"Per la retta amministrazione della giustitia". La giustizia dei baroni nella Sicilia moderna.

Risultato della ricerca: Article

7 Citazioni (Scopus)

Abstract

L’esercizio di funzioni giudiziarie, amministrative, fiscali, sempre più complesse soprattutto nelle grosse comunità feudali, faceva della giurisdizione l’elemento cardine attorno a cui ruota la differenziazione tra la condizione di proprietario terriero privato e quella di feudatario di complessi che si definiscono stati: il feudo era il fondamento strutturale del potere economico e politico del baronaggio. C’è allora un ambito assai rilevante che riguarda la prassi del governo del feudo come istituto di diritto pubblico: il barone doveva avvalersi di un apparato che lo assistesse, attraverso cui concretamente operare sul territorio e al quale delegare a sua volta funzioni. Di fondamentale importanza era il ruolo della corte capitaniale, cui spettava l’amministrazione della giustizia secondo le leggi e il rito vigente in Sicilia durante l'età moderna.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)315-352
Numero di pagine38
RivistaMEDITERRANEA. RICERCHE STORICHE
Volume16
Stato di pubblicazionePublished - 2009

All Science Journal Classification (ASJC) codes

  • History

Cita questo