L'istigazione e aiuto al suicidio tra utilitarismo e paternalismo: una visione costituzionalmente orientata dell'art. 580 c.p.

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

il contributo intende indagare la compatibilità della fattispecie astratta di cui all'art. 580 c.p. con i principi di criminalizzazione oggi operanti. Tale disposizione, infatti, presenta una struttura ed una ratio che tradiscono la visione corporativa del legislatore del ’30, che carica l’atto suicida di disvalore basandosi su una visione della vita del singolo indicizzata ad un interesse statale preminente. Con l’affermarsi della Costituzione e del principio personalista, la visione del legislatore codicistico deve considerarsi del tutto abbandonata, ciò nonostante l’incriminazione in commento continua a trovare vigenza nel nostro ordinamento, ponendo agli interpreti, così come è di recente accaduto nel caso di Dj Fabo, non poche problematiche interpretative. Nel paper, quindi, partendo da tali premesse, si tenta di individuare una possibile formulazione dell'articolo in commento, che sia compatibile con l’assetto di valori oggi riconosciuto, e che assicuri alle libere scelte del singolo lo spazio di autonomia necessario in un ordinamento liberale.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)143-162
Numero di pagine20
RivistaDIRITTO PENALE CONTEMPORANEO
Volume10/2017
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo