LO SPECCHIO DEI SASSONI DI DRESDA: Diritto Feudale. Introduzione, TRADUZIONE, Glossario. Vol.IV

    Risultato della ricerca: Book

    Abstract

    Questo quarto libro porta dentro la sofisticata e complessa piramide gerarchica feudale, nella quale non parlano più i contadini né i loro pari. Viene presentato un mondo coesistente al loro, solo, con un carattere elitario e basato su una fittissima rete di rapporti feudali e interfeudali. In questo sistema l’importanza dell’individuo è data esclusivamente dalla nicchia occupata, tra le numerosissime che reggono l’intera immensa struttura che, al fine di perdurare, ha dovuto appaiare una mole emanante solennità, affinché questa impedisse al popolo di pensare. Così, ogni gesto pubblico è ammantato di spiritualità, ogni azione è diventata un rito, che i sottoposti devono accettare come naturali. In tutta questa tempesta di regole e in tutto questo parlare di giustizia, qualche volta si perde di vista la Giustizia, così, alla fine, è difficile sapere cosa sia giusto e cosa non lo sia. Tuttavia una regola semplice per discernere il giusto dall’ingiusto ce la suggerisce proprio l’autore: “Sarebbe facile determinare ciò che è giusto, se non fosse così importante per coloro che agiscono illegalmente per il loro proprio tornaconto, e spacciano ciò (l’ingiustizia) come cosa giusta; se ciò (la stessa cosa) si facesse a loro, a loro sembrerebbe ciò (sicuramente) ingiusto. Perché non c’è nessuno così ingiusto, al quale non appaia ingiusto, ciò che si fa di ingiusto contro di lui.”
    Lingua originaleGerman
    EditoreQanat-Editoria e Arti Visive
    Numero di pagine282
    ISBN (stampa)978-88-96414-84-2
    Stato di pubblicazionePublished - 2012

    Cita questo

    LO SPECCHIO DEI SASSONI DI DRESDA: Diritto Feudale. Introduzione, TRADUZIONE, Glossario. Vol.IV. / Appari, Emanuele.

    Qanat-Editoria e Arti Visive, 2012. 282 pag.

    Risultato della ricerca: Book

    @book{8316d016084a4a09b27a483ac3016e8a,
    title = "LO SPECCHIO DEI SASSONI DI DRESDA: Diritto Feudale. Introduzione, TRADUZIONE, Glossario. Vol.IV",
    abstract = "Questo quarto libro porta dentro la sofisticata e complessa piramide gerarchica feudale, nella quale non parlano pi{\`u} i contadini n{\'e} i loro pari. Viene presentato un mondo coesistente al loro, solo, con un carattere elitario e basato su una fittissima rete di rapporti feudali e interfeudali. In questo sistema l’importanza dell’individuo {\`e} data esclusivamente dalla nicchia occupata, tra le numerosissime che reggono l’intera immensa struttura che, al fine di perdurare, ha dovuto appaiare una mole emanante solennit{\`a}, affinch{\'e} questa impedisse al popolo di pensare. Cos{\`i}, ogni gesto pubblico {\`e} ammantato di spiritualit{\`a}, ogni azione {\`e} diventata un rito, che i sottoposti devono accettare come naturali. In tutta questa tempesta di regole e in tutto questo parlare di giustizia, qualche volta si perde di vista la Giustizia, cos{\`i}, alla fine, {\`e} difficile sapere cosa sia giusto e cosa non lo sia. Tuttavia una regola semplice per discernere il giusto dall’ingiusto ce la suggerisce proprio l’autore: “Sarebbe facile determinare ci{\`o} che {\`e} giusto, se non fosse cos{\`i} importante per coloro che agiscono illegalmente per il loro proprio tornaconto, e spacciano ci{\`o} (l’ingiustizia) come cosa giusta; se ci{\`o} (la stessa cosa) si facesse a loro, a loro sembrerebbe ci{\`o} (sicuramente) ingiusto. Perch{\'e} non c’{\`e} nessuno cos{\`i} ingiusto, al quale non appaia ingiusto, ci{\`o} che si fa di ingiusto contro di lui.”",
    keywords = "diritto feudale, allodio, infeudamento, esponenete, Sachsenspiegel, Lehnrecht, Fluchtsal, Steber, Bede, F{\"u}rspreche",
    author = "Emanuele Appari",
    year = "2012",
    language = "German",
    isbn = "978-88-96414-84-2",
    publisher = "Qanat-Editoria e Arti Visive",

    }

    TY - BOOK

    T1 - LO SPECCHIO DEI SASSONI DI DRESDA: Diritto Feudale. Introduzione, TRADUZIONE, Glossario. Vol.IV

    AU - Appari, Emanuele

    PY - 2012

    Y1 - 2012

    N2 - Questo quarto libro porta dentro la sofisticata e complessa piramide gerarchica feudale, nella quale non parlano più i contadini né i loro pari. Viene presentato un mondo coesistente al loro, solo, con un carattere elitario e basato su una fittissima rete di rapporti feudali e interfeudali. In questo sistema l’importanza dell’individuo è data esclusivamente dalla nicchia occupata, tra le numerosissime che reggono l’intera immensa struttura che, al fine di perdurare, ha dovuto appaiare una mole emanante solennità, affinché questa impedisse al popolo di pensare. Così, ogni gesto pubblico è ammantato di spiritualità, ogni azione è diventata un rito, che i sottoposti devono accettare come naturali. In tutta questa tempesta di regole e in tutto questo parlare di giustizia, qualche volta si perde di vista la Giustizia, così, alla fine, è difficile sapere cosa sia giusto e cosa non lo sia. Tuttavia una regola semplice per discernere il giusto dall’ingiusto ce la suggerisce proprio l’autore: “Sarebbe facile determinare ciò che è giusto, se non fosse così importante per coloro che agiscono illegalmente per il loro proprio tornaconto, e spacciano ciò (l’ingiustizia) come cosa giusta; se ciò (la stessa cosa) si facesse a loro, a loro sembrerebbe ciò (sicuramente) ingiusto. Perché non c’è nessuno così ingiusto, al quale non appaia ingiusto, ciò che si fa di ingiusto contro di lui.”

    AB - Questo quarto libro porta dentro la sofisticata e complessa piramide gerarchica feudale, nella quale non parlano più i contadini né i loro pari. Viene presentato un mondo coesistente al loro, solo, con un carattere elitario e basato su una fittissima rete di rapporti feudali e interfeudali. In questo sistema l’importanza dell’individuo è data esclusivamente dalla nicchia occupata, tra le numerosissime che reggono l’intera immensa struttura che, al fine di perdurare, ha dovuto appaiare una mole emanante solennità, affinché questa impedisse al popolo di pensare. Così, ogni gesto pubblico è ammantato di spiritualità, ogni azione è diventata un rito, che i sottoposti devono accettare come naturali. In tutta questa tempesta di regole e in tutto questo parlare di giustizia, qualche volta si perde di vista la Giustizia, così, alla fine, è difficile sapere cosa sia giusto e cosa non lo sia. Tuttavia una regola semplice per discernere il giusto dall’ingiusto ce la suggerisce proprio l’autore: “Sarebbe facile determinare ciò che è giusto, se non fosse così importante per coloro che agiscono illegalmente per il loro proprio tornaconto, e spacciano ciò (l’ingiustizia) come cosa giusta; se ciò (la stessa cosa) si facesse a loro, a loro sembrerebbe ciò (sicuramente) ingiusto. Perché non c’è nessuno così ingiusto, al quale non appaia ingiusto, ciò che si fa di ingiusto contro di lui.”

    KW - diritto feudale, allodio, infeudamento, esponenete, Sachsenspiegel, Lehnrecht, Fluchtsal, Steber, Bede, Fürspreche

    UR - http://hdl.handle.net/10447/63292

    M3 - Book

    SN - 978-88-96414-84-2

    BT - LO SPECCHIO DEI SASSONI DI DRESDA: Diritto Feudale. Introduzione, TRADUZIONE, Glossario. Vol.IV

    PB - Qanat-Editoria e Arti Visive

    ER -