Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli

Iurilli A

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Il recupero filologico di una rara silloge latina di centodieci favole in forma di lezioni, scritta e pubblicata da Pompeo Sarnelli (1649–1724), segretario di un cardinale poi eletto papa (Benedetto XIII), protonotario apostolico e infine vescovo; erudito e antiquario, grammatico e storico, sotto un titolo ispirato ai crudeli riti circensi di cui scrive Tertulliano (Bestiarum schola), piuttosto che alla favoleggiata esemplarità zooetica del mondo esopiano, ripropone alla riflessione del nostro tempo un vademecum di educazione religiosa, ma anche un manualetto di cultura politica, specchio di una società che la riforma cattolica e l’egemonia culturale dei gesuiti stentano a controllare. Ne emerge, inquietante, l’identità di un abate immerso nel tempo lungo della Rinascenza nel Mezzogiorno d’Italia, intellettualmente incline ad una voracità libraria che lo spinge lungo i confini ambigui e sfrangiati della cultura ecclesiastica e politica del tardo Seicento fino ai limiti dell’ortodossia, convinto di poter comporre nell’ingenuità apparente di un’allegoria zoomorfa e nell’ironia amabilmente icastica del racconto breve le lacerazioni del suo tempo: quelle del sapere, quelle del Potere, quelle dell’umanità peccatrice.
Lingua originaleItalian
EditoreCacucci
Numero di pagine248
ISBN (stampa)978-88-8422-796-6
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Serie di pubblicazioni

NomeRinascimento e Barocco

Cita questo

Iurilli A (2008). Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli. (Rinascimento e Barocco). Cacucci.

Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli. / Iurilli A.

Cacucci, 2008. 248 pag. (Rinascimento e Barocco).

Risultato della ricerca: Book

Iurilli A. Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli. Cacucci, 2008. 248 pag. (Rinascimento e Barocco).
Iurilli A. / Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli. Cacucci, 2008. 248 pag. (Rinascimento e Barocco).
@book{3aa4ab97321a4834addedca067e3cc45,
title = "Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli",
abstract = "Il recupero filologico di una rara silloge latina di centodieci favole in forma di lezioni, scritta e pubblicata da Pompeo Sarnelli (1649–1724), segretario di un cardinale poi eletto papa (Benedetto XIII), protonotario apostolico e infine vescovo; erudito e antiquario, grammatico e storico, sotto un titolo ispirato ai crudeli riti circensi di cui scrive Tertulliano (Bestiarum schola), piuttosto che alla favoleggiata esemplarit{\`a} zooetica del mondo esopiano, ripropone alla riflessione del nostro tempo un vademecum di educazione religiosa, ma anche un manualetto di cultura politica, specchio di una societ{\`a} che la riforma cattolica e l’egemonia culturale dei gesuiti stentano a controllare. Ne emerge, inquietante, l’identit{\`a} di un abate immerso nel tempo lungo della Rinascenza nel Mezzogiorno d’Italia, intellettualmente incline ad una voracit{\`a} libraria che lo spinge lungo i confini ambigui e sfrangiati della cultura ecclesiastica e politica del tardo Seicento fino ai limiti dell’ortodossia, convinto di poter comporre nell’ingenuit{\`a} apparente di un’allegoria zoomorfa e nell’ironia amabilmente icastica del racconto breve le lacerazioni del suo tempo: quelle del sapere, quelle del Potere, quelle dell’umanit{\`a} peccatrice.",
keywords = "Sarnelli Pompeo, Favolistica, Letteratura italiana, Secolo XVII",
author = "{Iurilli A} and Antonio Iurilli",
year = "2008",
language = "Italian",
isbn = "978-88-8422-796-6",
series = "Rinascimento e Barocco",
publisher = "Cacucci",

}

TY - BOOK

T1 - Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli

AU - Iurilli A

AU - Iurilli, Antonio

PY - 2008

Y1 - 2008

N2 - Il recupero filologico di una rara silloge latina di centodieci favole in forma di lezioni, scritta e pubblicata da Pompeo Sarnelli (1649–1724), segretario di un cardinale poi eletto papa (Benedetto XIII), protonotario apostolico e infine vescovo; erudito e antiquario, grammatico e storico, sotto un titolo ispirato ai crudeli riti circensi di cui scrive Tertulliano (Bestiarum schola), piuttosto che alla favoleggiata esemplarità zooetica del mondo esopiano, ripropone alla riflessione del nostro tempo un vademecum di educazione religiosa, ma anche un manualetto di cultura politica, specchio di una società che la riforma cattolica e l’egemonia culturale dei gesuiti stentano a controllare. Ne emerge, inquietante, l’identità di un abate immerso nel tempo lungo della Rinascenza nel Mezzogiorno d’Italia, intellettualmente incline ad una voracità libraria che lo spinge lungo i confini ambigui e sfrangiati della cultura ecclesiastica e politica del tardo Seicento fino ai limiti dell’ortodossia, convinto di poter comporre nell’ingenuità apparente di un’allegoria zoomorfa e nell’ironia amabilmente icastica del racconto breve le lacerazioni del suo tempo: quelle del sapere, quelle del Potere, quelle dell’umanità peccatrice.

AB - Il recupero filologico di una rara silloge latina di centodieci favole in forma di lezioni, scritta e pubblicata da Pompeo Sarnelli (1649–1724), segretario di un cardinale poi eletto papa (Benedetto XIII), protonotario apostolico e infine vescovo; erudito e antiquario, grammatico e storico, sotto un titolo ispirato ai crudeli riti circensi di cui scrive Tertulliano (Bestiarum schola), piuttosto che alla favoleggiata esemplarità zooetica del mondo esopiano, ripropone alla riflessione del nostro tempo un vademecum di educazione religiosa, ma anche un manualetto di cultura politica, specchio di una società che la riforma cattolica e l’egemonia culturale dei gesuiti stentano a controllare. Ne emerge, inquietante, l’identità di un abate immerso nel tempo lungo della Rinascenza nel Mezzogiorno d’Italia, intellettualmente incline ad una voracità libraria che lo spinge lungo i confini ambigui e sfrangiati della cultura ecclesiastica e politica del tardo Seicento fino ai limiti dell’ortodossia, convinto di poter comporre nell’ingenuità apparente di un’allegoria zoomorfa e nell’ironia amabilmente icastica del racconto breve le lacerazioni del suo tempo: quelle del sapere, quelle del Potere, quelle dell’umanità peccatrice.

KW - Sarnelli Pompeo, Favolistica, Letteratura italiana, Secolo XVII

UR - http://hdl.handle.net/10447/49562

M3 - Book

SN - 978-88-8422-796-6

T3 - Rinascimento e Barocco

BT - Pompeo Sarnelli, Scuola di bestie (Bestiarum schola), a cura di Antonio Iurilli

PB - Cacucci

ER -