Pregare sulla roccia. Pulpit Rock Church (Norvegia)

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Nel sud della Norvegia, a venticinque chilometri dalla città di Stravenger, in cima a un percorso tortuoso di quattro chilometri, dal fiume Forsand ai fiordi, si eleva un crinale roccioso che guarda il Mare del nord da un’altezza di circa seicento metri. L’altura è formata da uno straordinario costone da cui emerge, come uno sperone, una superficie regolare pianeggiante, conclusa da una parte a forma di pulpito (Pulpit Rock) da cui si può osservare l’immenso e silenzioso paesaggio. Per questo sito straordinario il bando del concorso di idee, proposto dall’Architecture Workshop in Rome, prevedeva la realizzazione di una chiesa temporanea. Tale richiesta è stata utilizzata per una riflessione sul tema della “ecclesia sine tecto”. Il primo atto del progetto è stato a definizione elementare del contesto spaziale, attraverso due assi perpendicolari, nord-sud e est-ovest, utili a definire i margini della porzione orientale del piano. La scelta della “ecclesia sine tecto” e dell’impianto a croce danno torma ad un’architettura temporanea ma, il cui valore ideogrammatico rappresenta l’essenza dell'insediarsi e della Chiesa comunità, pensata come assemblea senza fine.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo

@conference{c68045ad58084323b2f53125d79b88c4,
title = "Pregare sulla roccia. Pulpit Rock Church (Norvegia)",
abstract = "Nel sud della Norvegia, a venticinque chilometri dalla citt{\`a} di Stravenger, in cima a un percorso tortuoso di quattro chilometri, dal fiume Forsand ai fiordi, si eleva un crinale roccioso che guarda il Mare del nord da un’altezza di circa seicento metri. L’altura {\`e} formata da uno straordinario costone da cui emerge, come uno sperone, una superficie regolare pianeggiante, conclusa da una parte a forma di pulpito (Pulpit Rock) da cui si pu{\`o} osservare l’immenso e silenzioso paesaggio. Per questo sito straordinario il bando del concorso di idee, proposto dall’Architecture Workshop in Rome, prevedeva la realizzazione di una chiesa temporanea. Tale richiesta {\`e} stata utilizzata per una riflessione sul tema della “ecclesia sine tecto”. Il primo atto del progetto {\`e} stato a definizione elementare del contesto spaziale, attraverso due assi perpendicolari, nord-sud e est-ovest, utili a definire i margini della porzione orientale del piano. La scelta della “ecclesia sine tecto” e dell’impianto a croce danno torma ad un’architettura temporanea ma, il cui valore ideogrammatico rappresenta l’essenza dell'insediarsi e della Chiesa comunit{\`a}, pensata come assemblea senza fine.",
author = "Andrea Sciascia",
year = "2017",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Pregare sulla roccia. Pulpit Rock Church (Norvegia)

AU - Sciascia, Andrea

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - Nel sud della Norvegia, a venticinque chilometri dalla città di Stravenger, in cima a un percorso tortuoso di quattro chilometri, dal fiume Forsand ai fiordi, si eleva un crinale roccioso che guarda il Mare del nord da un’altezza di circa seicento metri. L’altura è formata da uno straordinario costone da cui emerge, come uno sperone, una superficie regolare pianeggiante, conclusa da una parte a forma di pulpito (Pulpit Rock) da cui si può osservare l’immenso e silenzioso paesaggio. Per questo sito straordinario il bando del concorso di idee, proposto dall’Architecture Workshop in Rome, prevedeva la realizzazione di una chiesa temporanea. Tale richiesta è stata utilizzata per una riflessione sul tema della “ecclesia sine tecto”. Il primo atto del progetto è stato a definizione elementare del contesto spaziale, attraverso due assi perpendicolari, nord-sud e est-ovest, utili a definire i margini della porzione orientale del piano. La scelta della “ecclesia sine tecto” e dell’impianto a croce danno torma ad un’architettura temporanea ma, il cui valore ideogrammatico rappresenta l’essenza dell'insediarsi e della Chiesa comunità, pensata come assemblea senza fine.

AB - Nel sud della Norvegia, a venticinque chilometri dalla città di Stravenger, in cima a un percorso tortuoso di quattro chilometri, dal fiume Forsand ai fiordi, si eleva un crinale roccioso che guarda il Mare del nord da un’altezza di circa seicento metri. L’altura è formata da uno straordinario costone da cui emerge, come uno sperone, una superficie regolare pianeggiante, conclusa da una parte a forma di pulpito (Pulpit Rock) da cui si può osservare l’immenso e silenzioso paesaggio. Per questo sito straordinario il bando del concorso di idee, proposto dall’Architecture Workshop in Rome, prevedeva la realizzazione di una chiesa temporanea. Tale richiesta è stata utilizzata per una riflessione sul tema della “ecclesia sine tecto”. Il primo atto del progetto è stato a definizione elementare del contesto spaziale, attraverso due assi perpendicolari, nord-sud e est-ovest, utili a definire i margini della porzione orientale del piano. La scelta della “ecclesia sine tecto” e dell’impianto a croce danno torma ad un’architettura temporanea ma, il cui valore ideogrammatico rappresenta l’essenza dell'insediarsi e della Chiesa comunità, pensata come assemblea senza fine.

UR - http://hdl.handle.net/10447/250659

M3 - Paper

ER -