New York e i sensi del ritorno

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Rifletto più in generale sul senso del vivere, ma, anche, più particolarmente, su una concezione del vagabondaggio tutta americana (gli hobos) e, formalmente, sulle convenzioni scientifiche da adottare per scrivere sulla cultura in chiave autoetnografica, senza obliterare il ruolo della coscienza individuale, tenendo sempre in primo piano il comparativismo interculturale. Questo saggio è più semplice dal punto di vista formale (rispetto ad altri in cui uso espedienti del tipo correlativo oggettivo, flussi di coscienza, collage-bricolage, contestualizzazioni d’uso, etc.). Ma sono contento, lo stesso, per i contenuti antropologici (definire l’America e la sua cultura) e perché, in fondo, pongo pure un problema formale anche in questo saggio: il problema della convenzione scientifica da adottare per scrivere sulla cultura in chiave autoetnografica e il ruolo della coscienza in etnografia. Per non parlare dei miei soliti crucci che esploro qui in lungo e largo: come concepire il passato e il futuro, il senso da dare alla vita e ad alcune forme di alterità quali il vagabondaggio e l’elemosina, il valore dell’inizio nella configurazione di uno stile di vita, la commistione letteratura-antropologia.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine0
RivistaDIALOGHI MEDITERRANEI
Volume21
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo