Neurobiologia e genesi delle religioni. Parte Prima: Fattori neurobiologici ed evolutivi nella formazione delle idee religiose.

Ernandes M

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Sommario 1) Introduzione (Tylor e la definizione di “religione”; livelli di studio della religione: neurobiologico, fenomenologico-strutturale, sociale, economico-materialistico, storico). 2) Le modificazioni dell’encefalo nell’evoluzione dei Vertebrati (con particolare riferimento agli studi di P. D. MacLean) 3) Aspetti funzionali dell’attività cerebrale (utilizzazione del concetto di operatore cognitivo di Newberg e d’Aquili e sua estensione e diversificazione in operatori encefalici di tipo comportamentale, emotivo e cognitivo) 4) Comportamenti di dominanza-sottomissione nelle religioni. 5) Lo stimolo traumatico e la genesi del concetto di “Essere dall’Estrema Potenza”. 6) Sull’origine dell’idea di “anima”, l’ “imprinting” religioso e la contraddizione logica nelle idee religiose. 7) Esseri divini di tipo Rettiliano, Limbico e Neocorticale. 8) La proiezione del capo-branco sull’ “Essere potente” ed il suo riflesso sui capi assoluti umani. 9) L’ “Essere potente” come proiezione del capo-branco: Freud e Morris. 10) Correlazioni neurobiologiche (in particolare quelli dovuti a carenza di serotonina).
Lingua originaleItalian
EditoreAlinea Editrice S.r.l.
ISBN (stampa)88-6055-091-2
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo

@book{5f1d36cc06fc455e93f1227d0a67d700,
title = "Neurobiologia e genesi delle religioni. Parte Prima: Fattori neurobiologici ed evolutivi nella formazione delle idee religiose.",
abstract = "Sommario 1) Introduzione (Tylor e la definizione di “religione”; livelli di studio della religione: neurobiologico, fenomenologico-strutturale, sociale, economico-materialistico, storico). 2) Le modificazioni dell’encefalo nell’evoluzione dei Vertebrati (con particolare riferimento agli studi di P. D. MacLean) 3) Aspetti funzionali dell’attivit{\`a} cerebrale (utilizzazione del concetto di operatore cognitivo di Newberg e d’Aquili e sua estensione e diversificazione in operatori encefalici di tipo comportamentale, emotivo e cognitivo) 4) Comportamenti di dominanza-sottomissione nelle religioni. 5) Lo stimolo traumatico e la genesi del concetto di “Essere dall’Estrema Potenza”. 6) Sull’origine dell’idea di “anima”, l’ “imprinting” religioso e la contraddizione logica nelle idee religiose. 7) Esseri divini di tipo Rettiliano, Limbico e Neocorticale. 8) La proiezione del capo-branco sull’ “Essere potente” ed il suo riflesso sui capi assoluti umani. 9) L’ “Essere potente” come proiezione del capo-branco: Freud e Morris. 10) Correlazioni neurobiologiche (in particolare quelli dovuti a carenza di serotonina).",
author = "{Ernandes M} and Michele Ernandes",
year = "2006",
language = "Italian",
isbn = "88-6055-091-2",
publisher = "Alinea Editrice S.r.l.",

}

TY - BOOK

T1 - Neurobiologia e genesi delle religioni. Parte Prima: Fattori neurobiologici ed evolutivi nella formazione delle idee religiose.

AU - Ernandes M

AU - Ernandes, Michele

PY - 2006

Y1 - 2006

N2 - Sommario 1) Introduzione (Tylor e la definizione di “religione”; livelli di studio della religione: neurobiologico, fenomenologico-strutturale, sociale, economico-materialistico, storico). 2) Le modificazioni dell’encefalo nell’evoluzione dei Vertebrati (con particolare riferimento agli studi di P. D. MacLean) 3) Aspetti funzionali dell’attività cerebrale (utilizzazione del concetto di operatore cognitivo di Newberg e d’Aquili e sua estensione e diversificazione in operatori encefalici di tipo comportamentale, emotivo e cognitivo) 4) Comportamenti di dominanza-sottomissione nelle religioni. 5) Lo stimolo traumatico e la genesi del concetto di “Essere dall’Estrema Potenza”. 6) Sull’origine dell’idea di “anima”, l’ “imprinting” religioso e la contraddizione logica nelle idee religiose. 7) Esseri divini di tipo Rettiliano, Limbico e Neocorticale. 8) La proiezione del capo-branco sull’ “Essere potente” ed il suo riflesso sui capi assoluti umani. 9) L’ “Essere potente” come proiezione del capo-branco: Freud e Morris. 10) Correlazioni neurobiologiche (in particolare quelli dovuti a carenza di serotonina).

AB - Sommario 1) Introduzione (Tylor e la definizione di “religione”; livelli di studio della religione: neurobiologico, fenomenologico-strutturale, sociale, economico-materialistico, storico). 2) Le modificazioni dell’encefalo nell’evoluzione dei Vertebrati (con particolare riferimento agli studi di P. D. MacLean) 3) Aspetti funzionali dell’attività cerebrale (utilizzazione del concetto di operatore cognitivo di Newberg e d’Aquili e sua estensione e diversificazione in operatori encefalici di tipo comportamentale, emotivo e cognitivo) 4) Comportamenti di dominanza-sottomissione nelle religioni. 5) Lo stimolo traumatico e la genesi del concetto di “Essere dall’Estrema Potenza”. 6) Sull’origine dell’idea di “anima”, l’ “imprinting” religioso e la contraddizione logica nelle idee religiose. 7) Esseri divini di tipo Rettiliano, Limbico e Neocorticale. 8) La proiezione del capo-branco sull’ “Essere potente” ed il suo riflesso sui capi assoluti umani. 9) L’ “Essere potente” come proiezione del capo-branco: Freud e Morris. 10) Correlazioni neurobiologiche (in particolare quelli dovuti a carenza di serotonina).

UR - http://hdl.handle.net/10447/17521

M3 - Book

SN - 88-6055-091-2

BT - Neurobiologia e genesi delle religioni. Parte Prima: Fattori neurobiologici ed evolutivi nella formazione delle idee religiose.

PB - Alinea Editrice S.r.l.

ER -