L'umanesimo civile e cristiano di Giuseppe Antonio Borgese

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Il saggio offre una riflessione sulla prospettiva simbolico-religiosa che anima l'intera attività letteraria e diplomatico-politica di Borgese, dagli anni prebellici fino alla morte. Gli scritti di natura saggistica, le riflessioni critiche in rivista, infine, il primo suo romanzo, Rubè (1921), mostrano quanto radicata fosse nello scrittore l'esigenza di un rinnovamento morale attraverso l'edificazione di una nuova cultura e, quindi, di un mondo nuovo. L'impegno politico-culturale profuso negli anni del secondo dopoguerra costituisce l'epilogo di una ininterrotta ricerca di utopia nel segno di un umanesimo civile e cristiano.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)669-683
Numero di pagine15
RivistaCritica Letteraria
Stato di pubblicazionePublished - 2016

All Science Journal Classification (ASJC) codes

  • Literature and Literary Theory

Cita questo