Prato e la città-fabbrica: strategie possibili per una pianificazione maggiormente efficace

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Simbolo della produzione tessile italiana, l’immagine che maggiormente ha caratterizzato Prato per lungo tempo è quella della città-fabbrica, in cui residenza e industria hanno convissuto in maniera aggregata rappresentando il cosiddetto “mito pratese”. Con il tempo questa immagine è cambiata, è aumentato il benessere, sono cambiate le strutture sociali, è aumentata l’insofferenza nei confronti di situazioni e funzioni del passato non più contrapposte, in alcuni casi, da un senso identitario da parte degli abitanti. Questo ha portato, negli ultimi anni, ad un insediamento sempre maggiore del settore terziario e di ulteriori residenze nella città-fabbrica a discapito delle attività produttive. Inoltre, la città ha dovuto confrontarsi con un’enorme quantità di volumetrie dismesse, conseguenza del tracollo del tessile avvenuto alla fine degli anni ’90, e con una comunità cinese in continua ascesa. Il presente contributo si propone di analizzare in che modo la strumentazione urbanistica a livello comunale abbia contribuito negli assetti attuali, e quale sarà il suo peso negli assetti futuri, con l’obiettivo di valutare se, all’interno dell’attuale quadro urbanistico italiano, il piano concepito in componenti strutturali e programmatiche sia in grado di rispondere, in maniera più efficace rispetto al tradizionale prg, ai bisogni di una società dagli equilibri profondamente trasformati.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Cita questo

@misc{5facf26e72aa46d7bcea82d955f00879,
title = "Prato e la citt{\`a}-fabbrica: strategie possibili per una pianificazione maggiormente efficace",
abstract = "Simbolo della produzione tessile italiana, l’immagine che maggiormente ha caratterizzato Prato per lungo tempo {\`e} quella della citt{\`a}-fabbrica, in cui residenza e industria hanno convissuto in maniera aggregata rappresentando il cosiddetto “mito pratese”. Con il tempo questa immagine {\`e} cambiata, {\`e} aumentato il benessere, sono cambiate le strutture sociali, {\`e} aumentata l’insofferenza nei confronti di situazioni e funzioni del passato non pi{\`u} contrapposte, in alcuni casi, da un senso identitario da parte degli abitanti. Questo ha portato, negli ultimi anni, ad un insediamento sempre maggiore del settore terziario e di ulteriori residenze nella citt{\`a}-fabbrica a discapito delle attivit{\`a} produttive. Inoltre, la citt{\`a} ha dovuto confrontarsi con un’enorme quantit{\`a} di volumetrie dismesse, conseguenza del tracollo del tessile avvenuto alla fine degli anni ’90, e con una comunit{\`a} cinese in continua ascesa. Il presente contributo si propone di analizzare in che modo la strumentazione urbanistica a livello comunale abbia contribuito negli assetti attuali, e quale sar{\`a} il suo peso negli assetti futuri, con l’obiettivo di valutare se, all’interno dell’attuale quadro urbanistico italiano, il piano concepito in componenti strutturali e programmatiche sia in grado di rispondere, in maniera pi{\`u} efficace rispetto al tradizionale prg, ai bisogni di una societ{\`a} dagli equilibri profondamente trasformati.",
keywords = "Piano, innovazione, efficacia",
author = "Simona Rubino",
year = "2010",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Prato e la città-fabbrica: strategie possibili per una pianificazione maggiormente efficace

AU - Rubino, Simona

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - Simbolo della produzione tessile italiana, l’immagine che maggiormente ha caratterizzato Prato per lungo tempo è quella della città-fabbrica, in cui residenza e industria hanno convissuto in maniera aggregata rappresentando il cosiddetto “mito pratese”. Con il tempo questa immagine è cambiata, è aumentato il benessere, sono cambiate le strutture sociali, è aumentata l’insofferenza nei confronti di situazioni e funzioni del passato non più contrapposte, in alcuni casi, da un senso identitario da parte degli abitanti. Questo ha portato, negli ultimi anni, ad un insediamento sempre maggiore del settore terziario e di ulteriori residenze nella città-fabbrica a discapito delle attività produttive. Inoltre, la città ha dovuto confrontarsi con un’enorme quantità di volumetrie dismesse, conseguenza del tracollo del tessile avvenuto alla fine degli anni ’90, e con una comunità cinese in continua ascesa. Il presente contributo si propone di analizzare in che modo la strumentazione urbanistica a livello comunale abbia contribuito negli assetti attuali, e quale sarà il suo peso negli assetti futuri, con l’obiettivo di valutare se, all’interno dell’attuale quadro urbanistico italiano, il piano concepito in componenti strutturali e programmatiche sia in grado di rispondere, in maniera più efficace rispetto al tradizionale prg, ai bisogni di una società dagli equilibri profondamente trasformati.

AB - Simbolo della produzione tessile italiana, l’immagine che maggiormente ha caratterizzato Prato per lungo tempo è quella della città-fabbrica, in cui residenza e industria hanno convissuto in maniera aggregata rappresentando il cosiddetto “mito pratese”. Con il tempo questa immagine è cambiata, è aumentato il benessere, sono cambiate le strutture sociali, è aumentata l’insofferenza nei confronti di situazioni e funzioni del passato non più contrapposte, in alcuni casi, da un senso identitario da parte degli abitanti. Questo ha portato, negli ultimi anni, ad un insediamento sempre maggiore del settore terziario e di ulteriori residenze nella città-fabbrica a discapito delle attività produttive. Inoltre, la città ha dovuto confrontarsi con un’enorme quantità di volumetrie dismesse, conseguenza del tracollo del tessile avvenuto alla fine degli anni ’90, e con una comunità cinese in continua ascesa. Il presente contributo si propone di analizzare in che modo la strumentazione urbanistica a livello comunale abbia contribuito negli assetti attuali, e quale sarà il suo peso negli assetti futuri, con l’obiettivo di valutare se, all’interno dell’attuale quadro urbanistico italiano, il piano concepito in componenti strutturali e programmatiche sia in grado di rispondere, in maniera più efficace rispetto al tradizionale prg, ai bisogni di una società dagli equilibri profondamente trasformati.

KW - Piano, innovazione, efficacia

UR - http://hdl.handle.net/10447/52262

M3 - Other contribution

ER -