Note illustrative della Carta geologica d’Italia alla scala 1:50000, Foglio 601 “MESSINA – REGGIO DI CALABRIA

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

La parte marina del Foglio n° 601 Messina-Reggio di Calabria in scala 1:50.000 è stata realizzata nell’ambito del progetto CARG, tramite un contratto tra APAT-Servizio Geologico Nazionale e CoNISMa – Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare- (Unità locali di Ricerca delle Università di Roma, Catania, Cosenza e Palermo), con rilevamenti eseguiti nel periodo 2005-2007. Nel dettaglio, l’Unità di Roma ha curato il coordinamento delle attività, la progettazione delle campagne di ricerca a mare, l’acquisizione e l’interpretazione dei dati batimorfologici e sonar e la definizione delle unità deposizionali; l’Unità di Palermo ha curato l’acquisizione dei dati sismici, la definizione dell’assetto stratigrafico e strutturale dell’area e l’individuazione delle unità litostratigrafiche; l’unità di Catania ha curato i campionamenti, la caratterizzazione tessiturale e paleoecologica dei sedimenti superficiali e la definizione delle unità deposizionali; l’unità di Cosenza ha curato la caratterizzazione mineralogico-petrografica delle sabbie e dei due campioni di basamento raccolti sul versante siciliano dell’area. La sede centrale del CoNISMa ha curato gli aspetti amministrativi e gestionali del progetto. La parte marina costituisce poco meno della metà (circa il 43%) della superficie compresa nel Foglio e si sviluppa quasi esclusivamente nell’ambiente di scarpata continentale, caratterizzato dalla prevalenza di processi di instabilità e trasporto sottomarino ad opera di flussi gravitativi canalizzati e non. Nei settori meno profondi, ai suddetti processi si aggiungono complesse dinamiche di trasporto e sedimentazione legate alle intense fenomenologie oceanografiche che contraddistinguono lo Stretto e le aree adiacenti. A causa del differimento tra i due atti contrattuali relativi al rilevamento delle aree emerse (1998-2005) e a quello delle aree sommerse (2005-2007), la stesura delle note illustrative è stata effettuata mantenendo completamente separate le due parti. I rispettivi coordinatori hanno tuttavia provveduto ad evitare che vi fossero discrepanze o sovrapposizioni fondamentali nei lineamenti generali. (PARTE A MARE) In considerazione della mancanza di precedenti studi di dettaglio, soprattutto delle aree situate a maggior profondità, la parte marina del Foglio Messina-Reggio di Calabria rappresenta un documento interamente “originale” i cui risvolti scientifici e cartografici sono di grande interesse. Gli studi precedenti hanno infatti riguardato essenzialmente la zona di soglia dello Stretto di Messina, ove sono state condotte sia ricerche sull’assetto morfo-sedimentario sia a carattere sismostratigrafico. A meno di alcune osservazioni sulla morfologia e sui processi di trasporto gravitativo (es. evento torbiditico in occasione del terremoto del 1908) le restanti parti più profonde (settore centro-meridionale del Foglio) risultavano praticamente sconosciute.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Cita questo

@misc{ca3a70c9d0594e86bca2940f62b57133,
title = "Note illustrative della Carta geologica d’Italia alla scala 1:50000, Foglio 601 “MESSINA – REGGIO DI CALABRIA",
abstract = "La parte marina del Foglio n° 601 Messina-Reggio di Calabria in scala 1:50.000 {\`e} stata realizzata nell’ambito del progetto CARG, tramite un contratto tra APAT-Servizio Geologico Nazionale e CoNISMa – Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare- (Unit{\`a} locali di Ricerca delle Universit{\`a} di Roma, Catania, Cosenza e Palermo), con rilevamenti eseguiti nel periodo 2005-2007. Nel dettaglio, l’Unit{\`a} di Roma ha curato il coordinamento delle attivit{\`a}, la progettazione delle campagne di ricerca a mare, l’acquisizione e l’interpretazione dei dati batimorfologici e sonar e la definizione delle unit{\`a} deposizionali; l’Unit{\`a} di Palermo ha curato l’acquisizione dei dati sismici, la definizione dell’assetto stratigrafico e strutturale dell’area e l’individuazione delle unit{\`a} litostratigrafiche; l’unit{\`a} di Catania ha curato i campionamenti, la caratterizzazione tessiturale e paleoecologica dei sedimenti superficiali e la definizione delle unit{\`a} deposizionali; l’unit{\`a} di Cosenza ha curato la caratterizzazione mineralogico-petrografica delle sabbie e dei due campioni di basamento raccolti sul versante siciliano dell’area. La sede centrale del CoNISMa ha curato gli aspetti amministrativi e gestionali del progetto. La parte marina costituisce poco meno della met{\`a} (circa il 43{\%}) della superficie compresa nel Foglio e si sviluppa quasi esclusivamente nell’ambiente di scarpata continentale, caratterizzato dalla prevalenza di processi di instabilit{\`a} e trasporto sottomarino ad opera di flussi gravitativi canalizzati e non. Nei settori meno profondi, ai suddetti processi si aggiungono complesse dinamiche di trasporto e sedimentazione legate alle intense fenomenologie oceanografiche che contraddistinguono lo Stretto e le aree adiacenti. A causa del differimento tra i due atti contrattuali relativi al rilevamento delle aree emerse (1998-2005) e a quello delle aree sommerse (2005-2007), la stesura delle note illustrative {\`e} stata effettuata mantenendo completamente separate le due parti. I rispettivi coordinatori hanno tuttavia provveduto ad evitare che vi fossero discrepanze o sovrapposizioni fondamentali nei lineamenti generali. (PARTE A MARE) In considerazione della mancanza di precedenti studi di dettaglio, soprattutto delle aree situate a maggior profondit{\`a}, la parte marina del Foglio Messina-Reggio di Calabria rappresenta un documento interamente “originale” i cui risvolti scientifici e cartografici sono di grande interesse. Gli studi precedenti hanno infatti riguardato essenzialmente la zona di soglia dello Stretto di Messina, ove sono state condotte sia ricerche sull’assetto morfo-sedimentario sia a carattere sismostratigrafico. A meno di alcune osservazioni sulla morfologia e sui processi di trasporto gravitativo (es. evento torbiditico in occasione del terremoto del 1908) le restanti parti pi{\`u} profonde (settore centro-meridionale del Foglio) risultavano praticamente sconosciute.",
keywords = "tettonica, sismica a riflessione",
author = "Raimondo Catalano and Attilio Sulli and Mauro Agate",
year = "2008",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Note illustrative della Carta geologica d’Italia alla scala 1:50000, Foglio 601 “MESSINA – REGGIO DI CALABRIA

AU - Catalano, Raimondo

AU - Sulli, Attilio

AU - Agate, Mauro

PY - 2008

Y1 - 2008

N2 - La parte marina del Foglio n° 601 Messina-Reggio di Calabria in scala 1:50.000 è stata realizzata nell’ambito del progetto CARG, tramite un contratto tra APAT-Servizio Geologico Nazionale e CoNISMa – Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare- (Unità locali di Ricerca delle Università di Roma, Catania, Cosenza e Palermo), con rilevamenti eseguiti nel periodo 2005-2007. Nel dettaglio, l’Unità di Roma ha curato il coordinamento delle attività, la progettazione delle campagne di ricerca a mare, l’acquisizione e l’interpretazione dei dati batimorfologici e sonar e la definizione delle unità deposizionali; l’Unità di Palermo ha curato l’acquisizione dei dati sismici, la definizione dell’assetto stratigrafico e strutturale dell’area e l’individuazione delle unità litostratigrafiche; l’unità di Catania ha curato i campionamenti, la caratterizzazione tessiturale e paleoecologica dei sedimenti superficiali e la definizione delle unità deposizionali; l’unità di Cosenza ha curato la caratterizzazione mineralogico-petrografica delle sabbie e dei due campioni di basamento raccolti sul versante siciliano dell’area. La sede centrale del CoNISMa ha curato gli aspetti amministrativi e gestionali del progetto. La parte marina costituisce poco meno della metà (circa il 43%) della superficie compresa nel Foglio e si sviluppa quasi esclusivamente nell’ambiente di scarpata continentale, caratterizzato dalla prevalenza di processi di instabilità e trasporto sottomarino ad opera di flussi gravitativi canalizzati e non. Nei settori meno profondi, ai suddetti processi si aggiungono complesse dinamiche di trasporto e sedimentazione legate alle intense fenomenologie oceanografiche che contraddistinguono lo Stretto e le aree adiacenti. A causa del differimento tra i due atti contrattuali relativi al rilevamento delle aree emerse (1998-2005) e a quello delle aree sommerse (2005-2007), la stesura delle note illustrative è stata effettuata mantenendo completamente separate le due parti. I rispettivi coordinatori hanno tuttavia provveduto ad evitare che vi fossero discrepanze o sovrapposizioni fondamentali nei lineamenti generali. (PARTE A MARE) In considerazione della mancanza di precedenti studi di dettaglio, soprattutto delle aree situate a maggior profondità, la parte marina del Foglio Messina-Reggio di Calabria rappresenta un documento interamente “originale” i cui risvolti scientifici e cartografici sono di grande interesse. Gli studi precedenti hanno infatti riguardato essenzialmente la zona di soglia dello Stretto di Messina, ove sono state condotte sia ricerche sull’assetto morfo-sedimentario sia a carattere sismostratigrafico. A meno di alcune osservazioni sulla morfologia e sui processi di trasporto gravitativo (es. evento torbiditico in occasione del terremoto del 1908) le restanti parti più profonde (settore centro-meridionale del Foglio) risultavano praticamente sconosciute.

AB - La parte marina del Foglio n° 601 Messina-Reggio di Calabria in scala 1:50.000 è stata realizzata nell’ambito del progetto CARG, tramite un contratto tra APAT-Servizio Geologico Nazionale e CoNISMa – Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare- (Unità locali di Ricerca delle Università di Roma, Catania, Cosenza e Palermo), con rilevamenti eseguiti nel periodo 2005-2007. Nel dettaglio, l’Unità di Roma ha curato il coordinamento delle attività, la progettazione delle campagne di ricerca a mare, l’acquisizione e l’interpretazione dei dati batimorfologici e sonar e la definizione delle unità deposizionali; l’Unità di Palermo ha curato l’acquisizione dei dati sismici, la definizione dell’assetto stratigrafico e strutturale dell’area e l’individuazione delle unità litostratigrafiche; l’unità di Catania ha curato i campionamenti, la caratterizzazione tessiturale e paleoecologica dei sedimenti superficiali e la definizione delle unità deposizionali; l’unità di Cosenza ha curato la caratterizzazione mineralogico-petrografica delle sabbie e dei due campioni di basamento raccolti sul versante siciliano dell’area. La sede centrale del CoNISMa ha curato gli aspetti amministrativi e gestionali del progetto. La parte marina costituisce poco meno della metà (circa il 43%) della superficie compresa nel Foglio e si sviluppa quasi esclusivamente nell’ambiente di scarpata continentale, caratterizzato dalla prevalenza di processi di instabilità e trasporto sottomarino ad opera di flussi gravitativi canalizzati e non. Nei settori meno profondi, ai suddetti processi si aggiungono complesse dinamiche di trasporto e sedimentazione legate alle intense fenomenologie oceanografiche che contraddistinguono lo Stretto e le aree adiacenti. A causa del differimento tra i due atti contrattuali relativi al rilevamento delle aree emerse (1998-2005) e a quello delle aree sommerse (2005-2007), la stesura delle note illustrative è stata effettuata mantenendo completamente separate le due parti. I rispettivi coordinatori hanno tuttavia provveduto ad evitare che vi fossero discrepanze o sovrapposizioni fondamentali nei lineamenti generali. (PARTE A MARE) In considerazione della mancanza di precedenti studi di dettaglio, soprattutto delle aree situate a maggior profondità, la parte marina del Foglio Messina-Reggio di Calabria rappresenta un documento interamente “originale” i cui risvolti scientifici e cartografici sono di grande interesse. Gli studi precedenti hanno infatti riguardato essenzialmente la zona di soglia dello Stretto di Messina, ove sono state condotte sia ricerche sull’assetto morfo-sedimentario sia a carattere sismostratigrafico. A meno di alcune osservazioni sulla morfologia e sui processi di trasporto gravitativo (es. evento torbiditico in occasione del terremoto del 1908) le restanti parti più profonde (settore centro-meridionale del Foglio) risultavano praticamente sconosciute.

KW - tettonica, sismica a riflessione

UR - http://hdl.handle.net/10447/36656

M3 - Other contribution

ER -