Palermo strana e meravigliosa. Lo sguardo inglese e la Golden Shell nella stampa periodica d'Ottocento

Romeo M.

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Questo volume mette a fuoco le interconnessioni che durante il XIX secolo legano la scrittura odeporica inglese, la pubblicazione e la diffusione del periodico e la rappresentazione della città di Palermo. I resoconti di viaggio analizzati sono pubblicati su alcuni dei periodici britannici più popolari in un arco di tempo che va dal 1800 al 1900, periodo in cui la quasi totalità dei travelogue racconta un itinerario di cui Palermo rappresenta solamente una tappa e che prevedeva la visita dell’intera isola, iniziando e concludendo il percorso nella capitale, o Messina, e proseguendo l’itinerario passando per Alcamo, Calatafimi, Segesta, Erice, Enna, Calatnissetta, Canicattì, Girgenti (l’odierna Agrigento), Siracusa, Catania, Taormina. Lo sguardo inglese sembra orientalizzare (Said), la città di Palermo, e spesso i travelogue costruiscono eterotopie spazio-temporali (Foucault) che permettono al viaggiatore di esperire la diversità, inferiorizzandone contestualmente l’episteme, senza lasciare spazio all’autorappresentazione. I Palermitani, fuorchè in rarissimi casi, non rientrano nella narrazione e, se presenti, non hanno voce. Le loro rappresentazioni rimandano piuttosto alle sgargianti decorazioni pittoriche e ai fregi che popolano le sponde del Carretto Siciliano, meri simboli di una silente iconografia folclorica.
Lingua originaleItalian
EditorePitti Edizioni
Numero di pagine150
ISBN (stampa)978-88-96569-25-2
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo

Palermo strana e meravigliosa. Lo sguardo inglese e la Golden Shell nella stampa periodica d'Ottocento. / Romeo M.

Pitti Edizioni, 2013. 150 pag.

Risultato della ricerca: Book

@book{64be8a982d1944a2bae6c179bd669449,
title = "Palermo strana e meravigliosa. Lo sguardo inglese e la Golden Shell nella stampa periodica d'Ottocento",
abstract = "Questo volume mette a fuoco le interconnessioni che durante il XIX secolo legano la scrittura odeporica inglese, la pubblicazione e la diffusione del periodico e la rappresentazione della citt{\`a} di Palermo. I resoconti di viaggio analizzati sono pubblicati su alcuni dei periodici britannici pi{\`u} popolari in un arco di tempo che va dal 1800 al 1900, periodo in cui la quasi totalit{\`a} dei travelogue racconta un itinerario di cui Palermo rappresenta solamente una tappa e che prevedeva la visita dell’intera isola, iniziando e concludendo il percorso nella capitale, o Messina, e proseguendo l’itinerario passando per Alcamo, Calatafimi, Segesta, Erice, Enna, Calatnissetta, Canicatt{\`i}, Girgenti (l’odierna Agrigento), Siracusa, Catania, Taormina. Lo sguardo inglese sembra orientalizzare (Said), la citt{\`a} di Palermo, e spesso i travelogue costruiscono eterotopie spazio-temporali (Foucault) che permettono al viaggiatore di esperire la diversit{\`a}, inferiorizzandone contestualmente l’episteme, senza lasciare spazio all’autorappresentazione. I Palermitani, fuorch{\`e} in rarissimi casi, non rientrano nella narrazione e, se presenti, non hanno voce. Le loro rappresentazioni rimandano piuttosto alle sgargianti decorazioni pittoriche e ai fregi che popolano le sponde del Carretto Siciliano, meri simboli di una silente iconografia folclorica.",
keywords = "Travel Writing, viaggiatori inglesi,Periodici Ottocento, Palermo, Orientalizzare",
author = "{Romeo M.} and Marcella Romeo",
year = "2013",
language = "Italian",
isbn = "978-88-96569-25-2",
publisher = "Pitti Edizioni",

}

TY - BOOK

T1 - Palermo strana e meravigliosa. Lo sguardo inglese e la Golden Shell nella stampa periodica d'Ottocento

AU - Romeo M.

AU - Romeo, Marcella

PY - 2013

Y1 - 2013

N2 - Questo volume mette a fuoco le interconnessioni che durante il XIX secolo legano la scrittura odeporica inglese, la pubblicazione e la diffusione del periodico e la rappresentazione della città di Palermo. I resoconti di viaggio analizzati sono pubblicati su alcuni dei periodici britannici più popolari in un arco di tempo che va dal 1800 al 1900, periodo in cui la quasi totalità dei travelogue racconta un itinerario di cui Palermo rappresenta solamente una tappa e che prevedeva la visita dell’intera isola, iniziando e concludendo il percorso nella capitale, o Messina, e proseguendo l’itinerario passando per Alcamo, Calatafimi, Segesta, Erice, Enna, Calatnissetta, Canicattì, Girgenti (l’odierna Agrigento), Siracusa, Catania, Taormina. Lo sguardo inglese sembra orientalizzare (Said), la città di Palermo, e spesso i travelogue costruiscono eterotopie spazio-temporali (Foucault) che permettono al viaggiatore di esperire la diversità, inferiorizzandone contestualmente l’episteme, senza lasciare spazio all’autorappresentazione. I Palermitani, fuorchè in rarissimi casi, non rientrano nella narrazione e, se presenti, non hanno voce. Le loro rappresentazioni rimandano piuttosto alle sgargianti decorazioni pittoriche e ai fregi che popolano le sponde del Carretto Siciliano, meri simboli di una silente iconografia folclorica.

AB - Questo volume mette a fuoco le interconnessioni che durante il XIX secolo legano la scrittura odeporica inglese, la pubblicazione e la diffusione del periodico e la rappresentazione della città di Palermo. I resoconti di viaggio analizzati sono pubblicati su alcuni dei periodici britannici più popolari in un arco di tempo che va dal 1800 al 1900, periodo in cui la quasi totalità dei travelogue racconta un itinerario di cui Palermo rappresenta solamente una tappa e che prevedeva la visita dell’intera isola, iniziando e concludendo il percorso nella capitale, o Messina, e proseguendo l’itinerario passando per Alcamo, Calatafimi, Segesta, Erice, Enna, Calatnissetta, Canicattì, Girgenti (l’odierna Agrigento), Siracusa, Catania, Taormina. Lo sguardo inglese sembra orientalizzare (Said), la città di Palermo, e spesso i travelogue costruiscono eterotopie spazio-temporali (Foucault) che permettono al viaggiatore di esperire la diversità, inferiorizzandone contestualmente l’episteme, senza lasciare spazio all’autorappresentazione. I Palermitani, fuorchè in rarissimi casi, non rientrano nella narrazione e, se presenti, non hanno voce. Le loro rappresentazioni rimandano piuttosto alle sgargianti decorazioni pittoriche e ai fregi che popolano le sponde del Carretto Siciliano, meri simboli di una silente iconografia folclorica.

KW - Travel Writing, viaggiatori inglesi,Periodici Ottocento, Palermo, Orientalizzare

UR - http://hdl.handle.net/10447/96348

M3 - Book

SN - 978-88-96569-25-2

BT - Palermo strana e meravigliosa. Lo sguardo inglese e la Golden Shell nella stampa periodica d'Ottocento

PB - Pitti Edizioni

ER -