Musica ← Tecnica → Architettura

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Da quale punto di vista affrontare la questione circa i rapporti tra Musica e Architettura, partendo dal fatto che le due discipline (o Arti) hanno senz’altro moltissime cose in comune?Entrambe si compongono e si rappresentano attraverso di-segni su carta in grado di ordinare lo spazio ed il tempo misurandone l’estensione e/o la durata. Entrambe, concettualmente, condividono un modus operandi che procede dall’ideazione alla esecuzione, nel tempo e nello spazio, appunto: la musica si esegue a tempo e, il più delle volte, in uno spazio adeguato alla corretta diffusione delle onde sonore; l’architettura si esegue (costruisce) nel tempo e in uno spazio/luogo adeguato alla sua realizzazione. Entrambe, poi, condividono un linguaggio, nel senso letterale del termine, fatto di parole che spesso assumono il medesimo significato malgrado le specifiche differenze disciplinari. L'articolo illustra i rapporti tra Musica e Architettura a partire dalla disamina delle relazioni e delle differenze tra le stesse esistenti basate sulla Tecnica che alle stesse sottende.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteComposizione Musica Architettura
Pagine130-139
Numero di pagine10
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Serie di pubblicazioni

NomeMosaico

Cita questo

Corrao, R. (2013). Musica ← Tecnica → Architettura. In Composizione Musica Architettura (pagg. 130-139). (Mosaico).

Musica ← Tecnica → Architettura. / Corrao, Rossella.

Composizione Musica Architettura. 2013. pag. 130-139 (Mosaico).

Risultato della ricerca: Chapter

Corrao, R 2013, Musica ← Tecnica → Architettura. in Composizione Musica Architettura. Mosaico, pagg. 130-139.
Corrao R. Musica ← Tecnica → Architettura. In Composizione Musica Architettura. 2013. pag. 130-139. (Mosaico).
Corrao, Rossella. / Musica ← Tecnica → Architettura. Composizione Musica Architettura. 2013. pagg. 130-139 (Mosaico).
@inbook{584c37a0adeb45db8a0784b820a819d4,
title = "Musica ← Tecnica → Architettura",
abstract = "Da quale punto di vista affrontare la questione circa i rapporti tra Musica e Architettura, partendo dal fatto che le due discipline (o Arti) hanno senz’altro moltissime cose in comune?Entrambe si compongono e si rappresentano attraverso di-segni su carta in grado di ordinare lo spazio ed il tempo misurandone l’estensione e/o la durata. Entrambe, concettualmente, condividono un modus operandi che procede dall’ideazione alla esecuzione, nel tempo e nello spazio, appunto: la musica si esegue a tempo e, il pi{\`u} delle volte, in uno spazio adeguato alla corretta diffusione delle onde sonore; l’architettura si esegue (costruisce) nel tempo e in uno spazio/luogo adeguato alla sua realizzazione. Entrambe, poi, condividono un linguaggio, nel senso letterale del termine, fatto di parole che spesso assumono il medesimo significato malgrado le specifiche differenze disciplinari. L'articolo illustra i rapporti tra Musica e Architettura a partire dalla disamina delle relazioni e delle differenze tra le stesse esistenti basate sulla Tecnica che alle stesse sottende.",
author = "Rossella Corrao",
year = "2013",
language = "Italian",
isbn = "9788867640263",
series = "Mosaico",
pages = "130--139",
booktitle = "Composizione Musica Architettura",

}

TY - CHAP

T1 - Musica ← Tecnica → Architettura

AU - Corrao, Rossella

PY - 2013

Y1 - 2013

N2 - Da quale punto di vista affrontare la questione circa i rapporti tra Musica e Architettura, partendo dal fatto che le due discipline (o Arti) hanno senz’altro moltissime cose in comune?Entrambe si compongono e si rappresentano attraverso di-segni su carta in grado di ordinare lo spazio ed il tempo misurandone l’estensione e/o la durata. Entrambe, concettualmente, condividono un modus operandi che procede dall’ideazione alla esecuzione, nel tempo e nello spazio, appunto: la musica si esegue a tempo e, il più delle volte, in uno spazio adeguato alla corretta diffusione delle onde sonore; l’architettura si esegue (costruisce) nel tempo e in uno spazio/luogo adeguato alla sua realizzazione. Entrambe, poi, condividono un linguaggio, nel senso letterale del termine, fatto di parole che spesso assumono il medesimo significato malgrado le specifiche differenze disciplinari. L'articolo illustra i rapporti tra Musica e Architettura a partire dalla disamina delle relazioni e delle differenze tra le stesse esistenti basate sulla Tecnica che alle stesse sottende.

AB - Da quale punto di vista affrontare la questione circa i rapporti tra Musica e Architettura, partendo dal fatto che le due discipline (o Arti) hanno senz’altro moltissime cose in comune?Entrambe si compongono e si rappresentano attraverso di-segni su carta in grado di ordinare lo spazio ed il tempo misurandone l’estensione e/o la durata. Entrambe, concettualmente, condividono un modus operandi che procede dall’ideazione alla esecuzione, nel tempo e nello spazio, appunto: la musica si esegue a tempo e, il più delle volte, in uno spazio adeguato alla corretta diffusione delle onde sonore; l’architettura si esegue (costruisce) nel tempo e in uno spazio/luogo adeguato alla sua realizzazione. Entrambe, poi, condividono un linguaggio, nel senso letterale del termine, fatto di parole che spesso assumono il medesimo significato malgrado le specifiche differenze disciplinari. L'articolo illustra i rapporti tra Musica e Architettura a partire dalla disamina delle relazioni e delle differenze tra le stesse esistenti basate sulla Tecnica che alle stesse sottende.

UR - http://hdl.handle.net/10447/92309

M3 - Chapter

SN - 9788867640263

T3 - Mosaico

SP - 130

EP - 139

BT - Composizione Musica Architettura

ER -