Oasi di Slander

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

L’Oasi di Slander, naturalmente, non esiste. Ma è del tutto pensabile, immaginabile, e viene in- fatti descritta, in maniera agile intelligente e creativamente perfida. È un gioco, ma non un gioco innocente, anzi crudele per le allusioni e per i sentimenti che lascia trasparire.Soprattutto è anche un lavoro di mano competente e talora geniale. Racconta, con non sempre caritatevole humour, di una “derelict land” che il Signor Slander vuole far diventare un parco in- cantato e fruibile. Non senza introdurre sconcertanti regole urbanistiche, botaniche ed altro che condurranno a imprevedibili complicazioni.È una malizia letteraria. Ma, attenzione: sembra puro divertimento per i nostri lettori, cosa peral- tro quanto mai opportuna in questo periodo in cui vediamo sventolare solo bandiere di pericolo. È invece una lezione realistica e amara che ci indica quanto sia facile premere il bottone rosso dell’autodistruzione (E.G.)
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)17-20
Numero di pagine4
RivistaNATURA E MONTAGNA
Volume2-2020
Stato di pubblicazionePublished - 2021

Cita questo