Modernità e Stratificazione. Esperimenti di architettura nella Sicilia degli anni ’60

    Risultato della ricerca: Article

    Abstract

    [...] Navigando tra gli interstizi di entrambi gli esperimenti di architettura moderna indagati, è possibile affermare che, più un’opera tende a corrispondere a un “tipo” tradizionalmente consolidato, o a un “carattere” marcatamente identitario, o a un “modello” universalmente riconosciuto, più cioè un’opera di architettura tende a farsi “icona” già in sede di progetto di un regolamento costitutivo interno in sé risolto, eludendo le relazioni variabili con un diversificato contingente, più essa risulterà fragile alla risposta del tempo e al vissuto. Cosa tanto più vera quanto più l’opera si trovi a gravitare nella terra “dell’autocostruzione” e “dei ferri d’attesa” per antonomasia; e in particolare, in quelle aree già gravide di un substrato culturale resistente, ovenon già precluse ai dinamici canali di attraversamento e di scambio più battuti; o tra le pieghe di quei siti orograficamente variegati e problematici, che la Sicilia più moderna comunque riserva ai suoi architetti costruttori. D’altra parte, nella stessa accezione letteraria coniata da Charles Baudelaire, “modernità” non è forse intrinsecamente attitudine alla transitorietà, al mutamento, all’incessante?
    Lingua originaleItalian
    pagine (da-a)49-58
    Numero di pagine10
    RivistaPALEOKASTRO
    Volume5
    Stato di pubblicazionePublished - 2014

    Cita questo