M. Monti, C.A. Redi (eds), No razza, sì cittadinanza

Risultato della ricerca: Review article

Abstract

Il volume raccoglie un ciclo di lezioni organizzate dal Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università degli Studi di Pavia e dall’Open Lab, Laboratorio di Biologia dello Sviluppo, nell’ambito delle attività del Collegio Ghislieri di Pavia, Centro per la Ricerca e la Comunicazione, in collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi. L’obiettivo è di fornire un contributo sul termine ‘razza’ anche in relazione al dibattito sull’articolo 3 della nostra Costituzione e sull’opportunità di una legge popolare per la cancellazione del termine ivi contenuto. I contributi, di studiosi di diversa formazione disciplinare, ha il pregio della chiarezza e può costituire un punto di riferimento per i non specialisti di genetica o di diritto e per quanti sono impegnati a scuola nell’insegnamento, per ribadire l’infondatezza scientifica della classificazione della specie umana in sottogruppi geneticamente distinti (razze) argomentando in modo corretto e informato.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine0
RivistaARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO
Volume20 (2)
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

@article{de0dbc4622b145d8a89bf3fd99e1eeec,
title = "M. Monti, C.A. Redi (eds), No razza, s{\`i} cittadinanza",
abstract = "Il volume raccoglie un ciclo di lezioni organizzate dal Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Universit{\`a} degli Studi di Pavia e dall’Open Lab, Laboratorio di Biologia dello Sviluppo, nell’ambito delle attivit{\`a} del Collegio Ghislieri di Pavia, Centro per la Ricerca e la Comunicazione, in collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi. L’obiettivo {\`e} di fornire un contributo sul termine ‘razza’ anche in relazione al dibattito sull’articolo 3 della nostra Costituzione e sull’opportunit{\`a} di una legge popolare per la cancellazione del termine ivi contenuto. I contributi, di studiosi di diversa formazione disciplinare, ha il pregio della chiarezza e pu{\`o} costituire un punto di riferimento per i non specialisti di genetica o di diritto e per quanti sono impegnati a scuola nell’insegnamento, per ribadire l’infondatezza scientifica della classificazione della specie umana in sottogruppi geneticamente distinti (razze) argomentando in modo corretto e informato.",
author = "Gabriella D'Agostino",
year = "2018",
language = "Italian",
volume = "20 (2)",
journal = "ARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO",
issn = "2038-3215",

}

TY - JOUR

T1 - M. Monti, C.A. Redi (eds), No razza, sì cittadinanza

AU - D'Agostino, Gabriella

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Il volume raccoglie un ciclo di lezioni organizzate dal Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università degli Studi di Pavia e dall’Open Lab, Laboratorio di Biologia dello Sviluppo, nell’ambito delle attività del Collegio Ghislieri di Pavia, Centro per la Ricerca e la Comunicazione, in collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi. L’obiettivo è di fornire un contributo sul termine ‘razza’ anche in relazione al dibattito sull’articolo 3 della nostra Costituzione e sull’opportunità di una legge popolare per la cancellazione del termine ivi contenuto. I contributi, di studiosi di diversa formazione disciplinare, ha il pregio della chiarezza e può costituire un punto di riferimento per i non specialisti di genetica o di diritto e per quanti sono impegnati a scuola nell’insegnamento, per ribadire l’infondatezza scientifica della classificazione della specie umana in sottogruppi geneticamente distinti (razze) argomentando in modo corretto e informato.

AB - Il volume raccoglie un ciclo di lezioni organizzate dal Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università degli Studi di Pavia e dall’Open Lab, Laboratorio di Biologia dello Sviluppo, nell’ambito delle attività del Collegio Ghislieri di Pavia, Centro per la Ricerca e la Comunicazione, in collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi. L’obiettivo è di fornire un contributo sul termine ‘razza’ anche in relazione al dibattito sull’articolo 3 della nostra Costituzione e sull’opportunità di una legge popolare per la cancellazione del termine ivi contenuto. I contributi, di studiosi di diversa formazione disciplinare, ha il pregio della chiarezza e può costituire un punto di riferimento per i non specialisti di genetica o di diritto e per quanti sono impegnati a scuola nell’insegnamento, per ribadire l’infondatezza scientifica della classificazione della specie umana in sottogruppi geneticamente distinti (razze) argomentando in modo corretto e informato.

UR - http://hdl.handle.net/10447/351339

M3 - Review article

VL - 20 (2)

JO - ARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO

JF - ARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO

SN - 2038-3215

ER -