MBP-1 reprime l’espressione di N-MYC e svolge il ruolo di oncosoppressore in cellule di Neuroblastoma umano LAN5

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Il Neuroblastoma, derivato da cellule neurali simpatiche primitive, è il tumore solido extracranico più comune dell'infanzia. L'amplificazione del gene N-MYC insieme a delezioni nel cromosoma 1p36, sono i marcatori molecolari più frequenti nel Neuroblastoma e sono associati a cattiva prognosi. MBP-1, prodotto alternativo della traduzione dell'mRNA del gene ENO1, è un repressore trascrizionale e agisce direttamente sul promotore dei geni c-MYC, ERBB2 e COX2 (1-3). In cellule di Neuroblastoma è stato osservato che l'espressione ectopica di ENO1/MBP-1 causa induzione di apoptosi e morte cellulare (4). Sebbene esistano similarità di struttura e funzionali tra i geni N-MYC e c-MYC non è noto se MBP-1 sia in grado di reprimere la trascrizione anche del gene N-MYC. Per investigare questa possibilità, una serie di plasmidi reporter (luciferasi), contenenti varie porzioni del promotore di N-MYC, è stata usata in esperimenti di trasfezione in cellule di Neuroblastoma con N-MYC amplificato (LAN-5) insieme a un vettore di espressione per MBP-1. Questi studi hanno permesso di identificare una regione del promotore responsabile della regolazione negativa di N-MYC da parte di MBP-1. L'attività diretta di legame è stata confermata da studi condotti con saggi EMSA e con esperimenti di immunoprecipitazione della cromatina (ChIP). L'impiego di un sistema di induzione SiRNA-mediato dell'espressione endogena di MBP-1 nelle cellule LAN-5 ha permesso di studiare l'effetto di MBP-1 in cellule di Neuroblastoma. L'induzione dell'espressione di MBP-1 risulta, come atteso, nella riduzione dell'espressione di N-MYC ed in un significativo aumento nell'espressione delle proteine Bax, p21 e γ-enolasi (un marcatore di differenziamento neuronale). Saggi di migrazione e citotossicità cellulare hanno permesso, inoltre, di stabilire che MBP-1 induce apoptosi e riduce la migrazione delle cellule LAN-5. In conclusione, i dati raccolti indicano che MBP-1 agisce da repressore trascrizionale del gene N-MYC, e che la sua espressione in cellule di Neuroblastoma umano induce differenziamento ed apoptosi e inibizione della migrazione cellulare. Bibliografia 1. Feo S, Arcuri D, Piddini E, Passantino R, Giallongo A. ENO1 gene products binds to the c-myc gene promoter and acts as a transcriptional repressor: relationship with MBP-1. FEBS Lett. 2000, 473:47 2. Contino F., Mazzarella C., Ferro A, et al. Negative Transcriptional control of ERBB2 gene by MBP-1 and HDAC1: diagnostic implication in breast cancer. BMC Cancer 2013,13: 8 3. Hsu KW, Hsieh RH, Wu CW, Chi CW et al. MBP-1 suppresses growth and metastasis in gastric cancer cells through COX-2. Mol Biol. 2009, 20: 5127. 4. Eiskar K, Krona C, Caren H, et al. Introduction of in vitro transcribed ENO1 mRNA into neuroblastoma cells induce cell death. BMC Cancer 2005,5:161.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine58
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo