Mondo hacker e logica dell'azione collettiva

Risultato della ricerca: Book

Abstract

L'espressione "hacker" descrive, per l'opinione pubblica, il tipico criminale dell'information society: ladro, sabotatore o spia, nell'immaginario collettivo l'hacker è solo colui che, in vari modi, prende di mira la risorsa fondamentale della società contemporanea, ossia l'informazione. Questa semplificazione stigmtizzante non è veicolata esclusivamente dai media. Ne sono in parte responsabili anche le scienze sociali che non hanno molto preso in considerazione il fenomeno. Il volume si propone di far emergere la rilevanza "politica" dell'etica hacker e la connessione tra i valori tipici di questa controcultura e alcune inedite forme di azione collettiva realizzate in rete. Tra queste, analizza soprattutto le lotte per l'affermazione del free software, dell'open source e contro la brevettabilità del software. Mediante un certo numero di interviste semistrutturate ad esponenti della suddetta controcultura, il volume fa emergere le contraddizioni interne al cosiddetto "mondo hacker"
Lingua originaleUndefined/Unknown
EditoreFrancoAngeli
Volume1
ISBN (stampa)88-464-5935-0
Stato di pubblicazionePublished - 2004

Cita questo

Mondo hacker e logica dell'azione collettiva. / Fici, Anna.

FrancoAngeli, 2004.

Risultato della ricerca: Book

@book{4f48a1a6c22b4e8cb2d0a3093d12cc55,
title = "Mondo hacker e logica dell'azione collettiva",
abstract = "L'espressione {"}hacker{"} descrive, per l'opinione pubblica, il tipico criminale dell'information society: ladro, sabotatore o spia, nell'immaginario collettivo l'hacker {\`e} solo colui che, in vari modi, prende di mira la risorsa fondamentale della societ{\`a} contemporanea, ossia l'informazione. Questa semplificazione stigmtizzante non {\`e} veicolata esclusivamente dai media. Ne sono in parte responsabili anche le scienze sociali che non hanno molto preso in considerazione il fenomeno. Il volume si propone di far emergere la rilevanza {"}politica{"} dell'etica hacker e la connessione tra i valori tipici di questa controcultura e alcune inedite forme di azione collettiva realizzate in rete. Tra queste, analizza soprattutto le lotte per l'affermazione del free software, dell'open source e contro la brevettabilit{\`a} del software. Mediante un certo numero di interviste semistrutturate ad esponenti della suddetta controcultura, il volume fa emergere le contraddizioni interne al cosiddetto {"}mondo hacker{"}",
author = "Anna Fici",
year = "2004",
language = "Undefined/Unknown",
isbn = "88-464-5935-0",
volume = "1",
publisher = "FrancoAngeli",

}

TY - BOOK

T1 - Mondo hacker e logica dell'azione collettiva

AU - Fici, Anna

PY - 2004

Y1 - 2004

N2 - L'espressione "hacker" descrive, per l'opinione pubblica, il tipico criminale dell'information society: ladro, sabotatore o spia, nell'immaginario collettivo l'hacker è solo colui che, in vari modi, prende di mira la risorsa fondamentale della società contemporanea, ossia l'informazione. Questa semplificazione stigmtizzante non è veicolata esclusivamente dai media. Ne sono in parte responsabili anche le scienze sociali che non hanno molto preso in considerazione il fenomeno. Il volume si propone di far emergere la rilevanza "politica" dell'etica hacker e la connessione tra i valori tipici di questa controcultura e alcune inedite forme di azione collettiva realizzate in rete. Tra queste, analizza soprattutto le lotte per l'affermazione del free software, dell'open source e contro la brevettabilità del software. Mediante un certo numero di interviste semistrutturate ad esponenti della suddetta controcultura, il volume fa emergere le contraddizioni interne al cosiddetto "mondo hacker"

AB - L'espressione "hacker" descrive, per l'opinione pubblica, il tipico criminale dell'information society: ladro, sabotatore o spia, nell'immaginario collettivo l'hacker è solo colui che, in vari modi, prende di mira la risorsa fondamentale della società contemporanea, ossia l'informazione. Questa semplificazione stigmtizzante non è veicolata esclusivamente dai media. Ne sono in parte responsabili anche le scienze sociali che non hanno molto preso in considerazione il fenomeno. Il volume si propone di far emergere la rilevanza "politica" dell'etica hacker e la connessione tra i valori tipici di questa controcultura e alcune inedite forme di azione collettiva realizzate in rete. Tra queste, analizza soprattutto le lotte per l'affermazione del free software, dell'open source e contro la brevettabilità del software. Mediante un certo numero di interviste semistrutturate ad esponenti della suddetta controcultura, il volume fa emergere le contraddizioni interne al cosiddetto "mondo hacker"

UR - http://hdl.handle.net/10447/20529

M3 - Book

SN - 88-464-5935-0

VL - 1

BT - Mondo hacker e logica dell'azione collettiva

PB - FrancoAngeli

ER -