Non nominare il nome di Dio invano. L'emendatio kantiana della prova ontologica

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Se l'argomento a priori, che Kant nel Beweisgrund del 1762 oppone come l'unico possibile a quello cartesiano, muove dal concetto del possibile in generale, radicalizzando in modo esplicito la questione di Dio sul terreno della ricerca ontologica, ciò coinvolge in modo tutt'altro che indolore l'impianto speculativo dell'ontologia prekantiana, minandone alla radice i presupposti teorici. Un attacco che si rivela tanto più fatale, dal momento che viene lanciato, per così dire, dall'interno stesso del razionalismo metafisico, e segnatamente da un autore, quale è il Kant dei primi anni '60, che coltiva ancora il sogno «dogmatico» di consolidare le pretese della metafisica nella conquista di una prova rigorosa dell'esistenza di Dio.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)99-127
Numero di pagine29
RivistaSTUDI KANTIANI
VolumeXXII
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo