Luoghi della memoria che richiedono un'inderogabile [ri]scrittura

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

L’intervento proposto ha un valore emblematico di come l’architettura debba riappropriarsi di tutti quei valori culturali tralasciati o perduti anche nella Città “pubblica” che, nel “[ri]scrivere” quanto miseramente costruito, trovi ormai necessario se non indispensabile dare risposta ad una generale istanza di qualità dello spazio urbano attraverso l’architettura. Il progetto 4 ha ripensato la morgue per renderla in grado di rappresentare in tutti i sensi i drammatici momenti che caratterizzano l’ineludibile distacco. Non un monumento, a tramandare quel senso di eternità che devono avere le sepolture, ma il richiamo al tumulo primordiale, attraverso la pesantezza della pietra tombale e la drammatica gravità che deve avere il ricovero sepolcrale, sono gli elementi ispiratori dell’espressione formale e dell’articolazione spaziale di questa seppur contenuta architettura, sorta sulle spoglie dell’edificio degli anni ’70.
Lingua originaleItalian
Pagine1-2
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo