Osservazioni preliminari su biotipi spontanei di Salvia sclarea L. reperiti in Sicilia

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Salvia sclarea L., originaria del bacino del Mediterraneo, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Labiatae. Conosciuta fin dall’antichità come pianta medicinale, veniva utilizzata nella preparazione di decotti per la cura di infiammazioni cutanee e per disinfettare piaghe e ferite. In Sicilia, la specie, nota come muscatiddaru, si trova “su monti e colli” come riferito da Lo Jacono- Pojero, (1888). Nella tradizione dell’Isola, raccolta allo stato spontaneo, trovava applicazioni in medicina popolare e in pratiche rurali come l’aromatizzazione delle botti prima di accogliere il vino. La sua coltivazione su larga scala risale alla metà del XX secolo, sia in Europa, soprattutto in Francia, che in Russia e negli USA, trovando impiego nell’industria dei profumi e della cosmetica, grazie all’olio essenziale che viene estratto dalle sommità fiorite.In questi ultimi anni, la Salvia sclarea L., sta assumendo interesse crescente anche sotto il profilo farmacologico per le diverse proprietà salutistico-funzionali.In questo lavoro si riportano i risultati preliminari di una ricerca volta alla valutazione delle caratteristiche morfologiche e produttive di tre biotipi di Salvia sclarea L. reperiti in Sicilia, al fine di potere valorizzare materiale autoctono per possibili e diversificate filiere produttive.I risultati, seppure preliminari, lasciano intravedere l’opportunità di introduzione in coltura della specie.
Lingua originaleItalian
Pagine16-16
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo

@conference{ec837835e99c45efa21f4810d839d485,
title = "Osservazioni preliminari su biotipi spontanei di Salvia sclarea L. reperiti in Sicilia",
abstract = "Salvia sclarea L., originaria del bacino del Mediterraneo, {\`e} una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Labiatae. Conosciuta fin dall’antichit{\`a} come pianta medicinale, veniva utilizzata nella preparazione di decotti per la cura di infiammazioni cutanee e per disinfettare piaghe e ferite. In Sicilia, la specie, nota come muscatiddaru, si trova “su monti e colli” come riferito da Lo Jacono- Pojero, (1888). Nella tradizione dell’Isola, raccolta allo stato spontaneo, trovava applicazioni in medicina popolare e in pratiche rurali come l’aromatizzazione delle botti prima di accogliere il vino. La sua coltivazione su larga scala risale alla met{\`a} del XX secolo, sia in Europa, soprattutto in Francia, che in Russia e negli USA, trovando impiego nell’industria dei profumi e della cosmetica, grazie all’olio essenziale che viene estratto dalle sommit{\`a} fiorite.In questi ultimi anni, la Salvia sclarea L., sta assumendo interesse crescente anche sotto il profilo farmacologico per le diverse propriet{\`a} salutistico-funzionali.In questo lavoro si riportano i risultati preliminari di una ricerca volta alla valutazione delle caratteristiche morfologiche e produttive di tre biotipi di Salvia sclarea L. reperiti in Sicilia, al fine di potere valorizzare materiale autoctono per possibili e diversificate filiere produttive.I risultati, seppure preliminari, lasciano intravedere l’opportunit{\`a} di introduzione in coltura della specie.",
keywords = "Pianta medicinale, germoplasma autoctono, propriet{\`a} salutistico-funzionali",
author = "Teresa Tuttolomondo and Giuseppe Virga and {La Bella}, Salvatore and Eleonora D'Anna",
year = "2009",
language = "Italian",
pages = "16--16",

}

TY - CONF

T1 - Osservazioni preliminari su biotipi spontanei di Salvia sclarea L. reperiti in Sicilia

AU - Tuttolomondo, Teresa

AU - Virga, Giuseppe

AU - La Bella, Salvatore

AU - D'Anna, Eleonora

PY - 2009

Y1 - 2009

N2 - Salvia sclarea L., originaria del bacino del Mediterraneo, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Labiatae. Conosciuta fin dall’antichità come pianta medicinale, veniva utilizzata nella preparazione di decotti per la cura di infiammazioni cutanee e per disinfettare piaghe e ferite. In Sicilia, la specie, nota come muscatiddaru, si trova “su monti e colli” come riferito da Lo Jacono- Pojero, (1888). Nella tradizione dell’Isola, raccolta allo stato spontaneo, trovava applicazioni in medicina popolare e in pratiche rurali come l’aromatizzazione delle botti prima di accogliere il vino. La sua coltivazione su larga scala risale alla metà del XX secolo, sia in Europa, soprattutto in Francia, che in Russia e negli USA, trovando impiego nell’industria dei profumi e della cosmetica, grazie all’olio essenziale che viene estratto dalle sommità fiorite.In questi ultimi anni, la Salvia sclarea L., sta assumendo interesse crescente anche sotto il profilo farmacologico per le diverse proprietà salutistico-funzionali.In questo lavoro si riportano i risultati preliminari di una ricerca volta alla valutazione delle caratteristiche morfologiche e produttive di tre biotipi di Salvia sclarea L. reperiti in Sicilia, al fine di potere valorizzare materiale autoctono per possibili e diversificate filiere produttive.I risultati, seppure preliminari, lasciano intravedere l’opportunità di introduzione in coltura della specie.

AB - Salvia sclarea L., originaria del bacino del Mediterraneo, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Labiatae. Conosciuta fin dall’antichità come pianta medicinale, veniva utilizzata nella preparazione di decotti per la cura di infiammazioni cutanee e per disinfettare piaghe e ferite. In Sicilia, la specie, nota come muscatiddaru, si trova “su monti e colli” come riferito da Lo Jacono- Pojero, (1888). Nella tradizione dell’Isola, raccolta allo stato spontaneo, trovava applicazioni in medicina popolare e in pratiche rurali come l’aromatizzazione delle botti prima di accogliere il vino. La sua coltivazione su larga scala risale alla metà del XX secolo, sia in Europa, soprattutto in Francia, che in Russia e negli USA, trovando impiego nell’industria dei profumi e della cosmetica, grazie all’olio essenziale che viene estratto dalle sommità fiorite.In questi ultimi anni, la Salvia sclarea L., sta assumendo interesse crescente anche sotto il profilo farmacologico per le diverse proprietà salutistico-funzionali.In questo lavoro si riportano i risultati preliminari di una ricerca volta alla valutazione delle caratteristiche morfologiche e produttive di tre biotipi di Salvia sclarea L. reperiti in Sicilia, al fine di potere valorizzare materiale autoctono per possibili e diversificate filiere produttive.I risultati, seppure preliminari, lasciano intravedere l’opportunità di introduzione in coltura della specie.

KW - Pianta medicinale

KW - germoplasma autoctono

KW - proprietà salutistico-funzionali

UR - http://hdl.handle.net/10447/48443

M3 - Other

SP - 16

EP - 16

ER -