MONITORAGGIO DI OPERE STRATEGICHE MEDIANTE TECNICHE SATELLITARI: IL CASO STUDIO DELLA DIGA “CASTELLO SUL FIUME MAGAZZOLO”

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Il Global Navigation Satellite System (GNSS) e il telerilevamento sono stati utilizzati per determinare la relazione tra le deformazionidi una diga di terra e le variazioni di superficie e livello di invaso, durante il periodo di un anno. L’utilizzo di un ricevitore posto sulcoronamento della diga e di una stazione permanente attivi durante l’arco della giornata ha permesso la determinazione della serietemporale degli spostamenti dell’opera nel periodo analizzato, riferiti ad un sistema di riferimento locale della diga. La componenteortogonale al coronamento è stata successivamente posta in relazione con le forze di natura idraulica che agiscono sull’opera. Per ladeterminazione dei livelli di invaso sono state impiegate due differenti metodologie nell’ambito del telerilevamento, sfruttandoimmagini satellitari (ottiche e radar) con differenti caratteristiche. Le metodologie utilizzate per l’identificazione dei livelli di invasodel bacino si basano: la prima su un processo di classificazione non controllata, al fine di utilizzare un processo quanto più possibileautomatizzato, l’altra invece, sfrutta la sovrapposizione del bacino su isoipse esistenti per l’identificazione manuale dei limiti delbacino. I risultati ottenuti dalle due tecniche sono stati messi a confronto con misure in situ al fine di valutarne l’attendibilità, valutandoinoltre la relazione con gli spostamenti ortogonali al coronamento, ottenuti durante il periodo di monitoraggio del bacino. Dal confrontoè emerso che la relazione tra gli spostamenti e il livello di invaso è di tipo non lineare.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine6
RivistaBOLLETTINO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI FOTOGRAMMETRIA E TOPOGRAFIA
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo