Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

In Sicilia, come quasi ovunque in Italia, le città hanno origini assai antiche. Qui tuttavia non si tratta di un’esperienza urbana riconducibile all’industrializzazione, ma di una dinamica spiegabile in base al modello della concentrazione insediativa, che evidenzia come siano assai eterogenee le funzioni delle città siciliane: più luogo di mero consumo delle rendite agrarie che di condensazione di specializzazioni commerciali e finanziarie, più di simbolizzazione del comando – politico e religioso – e del prestigio aristocratico che di egemonia e direzionalità economica e culturale sull’hinterland rurale. Ciò si ricollega alla creazione e al consolidato permanere dei grandi latifondi fino alla riforma agraria del secondo dopoguerra, quando prendono corpo processi di massiccio inurbamento verso le città capoluogo, e soprattutto verso Palermo, Catania, Messina. Anche per città come Palermo, il concetto chiave è quello di sovraurbanizzazione: la città è cresciuta non in funzione dell’incremento della domanda di lavoro ma più che altro a causa di forti processi di espulsione di forza lavoro dalle campagne circostanti, nelle quali il reddito e le opportunità di innovazione sono inferiori rispetto alla città.L’articolo ripercorre le vicende urbanistiche di Palermo dal 1860 a oggi, nel loro intreccio con le trasformazioni della sua composizione sociale, delle relazioni tra ceti, della rappresentanza e del governo politico: la fase preunitaria, il periodo 1860-1925 con le prime significative espansioni della città al di fuori delle mura storiche e il primo piano urbanistico con parziali sventramenti del centro storico, il ventennio fascista e il primo vero e proprio piano regolatore, la seconda guerra mondiale, dal dopoguerra agli anni ’60 (piano regolatore e dilagante speculazione edilizia), il varo del piano di recupero del centro storico (1993) fino all’ultima revisione del piano regolatore (2002).
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLe città italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale
Pagine356-411
Stato di pubblicazionePublished - 2007

Cita questo

Gerbino, G. (2007). Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi. In Le città italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale (pagg. 356-411)

Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi. / Gerbino, Giulio.

Le città italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale. 2007. pag. 356-411.

Risultato della ricerca: Chapter

Gerbino, G 2007, Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi. in Le città italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale. pagg. 356-411.
Gerbino G. Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi. In Le città italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale. 2007. pag. 356-411
Gerbino, Giulio. / Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi. Le città italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale. 2007. pagg. 356-411
@inbook{03042466fbf242a1ba09df3b4ddac95b,
title = "Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi",
abstract = "In Sicilia, come quasi ovunque in Italia, le citt{\`a} hanno origini assai antiche. Qui tuttavia non si tratta di un’esperienza urbana riconducibile all’industrializzazione, ma di una dinamica spiegabile in base al modello della concentrazione insediativa, che evidenzia come siano assai eterogenee le funzioni delle citt{\`a} siciliane: pi{\`u} luogo di mero consumo delle rendite agrarie che di condensazione di specializzazioni commerciali e finanziarie, pi{\`u} di simbolizzazione del comando – politico e religioso – e del prestigio aristocratico che di egemonia e direzionalit{\`a} economica e culturale sull’hinterland rurale. Ci{\`o} si ricollega alla creazione e al consolidato permanere dei grandi latifondi fino alla riforma agraria del secondo dopoguerra, quando prendono corpo processi di massiccio inurbamento verso le citt{\`a} capoluogo, e soprattutto verso Palermo, Catania, Messina. Anche per citt{\`a} come Palermo, il concetto chiave {\`e} quello di sovraurbanizzazione: la citt{\`a} {\`e} cresciuta non in funzione dell’incremento della domanda di lavoro ma pi{\`u} che altro a causa di forti processi di espulsione di forza lavoro dalle campagne circostanti, nelle quali il reddito e le opportunit{\`a} di innovazione sono inferiori rispetto alla citt{\`a}.L’articolo ripercorre le vicende urbanistiche di Palermo dal 1860 a oggi, nel loro intreccio con le trasformazioni della sua composizione sociale, delle relazioni tra ceti, della rappresentanza e del governo politico: la fase preunitaria, il periodo 1860-1925 con le prime significative espansioni della citt{\`a} al di fuori delle mura storiche e il primo piano urbanistico con parziali sventramenti del centro storico, il ventennio fascista e il primo vero e proprio piano regolatore, la seconda guerra mondiale, dal dopoguerra agli anni ’60 (piano regolatore e dilagante speculazione edilizia), il varo del piano di recupero del centro storico (1993) fino all’ultima revisione del piano regolatore (2002).",
author = "Giulio Gerbino",
year = "2007",
language = "Italian",
isbn = "978-88-464-9367-9",
pages = "356--411",
booktitle = "Le citt{\`a} italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale",

}

TY - CHAP

T1 - Palermo e la sua area metropolitana: vicende urbanistiche e sociali dal 1860 a oggi

AU - Gerbino, Giulio

PY - 2007

Y1 - 2007

N2 - In Sicilia, come quasi ovunque in Italia, le città hanno origini assai antiche. Qui tuttavia non si tratta di un’esperienza urbana riconducibile all’industrializzazione, ma di una dinamica spiegabile in base al modello della concentrazione insediativa, che evidenzia come siano assai eterogenee le funzioni delle città siciliane: più luogo di mero consumo delle rendite agrarie che di condensazione di specializzazioni commerciali e finanziarie, più di simbolizzazione del comando – politico e religioso – e del prestigio aristocratico che di egemonia e direzionalità economica e culturale sull’hinterland rurale. Ciò si ricollega alla creazione e al consolidato permanere dei grandi latifondi fino alla riforma agraria del secondo dopoguerra, quando prendono corpo processi di massiccio inurbamento verso le città capoluogo, e soprattutto verso Palermo, Catania, Messina. Anche per città come Palermo, il concetto chiave è quello di sovraurbanizzazione: la città è cresciuta non in funzione dell’incremento della domanda di lavoro ma più che altro a causa di forti processi di espulsione di forza lavoro dalle campagne circostanti, nelle quali il reddito e le opportunità di innovazione sono inferiori rispetto alla città.L’articolo ripercorre le vicende urbanistiche di Palermo dal 1860 a oggi, nel loro intreccio con le trasformazioni della sua composizione sociale, delle relazioni tra ceti, della rappresentanza e del governo politico: la fase preunitaria, il periodo 1860-1925 con le prime significative espansioni della città al di fuori delle mura storiche e il primo piano urbanistico con parziali sventramenti del centro storico, il ventennio fascista e il primo vero e proprio piano regolatore, la seconda guerra mondiale, dal dopoguerra agli anni ’60 (piano regolatore e dilagante speculazione edilizia), il varo del piano di recupero del centro storico (1993) fino all’ultima revisione del piano regolatore (2002).

AB - In Sicilia, come quasi ovunque in Italia, le città hanno origini assai antiche. Qui tuttavia non si tratta di un’esperienza urbana riconducibile all’industrializzazione, ma di una dinamica spiegabile in base al modello della concentrazione insediativa, che evidenzia come siano assai eterogenee le funzioni delle città siciliane: più luogo di mero consumo delle rendite agrarie che di condensazione di specializzazioni commerciali e finanziarie, più di simbolizzazione del comando – politico e religioso – e del prestigio aristocratico che di egemonia e direzionalità economica e culturale sull’hinterland rurale. Ciò si ricollega alla creazione e al consolidato permanere dei grandi latifondi fino alla riforma agraria del secondo dopoguerra, quando prendono corpo processi di massiccio inurbamento verso le città capoluogo, e soprattutto verso Palermo, Catania, Messina. Anche per città come Palermo, il concetto chiave è quello di sovraurbanizzazione: la città è cresciuta non in funzione dell’incremento della domanda di lavoro ma più che altro a causa di forti processi di espulsione di forza lavoro dalle campagne circostanti, nelle quali il reddito e le opportunità di innovazione sono inferiori rispetto alla città.L’articolo ripercorre le vicende urbanistiche di Palermo dal 1860 a oggi, nel loro intreccio con le trasformazioni della sua composizione sociale, delle relazioni tra ceti, della rappresentanza e del governo politico: la fase preunitaria, il periodo 1860-1925 con le prime significative espansioni della città al di fuori delle mura storiche e il primo piano urbanistico con parziali sventramenti del centro storico, il ventennio fascista e il primo vero e proprio piano regolatore, la seconda guerra mondiale, dal dopoguerra agli anni ’60 (piano regolatore e dilagante speculazione edilizia), il varo del piano di recupero del centro storico (1993) fino all’ultima revisione del piano regolatore (2002).

UR - http://hdl.handle.net/10447/16468

M3 - Chapter

SN - 978-88-464-9367-9

SP - 356

EP - 411

BT - Le città italiane tra spazio fisico e spazio socio-culturale

ER -