People with Down's syndrome:adolescence and the journey towards adulthood

Michele Roccella, Sabina La Grutta, Rosa Lo Baido, Trombini, Michele Roccella, Sarno, Calì

Risultato della ricerca: Article

3 Citazioni (Scopus)

Abstract

Introduzione. La sessualità nella persona con disabilità viene affrontata con difficoltà e con inadeguatezza se non con franco rifiuto, con il risultato che le giovani persone disabili vengono, spesso, relegate ad un destino di solitudine e abbandono. E ciò si realizza ancora di più quando la condizione di disabilità comporta ritardo mentale. Metodi. Sono stati reclutati 25 ragazzi di età compresa tra 13 e 25 anni - 14 maschi (56%) e 11 femmine (44%) – insieme alle loro madri. Tutti frequentano l’Associazione Famiglie Persone Down di Palermo. Le giovani persone con sindrome di Down sono state invitate a svolgere una attività di disegno libero, quindi, a descrivere ciò che avevano disegnato. Le madri, invece, hanno risposto ad una intervista semistrutturata i cui contenuti sono stati organizzati intorno a tre aree: - reazioni dei genitori di fronte alla comunicazione da parte dei medici della nascita del figlio Down; i genitori e la sessualità dei figli Down; le aspettative dei genitori rispetto al futuro dei propri figli Down. Risultati. I disegni liberi e la loro descrizione hanno dimostrato il chiaro emergere di temi che riguardano la sessualità in 6 protocolli su 25. In 9 casi su 25 il riferimento alla sessualità si nasconde dietro disegni e descrizioni allusive. 6 protocolli testimoniano, sebbene non direttamente riferibili al tema della sessualità, l’emergere del conflitto di autonomia, tipico dell’adolescenza, a dimostrazione dell’iniziato processo di transito verso l’età adulta. Soltanto in 4 situazioni il riferimento alla sessualità non è interpretabile nelle produzioni dei ragazzi. L’analisi qualitativa delle interviste alle madri, ha evidenziato come il tema della sessualità nel figlio con disabilità sia vissuto dal genitore in maniera conflittuale. Conclusioni. I risultati ottenuti ci spingono ad affermare che la “questione sessuale” si pone in termini problematici dal punto di vista del genitore più che dal punto di vista del ragazzo. Ed in questa prospettiva, a vantaggio dei genitori, occorre pianificare gli interventi psicologico-clinici di educazione alla sessualità.
Lingua originaleEnglish
pagine (da-a)305-321
Numero di pagine17
RivistaMinerva Pediatrica
Volume61
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Fingerprint

Down Syndrome

All Science Journal Classification (ASJC) codes

  • Pediatrics, Perinatology, and Child Health

Cita questo

People with Down's syndrome:adolescence and the journey towards adulthood. / Roccella, Michele; La Grutta, Sabina; Lo Baido, Rosa; Trombini; Roccella, Michele; Sarno; Calì.

In: Minerva Pediatrica, Vol. 61, 2009, pag. 305-321.

Risultato della ricerca: Article

@article{183982b61d26448cbee6a67ab9f70c74,
title = "People with Down's syndrome:adolescence and the journey towards adulthood",
abstract = "Introduzione. La sessualit{\`a} nella persona con disabilit{\`a} viene affrontata con difficolt{\`a} e con inadeguatezza se non con franco rifiuto, con il risultato che le giovani persone disabili vengono, spesso, relegate ad un destino di solitudine e abbandono. E ci{\`o} si realizza ancora di pi{\`u} quando la condizione di disabilit{\`a} comporta ritardo mentale. Metodi. Sono stati reclutati 25 ragazzi di et{\`a} compresa tra 13 e 25 anni - 14 maschi (56{\%}) e 11 femmine (44{\%}) – insieme alle loro madri. Tutti frequentano l’Associazione Famiglie Persone Down di Palermo. Le giovani persone con sindrome di Down sono state invitate a svolgere una attivit{\`a} di disegno libero, quindi, a descrivere ci{\`o} che avevano disegnato. Le madri, invece, hanno risposto ad una intervista semistrutturata i cui contenuti sono stati organizzati intorno a tre aree: - reazioni dei genitori di fronte alla comunicazione da parte dei medici della nascita del figlio Down; i genitori e la sessualit{\`a} dei figli Down; le aspettative dei genitori rispetto al futuro dei propri figli Down. Risultati. I disegni liberi e la loro descrizione hanno dimostrato il chiaro emergere di temi che riguardano la sessualit{\`a} in 6 protocolli su 25. In 9 casi su 25 il riferimento alla sessualit{\`a} si nasconde dietro disegni e descrizioni allusive. 6 protocolli testimoniano, sebbene non direttamente riferibili al tema della sessualit{\`a}, l’emergere del conflitto di autonomia, tipico dell’adolescenza, a dimostrazione dell’iniziato processo di transito verso l’et{\`a} adulta. Soltanto in 4 situazioni il riferimento alla sessualit{\`a} non {\`e} interpretabile nelle produzioni dei ragazzi. L’analisi qualitativa delle interviste alle madri, ha evidenziato come il tema della sessualit{\`a} nel figlio con disabilit{\`a} sia vissuto dal genitore in maniera conflittuale. Conclusioni. I risultati ottenuti ci spingono ad affermare che la “questione sessuale” si pone in termini problematici dal punto di vista del genitore pi{\`u} che dal punto di vista del ragazzo. Ed in questa prospettiva, a vantaggio dei genitori, occorre pianificare gli interventi psicologico-clinici di educazione alla sessualit{\`a}.",
author = "Michele Roccella and {La Grutta}, Sabina and {Lo Baido}, Rosa and Trombini and Michele Roccella and Sarno and Cal{\`i}",
year = "2009",
language = "English",
volume = "61",
pages = "305--321",
journal = "Minerva Pediatrica",
issn = "0026-4946",
publisher = "Edizioni Minerva Medica S.p.A.",

}

TY - JOUR

T1 - People with Down's syndrome:adolescence and the journey towards adulthood

AU - Roccella, Michele

AU - La Grutta, Sabina

AU - Lo Baido, Rosa

AU - Trombini, null

AU - Roccella, Michele

AU - Sarno, null

AU - Calì, null

PY - 2009

Y1 - 2009

N2 - Introduzione. La sessualità nella persona con disabilità viene affrontata con difficoltà e con inadeguatezza se non con franco rifiuto, con il risultato che le giovani persone disabili vengono, spesso, relegate ad un destino di solitudine e abbandono. E ciò si realizza ancora di più quando la condizione di disabilità comporta ritardo mentale. Metodi. Sono stati reclutati 25 ragazzi di età compresa tra 13 e 25 anni - 14 maschi (56%) e 11 femmine (44%) – insieme alle loro madri. Tutti frequentano l’Associazione Famiglie Persone Down di Palermo. Le giovani persone con sindrome di Down sono state invitate a svolgere una attività di disegno libero, quindi, a descrivere ciò che avevano disegnato. Le madri, invece, hanno risposto ad una intervista semistrutturata i cui contenuti sono stati organizzati intorno a tre aree: - reazioni dei genitori di fronte alla comunicazione da parte dei medici della nascita del figlio Down; i genitori e la sessualità dei figli Down; le aspettative dei genitori rispetto al futuro dei propri figli Down. Risultati. I disegni liberi e la loro descrizione hanno dimostrato il chiaro emergere di temi che riguardano la sessualità in 6 protocolli su 25. In 9 casi su 25 il riferimento alla sessualità si nasconde dietro disegni e descrizioni allusive. 6 protocolli testimoniano, sebbene non direttamente riferibili al tema della sessualità, l’emergere del conflitto di autonomia, tipico dell’adolescenza, a dimostrazione dell’iniziato processo di transito verso l’età adulta. Soltanto in 4 situazioni il riferimento alla sessualità non è interpretabile nelle produzioni dei ragazzi. L’analisi qualitativa delle interviste alle madri, ha evidenziato come il tema della sessualità nel figlio con disabilità sia vissuto dal genitore in maniera conflittuale. Conclusioni. I risultati ottenuti ci spingono ad affermare che la “questione sessuale” si pone in termini problematici dal punto di vista del genitore più che dal punto di vista del ragazzo. Ed in questa prospettiva, a vantaggio dei genitori, occorre pianificare gli interventi psicologico-clinici di educazione alla sessualità.

AB - Introduzione. La sessualità nella persona con disabilità viene affrontata con difficoltà e con inadeguatezza se non con franco rifiuto, con il risultato che le giovani persone disabili vengono, spesso, relegate ad un destino di solitudine e abbandono. E ciò si realizza ancora di più quando la condizione di disabilità comporta ritardo mentale. Metodi. Sono stati reclutati 25 ragazzi di età compresa tra 13 e 25 anni - 14 maschi (56%) e 11 femmine (44%) – insieme alle loro madri. Tutti frequentano l’Associazione Famiglie Persone Down di Palermo. Le giovani persone con sindrome di Down sono state invitate a svolgere una attività di disegno libero, quindi, a descrivere ciò che avevano disegnato. Le madri, invece, hanno risposto ad una intervista semistrutturata i cui contenuti sono stati organizzati intorno a tre aree: - reazioni dei genitori di fronte alla comunicazione da parte dei medici della nascita del figlio Down; i genitori e la sessualità dei figli Down; le aspettative dei genitori rispetto al futuro dei propri figli Down. Risultati. I disegni liberi e la loro descrizione hanno dimostrato il chiaro emergere di temi che riguardano la sessualità in 6 protocolli su 25. In 9 casi su 25 il riferimento alla sessualità si nasconde dietro disegni e descrizioni allusive. 6 protocolli testimoniano, sebbene non direttamente riferibili al tema della sessualità, l’emergere del conflitto di autonomia, tipico dell’adolescenza, a dimostrazione dell’iniziato processo di transito verso l’età adulta. Soltanto in 4 situazioni il riferimento alla sessualità non è interpretabile nelle produzioni dei ragazzi. L’analisi qualitativa delle interviste alle madri, ha evidenziato come il tema della sessualità nel figlio con disabilità sia vissuto dal genitore in maniera conflittuale. Conclusioni. I risultati ottenuti ci spingono ad affermare che la “questione sessuale” si pone in termini problematici dal punto di vista del genitore più che dal punto di vista del ragazzo. Ed in questa prospettiva, a vantaggio dei genitori, occorre pianificare gli interventi psicologico-clinici di educazione alla sessualità.

UR - http://hdl.handle.net/10447/38072

M3 - Article

VL - 61

SP - 305

EP - 321

JO - Minerva Pediatrica

JF - Minerva Pediatrica

SN - 0026-4946

ER -