da circa un quarto disecolo si propone da parte di Comparatisti (quorum ego), il diritto europeo generalmenteinteso ed inglobante esperienze comunitarie e convenzionali, comegenuino oggetto di comparazione, ad esso accreditando – ed in ciò risiedeuno dei punti più brillanti del libro – capacità espressiva di un Sistema, omogeneo,articolato, chiaramente raffrontabile, non in forma episodica, con altreevoluzioni ordinamentali, anche extraeuropee, in termini di soluzione degli aspriproblemi incalzantemente posti dalla “società dell’informazione”.A questo originale modo di prospettare i nuovi studi di diritto privato comparatola Collana dà volentieri il benvenuto.

AB - Un segno dell’evoluzione tematica del diritto comparato viene utilmenterappresentato tanto dall’arricchimento degli argomenti soggetti alla sua indagine,attraverso l’inclusione di aree i cui confini vanno determinandosi nel tempoalla luce dei connessi fenomeni economici, quanto dall’accettazione di nuovisoggetti ordinamentali quali meritevoli di essere inclusi, assieme ai tradizionalidiritti nazionali, nella sfera del metodologicamente “comparabile”.Il lavoro di Rosario Petruso che si accoglie nella Collana con interesse ericchezza di aspettative, dedicato alla responsabilità degli intermediari nella societàdell’informazione, realizza appieno entrambi gli aspetti evolutivi prima segnalati,e già per questo si allinea congruamente alle linee tendenziali della Collanastessa. E infatti, l’apertura ad una nuova forma di comunità, quella dell’informazione,appunto, manifesta l’attitudine a cogliere della vita quotidianale principali esigenze richiedenti una risposta giuridica, che l’Autore esattamentededuce dal raffronto interordinamentale: a questo scopo certamente cospiranole parti del volume destinate alla ricostruzione della quantità e numerositàdei problemi connessi alla, non scevra di serie responsabilità, attività dell’internetproviding. D’altro canto, il perimetro geografico-ordinamentale dellostudio assume senza tentennamenti, come da ormai da circa un quarto disecolo si propone da parte di Comparatisti (quorum ego), il diritto europeo generalmenteinteso ed inglobante esperienze comunitarie e convenzionali, comegenuino oggetto di comparazione, ad esso accreditando – ed in ciò risiedeuno dei punti più brillanti del libro – capacità espressiva di un Sistema, omogeneo,articolato, chiaramente raffrontabile, non in forma episodica, con altreevoluzioni ordinamentali, anche extraeuropee, in termini di soluzione degli aspriproblemi incalzantemente posti dalla “società dell’informazione”.A questo originale modo di prospettare i nuovi studi di diritto privato comparatola Collana dà volentieri il benvenuto.

KW - Responsabilità

KW - società dell'informazione

UR - http://hdl.handle.net/10447/353593

M3 - Other report

SN - 978-88-921-2056-3

T3 - DIRITTO PRIVATO COMPARATO

BT - Presentazione del Curatore della Collana a "Le responsabilità degli intermediari della rete telematica. I modelli statunitense ed europeo a raffronto" di Rosario Petruso

PB - Giappichelli

ER -