Predgovor/Foreword

Risultato della ricerca: Foreword/postscript

Abstract

Nel corso del XIX secolo l'idea di popolo e l'idea di nazione hanno prodotto la nascita di nuovi orientamenti nella musica dei paesi slavi della Mitteleuropa. Le fonti cui si sono ispirati i fautori dei movimenti nazionali in Germania, Austria, Polonia, Cekia, Slovenia e Croazia sono state descritte come popolari, ma si tratta in realtà di musiche folkloriche, devozionali, brani d'opera e brani d'autore, che furono usati anche nella musica d'arte (opere e sinfonie), con l'unico scopo di attestare i principi identitari essenziali per la formazione dei futuri stati dopo la caduta dell'impero austro-ungarico. La storia e le tradizioni dei paesi sopra elencati non hanno quasi nulla in comune, se si eccettuano i tentativi di costruzione di un panslavismo centroeuropeo, distinto da quello russo. Simili sono invece i successi conseguiti nel formare un'epica condivisa e un'arte musicale che era ritenuta nazionale per motivi linguistici, anche quando era influenzata dalla grammatica compositiva dei compositori tedeschi, italiani e francesi.
Lingua originaleEnglish
Titolo della pubblicazione ospiteDE MUSICA DISSERENDA
Pagine7-10
Numero di pagine4
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

Cavallini, I. (2016). Predgovor/Foreword. In DE MUSICA DISSERENDA (pagg. 7-10)

Predgovor/Foreword. / Cavallini, Ivano.

DE MUSICA DISSERENDA. 2016. pag. 7-10.

Risultato della ricerca: Foreword/postscript

Cavallini, I 2016, Predgovor/Foreword. in DE MUSICA DISSERENDA. pagg. 7-10.
Cavallini I. Predgovor/Foreword. In DE MUSICA DISSERENDA. 2016. pag. 7-10
Cavallini, Ivano. / Predgovor/Foreword. DE MUSICA DISSERENDA. 2016. pagg. 7-10
@inbook{9aa56d3b9c84433ab72b403151bc13fb,
title = "Predgovor/Foreword",
abstract = "Nel corso del XIX secolo l'idea di popolo e l'idea di nazione hanno prodotto la nascita di nuovi orientamenti nella musica dei paesi slavi della Mitteleuropa. Le fonti cui si sono ispirati i fautori dei movimenti nazionali in Germania, Austria, Polonia, Cekia, Slovenia e Croazia sono state descritte come popolari, ma si tratta in realt{\`a} di musiche folkloriche, devozionali, brani d'opera e brani d'autore, che furono usati anche nella musica d'arte (opere e sinfonie), con l'unico scopo di attestare i principi identitari essenziali per la formazione dei futuri stati dopo la caduta dell'impero austro-ungarico. La storia e le tradizioni dei paesi sopra elencati non hanno quasi nulla in comune, se si eccettuano i tentativi di costruzione di un panslavismo centroeuropeo, distinto da quello russo. Simili sono invece i successi conseguiti nel formare un'epica condivisa e un'arte musicale che era ritenuta nazionale per motivi linguistici, anche quando era influenzata dalla grammatica compositiva dei compositori tedeschi, italiani e francesi.",
author = "Ivano Cavallini",
year = "2016",
language = "English",
pages = "7--10",
booktitle = "DE MUSICA DISSERENDA",

}

TY - CHAP

T1 - Predgovor/Foreword

AU - Cavallini, Ivano

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - Nel corso del XIX secolo l'idea di popolo e l'idea di nazione hanno prodotto la nascita di nuovi orientamenti nella musica dei paesi slavi della Mitteleuropa. Le fonti cui si sono ispirati i fautori dei movimenti nazionali in Germania, Austria, Polonia, Cekia, Slovenia e Croazia sono state descritte come popolari, ma si tratta in realtà di musiche folkloriche, devozionali, brani d'opera e brani d'autore, che furono usati anche nella musica d'arte (opere e sinfonie), con l'unico scopo di attestare i principi identitari essenziali per la formazione dei futuri stati dopo la caduta dell'impero austro-ungarico. La storia e le tradizioni dei paesi sopra elencati non hanno quasi nulla in comune, se si eccettuano i tentativi di costruzione di un panslavismo centroeuropeo, distinto da quello russo. Simili sono invece i successi conseguiti nel formare un'epica condivisa e un'arte musicale che era ritenuta nazionale per motivi linguistici, anche quando era influenzata dalla grammatica compositiva dei compositori tedeschi, italiani e francesi.

AB - Nel corso del XIX secolo l'idea di popolo e l'idea di nazione hanno prodotto la nascita di nuovi orientamenti nella musica dei paesi slavi della Mitteleuropa. Le fonti cui si sono ispirati i fautori dei movimenti nazionali in Germania, Austria, Polonia, Cekia, Slovenia e Croazia sono state descritte come popolari, ma si tratta in realtà di musiche folkloriche, devozionali, brani d'opera e brani d'autore, che furono usati anche nella musica d'arte (opere e sinfonie), con l'unico scopo di attestare i principi identitari essenziali per la formazione dei futuri stati dopo la caduta dell'impero austro-ungarico. La storia e le tradizioni dei paesi sopra elencati non hanno quasi nulla in comune, se si eccettuano i tentativi di costruzione di un panslavismo centroeuropeo, distinto da quello russo. Simili sono invece i successi conseguiti nel formare un'epica condivisa e un'arte musicale che era ritenuta nazionale per motivi linguistici, anche quando era influenzata dalla grammatica compositiva dei compositori tedeschi, italiani e francesi.

UR - http://hdl.handle.net/10447/201776

M3 - Foreword/postscript

SP - 7

EP - 10

BT - DE MUSICA DISSERENDA

ER -