Potere amministrativo e responsabilità civile

Cavallaro Mc

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Il lavoro tende a ricostruire la responsabilità della pubblica amministrazione per i danni conseguenti all’illegittimo esercizio della funzione secondo il modello della responsabilità da inadempimento dell’obbligazione, piuttosto che secondo il paradigma classico della responsabilità aquiliana. A tal fine si procede, preliminarmente, attraverso un excursus delle principali posizioni espresse dalla dottrina e dalla giurisprudenza in tema di responsabilità civile dell’amministrazione, partendo dagli autori di fine ottocento (da Orlando a Ranelletti, da Cammeo a Santi Romano), sino ad arrivare alla sentenza n. 500 de 1999 della Corte di Cassazione in tema di risarcimento del danno da lesione di interesse legittimo. Nella seconda parte, viene argomentata la tesi della natura contrattuale della responsabilità da illegittimo esercizio del potere attraverso una ricostruzione del rapporto tra amministrazione e cittadino alla stregua di un rapporto obbligatorio (tesi confortata da alcune pronunce della giurisprudenza civile in tema di contatto sociale qualificato). Infine, coerentemente a tale ricostruzione, si sostiene che la mancata adozione di un provvedimento può essere ricondotta ad un’ipotesi di inadempimento dell’obbligazione, mentre l’adozione di un provvedimento illegittimo, o l’eventuale ritardo, può essere intesa come ipotesi di inesatto adempimento della prestazione obbligatoria che l’amministrazione si impegna a svolgere nei confronti del privato con l’avvio del procedimento amministrativo.
Lingua originaleItalian
EditoreGiappichelli
ISBN (stampa)88-348-4464-5
Stato di pubblicazionePublished - 2004

Cita questo

Cavallaro Mc (2004). Potere amministrativo e responsabilità civile. Giappichelli.

Potere amministrativo e responsabilità civile. / Cavallaro Mc.

Giappichelli, 2004.

Risultato della ricerca: Book

Cavallaro Mc 2004, Potere amministrativo e responsabilità civile. Giappichelli.
Cavallaro Mc. Potere amministrativo e responsabilità civile. Giappichelli, 2004.
Cavallaro Mc. / Potere amministrativo e responsabilità civile. Giappichelli, 2004.
@book{36bc8d35daca440fbd28a9c6c545a358,
title = "Potere amministrativo e responsabilit{\`a} civile",
abstract = "Il lavoro tende a ricostruire la responsabilit{\`a} della pubblica amministrazione per i danni conseguenti all’illegittimo esercizio della funzione secondo il modello della responsabilit{\`a} da inadempimento dell’obbligazione, piuttosto che secondo il paradigma classico della responsabilit{\`a} aquiliana. A tal fine si procede, preliminarmente, attraverso un excursus delle principali posizioni espresse dalla dottrina e dalla giurisprudenza in tema di responsabilit{\`a} civile dell’amministrazione, partendo dagli autori di fine ottocento (da Orlando a Ranelletti, da Cammeo a Santi Romano), sino ad arrivare alla sentenza n. 500 de 1999 della Corte di Cassazione in tema di risarcimento del danno da lesione di interesse legittimo. Nella seconda parte, viene argomentata la tesi della natura contrattuale della responsabilit{\`a} da illegittimo esercizio del potere attraverso una ricostruzione del rapporto tra amministrazione e cittadino alla stregua di un rapporto obbligatorio (tesi confortata da alcune pronunce della giurisprudenza civile in tema di contatto sociale qualificato). Infine, coerentemente a tale ricostruzione, si sostiene che la mancata adozione di un provvedimento pu{\`o} essere ricondotta ad un’ipotesi di inadempimento dell’obbligazione, mentre l’adozione di un provvedimento illegittimo, o l’eventuale ritardo, pu{\`o} essere intesa come ipotesi di inesatto adempimento della prestazione obbligatoria che l’amministrazione si impegna a svolgere nei confronti del privato con l’avvio del procedimento amministrativo.",
author = "{Cavallaro Mc} and Cavallaro, {Maria Cristina}",
year = "2004",
language = "Italian",
isbn = "88-348-4464-5",
publisher = "Giappichelli",

}

TY - BOOK

T1 - Potere amministrativo e responsabilità civile

AU - Cavallaro Mc

AU - Cavallaro, Maria Cristina

PY - 2004

Y1 - 2004

N2 - Il lavoro tende a ricostruire la responsabilità della pubblica amministrazione per i danni conseguenti all’illegittimo esercizio della funzione secondo il modello della responsabilità da inadempimento dell’obbligazione, piuttosto che secondo il paradigma classico della responsabilità aquiliana. A tal fine si procede, preliminarmente, attraverso un excursus delle principali posizioni espresse dalla dottrina e dalla giurisprudenza in tema di responsabilità civile dell’amministrazione, partendo dagli autori di fine ottocento (da Orlando a Ranelletti, da Cammeo a Santi Romano), sino ad arrivare alla sentenza n. 500 de 1999 della Corte di Cassazione in tema di risarcimento del danno da lesione di interesse legittimo. Nella seconda parte, viene argomentata la tesi della natura contrattuale della responsabilità da illegittimo esercizio del potere attraverso una ricostruzione del rapporto tra amministrazione e cittadino alla stregua di un rapporto obbligatorio (tesi confortata da alcune pronunce della giurisprudenza civile in tema di contatto sociale qualificato). Infine, coerentemente a tale ricostruzione, si sostiene che la mancata adozione di un provvedimento può essere ricondotta ad un’ipotesi di inadempimento dell’obbligazione, mentre l’adozione di un provvedimento illegittimo, o l’eventuale ritardo, può essere intesa come ipotesi di inesatto adempimento della prestazione obbligatoria che l’amministrazione si impegna a svolgere nei confronti del privato con l’avvio del procedimento amministrativo.

AB - Il lavoro tende a ricostruire la responsabilità della pubblica amministrazione per i danni conseguenti all’illegittimo esercizio della funzione secondo il modello della responsabilità da inadempimento dell’obbligazione, piuttosto che secondo il paradigma classico della responsabilità aquiliana. A tal fine si procede, preliminarmente, attraverso un excursus delle principali posizioni espresse dalla dottrina e dalla giurisprudenza in tema di responsabilità civile dell’amministrazione, partendo dagli autori di fine ottocento (da Orlando a Ranelletti, da Cammeo a Santi Romano), sino ad arrivare alla sentenza n. 500 de 1999 della Corte di Cassazione in tema di risarcimento del danno da lesione di interesse legittimo. Nella seconda parte, viene argomentata la tesi della natura contrattuale della responsabilità da illegittimo esercizio del potere attraverso una ricostruzione del rapporto tra amministrazione e cittadino alla stregua di un rapporto obbligatorio (tesi confortata da alcune pronunce della giurisprudenza civile in tema di contatto sociale qualificato). Infine, coerentemente a tale ricostruzione, si sostiene che la mancata adozione di un provvedimento può essere ricondotta ad un’ipotesi di inadempimento dell’obbligazione, mentre l’adozione di un provvedimento illegittimo, o l’eventuale ritardo, può essere intesa come ipotesi di inesatto adempimento della prestazione obbligatoria che l’amministrazione si impegna a svolgere nei confronti del privato con l’avvio del procedimento amministrativo.

UR - http://hdl.handle.net/10447/10317

M3 - Book

SN - 88-348-4464-5

BT - Potere amministrativo e responsabilità civile

PB - Giappichelli

ER -