L'uomo e l'ambiente

Risultato della ricerca: Book

Abstract

L’influenza dell’uomo sull'ambiente è sempre più presente ed estesa. Alla base del problema c’è la rapida crescita della popolazione e lo stile di vita insostenibile, specialmente quello del mondo industrializzato, che consuma le risorse più preziose, producendo residui tossici.La maggior parte dell’energia che viene ad oggi utilizzata a livello mondiale deriva dai giacimenti di combustibili fossili. A queste risorse, accumulate in milioni di anni nel corso delle ere geologiche per effetto di processi di fossilizzazione,si dà il nome di fonti non rinnovabili.A differenza di quest'ultime, quelle rinnovabili sono ad impatto ambientale nullo in quanto non producono né gas serra né scorie inquinanti da smaltire.Le fonti rinnovabili di energia sono quelle che possono essere considerate inesauribili per la loro continua capacità di rigenerazione come le biomasse che si rinnovano in pochi anni o l’energia solare che è sempre disponibile.I rischi naturali si originano da fenomeni naturali e sono la diretta conseguenza della dinamica interna ed esterna del nostro pianeta, sprigionando energia o in tempi brevi o in tempi lunghi. L’inquinamento dell’aria, delle acque e del suolo, con gli effetti diretti sulla salute dell’uomo, insieme al rischio di incidenti nelle attività produttive rappresentano i diversi aspetti del rischio ambientale collegati all'azione umana. Dal punto di vista etico l’economia ambientale amplia la classe di riferimento: si va oltre gli individui contemporanei, fino ad introdurre i diritti e gli interessi delle generazioni future, includendo gli interessi ed i diritti della natura non umana quali animali, piante, specie, ecosistema, in quanto “utile in se stessa”.
Lingua originaleItalian
EditorePiccin Nuova Libraria S.p.A
Numero di pagine15
ISBN (stampa)987-88-299-2291-8
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo

Arcoleo, L. (2013). L'uomo e l'ambiente. Piccin Nuova Libraria S.p.A.

L'uomo e l'ambiente. / Arcoleo, Letizia.

Piccin Nuova Libraria S.p.A, 2013. 15 pag.

Risultato della ricerca: Book

Arcoleo, L 2013, L'uomo e l'ambiente. Piccin Nuova Libraria S.p.A.
Arcoleo L. L'uomo e l'ambiente. Piccin Nuova Libraria S.p.A, 2013. 15 pag.
Arcoleo, Letizia. / L'uomo e l'ambiente. Piccin Nuova Libraria S.p.A, 2013. 15 pag.
@book{8a2572472ded4ade8d20e8fab1bfe6e3,
title = "L'uomo e l'ambiente",
abstract = "L’influenza dell’uomo sull'ambiente {\`e} sempre pi{\`u} presente ed estesa. Alla base del problema c’{\`e} la rapida crescita della popolazione e lo stile di vita insostenibile, specialmente quello del mondo industrializzato, che consuma le risorse pi{\`u} preziose, producendo residui tossici.La maggior parte dell’energia che viene ad oggi utilizzata a livello mondiale deriva dai giacimenti di combustibili fossili. A queste risorse, accumulate in milioni di anni nel corso delle ere geologiche per effetto di processi di fossilizzazione,si d{\`a} il nome di fonti non rinnovabili.A differenza di quest'ultime, quelle rinnovabili sono ad impatto ambientale nullo in quanto non producono n{\'e} gas serra n{\'e} scorie inquinanti da smaltire.Le fonti rinnovabili di energia sono quelle che possono essere considerate inesauribili per la loro continua capacit{\`a} di rigenerazione come le biomasse che si rinnovano in pochi anni o l’energia solare che {\`e} sempre disponibile.I rischi naturali si originano da fenomeni naturali e sono la diretta conseguenza della dinamica interna ed esterna del nostro pianeta, sprigionando energia o in tempi brevi o in tempi lunghi. L’inquinamento dell’aria, delle acque e del suolo, con gli effetti diretti sulla salute dell’uomo, insieme al rischio di incidenti nelle attivit{\`a} produttive rappresentano i diversi aspetti del rischio ambientale collegati all'azione umana. Dal punto di vista etico l’economia ambientale amplia la classe di riferimento: si va oltre gli individui contemporanei, fino ad introdurre i diritti e gli interessi delle generazioni future, includendo gli interessi ed i diritti della natura non umana quali animali, piante, specie, ecosistema, in quanto “utile in se stessa”.",
author = "Letizia Arcoleo",
year = "2013",
language = "Italian",
isbn = "987-88-299-2291-8",
publisher = "Piccin Nuova Libraria S.p.A",

}

TY - BOOK

T1 - L'uomo e l'ambiente

AU - Arcoleo, Letizia

PY - 2013

Y1 - 2013

N2 - L’influenza dell’uomo sull'ambiente è sempre più presente ed estesa. Alla base del problema c’è la rapida crescita della popolazione e lo stile di vita insostenibile, specialmente quello del mondo industrializzato, che consuma le risorse più preziose, producendo residui tossici.La maggior parte dell’energia che viene ad oggi utilizzata a livello mondiale deriva dai giacimenti di combustibili fossili. A queste risorse, accumulate in milioni di anni nel corso delle ere geologiche per effetto di processi di fossilizzazione,si dà il nome di fonti non rinnovabili.A differenza di quest'ultime, quelle rinnovabili sono ad impatto ambientale nullo in quanto non producono né gas serra né scorie inquinanti da smaltire.Le fonti rinnovabili di energia sono quelle che possono essere considerate inesauribili per la loro continua capacità di rigenerazione come le biomasse che si rinnovano in pochi anni o l’energia solare che è sempre disponibile.I rischi naturali si originano da fenomeni naturali e sono la diretta conseguenza della dinamica interna ed esterna del nostro pianeta, sprigionando energia o in tempi brevi o in tempi lunghi. L’inquinamento dell’aria, delle acque e del suolo, con gli effetti diretti sulla salute dell’uomo, insieme al rischio di incidenti nelle attività produttive rappresentano i diversi aspetti del rischio ambientale collegati all'azione umana. Dal punto di vista etico l’economia ambientale amplia la classe di riferimento: si va oltre gli individui contemporanei, fino ad introdurre i diritti e gli interessi delle generazioni future, includendo gli interessi ed i diritti della natura non umana quali animali, piante, specie, ecosistema, in quanto “utile in se stessa”.

AB - L’influenza dell’uomo sull'ambiente è sempre più presente ed estesa. Alla base del problema c’è la rapida crescita della popolazione e lo stile di vita insostenibile, specialmente quello del mondo industrializzato, che consuma le risorse più preziose, producendo residui tossici.La maggior parte dell’energia che viene ad oggi utilizzata a livello mondiale deriva dai giacimenti di combustibili fossili. A queste risorse, accumulate in milioni di anni nel corso delle ere geologiche per effetto di processi di fossilizzazione,si dà il nome di fonti non rinnovabili.A differenza di quest'ultime, quelle rinnovabili sono ad impatto ambientale nullo in quanto non producono né gas serra né scorie inquinanti da smaltire.Le fonti rinnovabili di energia sono quelle che possono essere considerate inesauribili per la loro continua capacità di rigenerazione come le biomasse che si rinnovano in pochi anni o l’energia solare che è sempre disponibile.I rischi naturali si originano da fenomeni naturali e sono la diretta conseguenza della dinamica interna ed esterna del nostro pianeta, sprigionando energia o in tempi brevi o in tempi lunghi. L’inquinamento dell’aria, delle acque e del suolo, con gli effetti diretti sulla salute dell’uomo, insieme al rischio di incidenti nelle attività produttive rappresentano i diversi aspetti del rischio ambientale collegati all'azione umana. Dal punto di vista etico l’economia ambientale amplia la classe di riferimento: si va oltre gli individui contemporanei, fino ad introdurre i diritti e gli interessi delle generazioni future, includendo gli interessi ed i diritti della natura non umana quali animali, piante, specie, ecosistema, in quanto “utile in se stessa”.

UR - http://hdl.handle.net/10447/96840

M3 - Book

SN - 987-88-299-2291-8

BT - L'uomo e l'ambiente

PB - Piccin Nuova Libraria S.p.A

ER -