MALNUTRIZIONE E FRAGILITÀ NELL’ANZIANO: UN CASO COMPLESSO DI MULTIMORBILITÀ E COMORBILITÀ

Ligia Juliana Dominguez Rodriguez, Mario Barbagallo, Giuliano Cassataro, Katia Anna Rubino

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

La malnutrizione è un problema di rilevante importanza nell’anziano. Numerosi studi hanno dimostrato che la prevalenza della malnutrizione è compresa tra il 20 e il 60% nei pazienti anziani al momento dell’ammissione in un reparto ospedaliero e tra il 30 e il 50% nei pazienti che accedono alle nursing-home; alcuni studi hanno stimato un dato di prevalenza di malnutrizione pari all’85% nei pazienti anziani confinati in casa, ospedalizzati o istituzionalizzati. Nell’anziano lo stato di nutrizione influenza notevolmente l’evoluzione del quadro clinico e condiziona l’esito dei trattamenti e dei programmi di riabilitazione. Il cambiamento più frequente delle abitudini alimentari dell’anziano è rappresentato dall’anoressia: patologie a carico del cavo orale e dei denti, disordini della masticazione e della deglutizione, declino cognitivo, depressione del tono dell’umore, alterazione dei neurotrasmettitori che agiscono sul centro della fame e della sete a livello del sistema nervoso centrale, polipatologia, polifarmacoterapia possono esserne la causa. Si realizza un processo a cascata che conduce alla mal-nutrizione e alla fragilità. Descriviamo il caso clinico di un paziente di sesso maschile, di 89 anni, giunto alla nostra osservazione per grave stato di malnutrizione con cachessia e sindrome da immobilizzazione.
Lingua originaleItalian
Pagine269-270
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo