Palermo, i fiumi e il mare

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

Il rapporto di Palermo con il mare è ed è stato prevalentemente concettuale, il che lo rende unico nel suo genere e capace diidentificare fortemente la città;le trasformazioni di Palermo, sin dalle sue origini, sono legatemolto chiaramente all’orografia che ha nelle direzioni Est/Ovest i suoi punti di forza, fino al punto che persino il famigerato PRGdegli anni Sessanta ha riprodotto lo stesso modello di espansione nella piana Nord, ancorché non condizionato dalla presenza di aste fluviali.Ammesso che il porto di Palermo almeno sino al medioevo, abbiaavuto il ruolo di nodo scambiatore (diremmo oggi), come testimoniano la presenza dei fondaci e la Ruga degli Aragonesiche integrava il porto alla struttura urbana attraverso il sistema dei mercati, possiamo, oggi, sostenere che possa avere un ruoloanalogo? Ci sono elementi importanti da prendere in considerazione: Palermo è stata una capitale, con tutto ciò che questo comporta neitermini di uno sviluppo del terziario e dei servizi a scapito di quello industriale; e lo sarebbe tutt’ora se non avesse rinunciato,da poco meno di due secoli a questa parte, a mantenere il ruolo come testimoniano le allocazioni delle principali istituzioniregionali, fatte salve le sedi che stanno in edifici rappresentativi di poteri precedenti.in occasione dell’ultimo POR, l’Università di Palermo ha partecipato a varie delle azioni ivi previste. Nel il PiT Palermo propose per la linea di costa la costruzione di un itinerario ‘museale’ costiero – non nel senso di un circuito di musei quanto piuttosto di un sistema puntiforme di luoghi in cui la cittàrappresentasse sé stessa verso il mare e dal mare: itinerario nel quale intrecciare servizi, archeologia, istituzioni culturali e altro,secondo la logica che il legame con il mare fosse discontinuo e che ciascuno dei luoghi si innervasse su strutture trasversali alla città.il porto potrebbe essere uno di quei luoghi.
Lingua originaleItalian
Pagine1-10
Numero di pagine10
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo