Movetur urbs sedibus suis et currit ad martyrum tumulos. Uno sguardo alle città d'Italia fra IV e VI secolo d.C.

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Il saggio costituisce un contributo allo studio dei processi di trasformazione della città nella Tarda Antichità in seguito al declino dei culti pagani ed all’impatto della nuova religiosità cristiana. Alla luce delle testimonianze letterarie, agiografiche, epigrafiche, archeologiche, attraverso una campionatura di esempi significativi riguardanti città dell’Italia e della Sicilia, è stato indagato il significato, sul piano sociale, della diffusione del culto dei santi con particolare attenzione ai seguenti aspetti: pratica della depositio ad sanctos, spostamento delle strutture insediative verso i luoghi di culto, fenomeno dei pellegrinaggi come momento di aggregazione e scambio culturale, funzione di patrono esplicata dal vir Dei, garante della protezione divina e della inviolabilità per la propria città (salvaguardia delle mura, intercessione presso i barbari per ottenere la liberazione di cittadini fatti prigionieri, protezione da calamità naturali).
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo

@conference{a15c3bf814214d4abdbc69647f683c4b,
title = "Movetur urbs sedibus suis et currit ad martyrum tumulos. Uno sguardo alle citt{\`a} d'Italia fra IV e VI secolo d.C.",
abstract = "Il saggio costituisce un contributo allo studio dei processi di trasformazione della citt{\`a} nella Tarda Antichit{\`a} in seguito al declino dei culti pagani ed all’impatto della nuova religiosit{\`a} cristiana. Alla luce delle testimonianze letterarie, agiografiche, epigrafiche, archeologiche, attraverso una campionatura di esempi significativi riguardanti citt{\`a} dell’Italia e della Sicilia, {\`e} stato indagato il significato, sul piano sociale, della diffusione del culto dei santi con particolare attenzione ai seguenti aspetti: pratica della depositio ad sanctos, spostamento delle strutture insediative verso i luoghi di culto, fenomeno dei pellegrinaggi come momento di aggregazione e scambio culturale, funzione di patrono esplicata dal vir Dei, garante della protezione divina e della inviolabilit{\`a} per la propria citt{\`a} (salvaguardia delle mura, intercessione presso i barbari per ottenere la liberazione di cittadini fatti prigionieri, protezione da calamit{\`a} naturali).",
author = "Daniela Motta",
year = "2006",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Movetur urbs sedibus suis et currit ad martyrum tumulos. Uno sguardo alle città d'Italia fra IV e VI secolo d.C.

AU - Motta, Daniela

PY - 2006

Y1 - 2006

N2 - Il saggio costituisce un contributo allo studio dei processi di trasformazione della città nella Tarda Antichità in seguito al declino dei culti pagani ed all’impatto della nuova religiosità cristiana. Alla luce delle testimonianze letterarie, agiografiche, epigrafiche, archeologiche, attraverso una campionatura di esempi significativi riguardanti città dell’Italia e della Sicilia, è stato indagato il significato, sul piano sociale, della diffusione del culto dei santi con particolare attenzione ai seguenti aspetti: pratica della depositio ad sanctos, spostamento delle strutture insediative verso i luoghi di culto, fenomeno dei pellegrinaggi come momento di aggregazione e scambio culturale, funzione di patrono esplicata dal vir Dei, garante della protezione divina e della inviolabilità per la propria città (salvaguardia delle mura, intercessione presso i barbari per ottenere la liberazione di cittadini fatti prigionieri, protezione da calamità naturali).

AB - Il saggio costituisce un contributo allo studio dei processi di trasformazione della città nella Tarda Antichità in seguito al declino dei culti pagani ed all’impatto della nuova religiosità cristiana. Alla luce delle testimonianze letterarie, agiografiche, epigrafiche, archeologiche, attraverso una campionatura di esempi significativi riguardanti città dell’Italia e della Sicilia, è stato indagato il significato, sul piano sociale, della diffusione del culto dei santi con particolare attenzione ai seguenti aspetti: pratica della depositio ad sanctos, spostamento delle strutture insediative verso i luoghi di culto, fenomeno dei pellegrinaggi come momento di aggregazione e scambio culturale, funzione di patrono esplicata dal vir Dei, garante della protezione divina e della inviolabilità per la propria città (salvaguardia delle mura, intercessione presso i barbari per ottenere la liberazione di cittadini fatti prigionieri, protezione da calamità naturali).

UR - http://hdl.handle.net/10447/19851

M3 - Paper

ER -