Luoghi reali e luoghi virtuali della filosofia: il Mosè di Michelangelo

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

La storia della cultura è legata ai luoghi e al divenire della storia umana, nella duplice connotazione sincronica e diacronica secondo le categorie suggerite dall’antropologia e dalle scienze umane dell’età contemporanea. In tal senso non esiste una dimensione culturale astratta; giacché ogni espressione dell’uomo va correlata allo spazio e al tempo nella dimensione della geografia digitale. In effetti la geografia, posta a confronto con la storia, ad inizio del XXI secolo, è da esporre nel rispetto delle nuove e recenti esperienze del web. Di conseguenza anche la filosofia risulta essere una forma peculiare di geografia legata alla storia o di storia legata alla geografia. Un esempio emblematico di tale modello culturale può essere dato dalla produzione del padre della psicoanalisi.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteGeografie digitali. Spazi e socialità
Pagine78-85
Numero di pagine8
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

Genna, C. M. (2018). Luoghi reali e luoghi virtuali della filosofia: il Mosè di Michelangelo. In Geografie digitali. Spazi e socialità (pagg. 78-85)