L'interesse del minorenne ad un rapporto quanto più possibile "normale" con il genitore: alcune considerazioni a margine della sentenza della Corte costituzionale n. 174 del 2018

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Con la sentenza n. 174 del 2018, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 21 bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, recante «Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà», nella parte in cui, attraverso il rinvio al precedente art. 21 della medesima legge, con riferimento alle detenute condannate alla pena della reclusione per uno dei delitti di cui all’art. 4 bis, commi 1, 1 ter e 1 quater, della legge sopra citata, non consente l’accesso all’assistenza all’esterno dei figli di età non superiore ai dieci anni oppure lo subordina alla previa espiazione di una porzione di pena, salvo che sia stata accertata la sussistenza delle condizioni previste dall’art. 58 ter della stessa legge.Muovendo da tale pronuncia, il presente contributo si sofferma sulla rilevanza assunta dall’interesse del minorenne - quale interesse “terzo”, “esterno” - ad un rapporto quanto più possibile “normale” con il genitore, approfondendo i percorsi seguiti dal legislatore e dalla giurisprudenza costituzionale.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)105-124
Numero di pagine20
RivistaDIRITTO PENALE CONTEMPORANEO
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

@article{cef61236a91546479da172d8c7017808,
title = "L'interesse del minorenne ad un rapporto quanto pi{\`u} possibile {"}normale{"} con il genitore: alcune considerazioni a margine della sentenza della Corte costituzionale n. 174 del 2018",
abstract = "Con la sentenza n. 174 del 2018, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimit{\`a} costituzionale dell’art. 21 bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, recante «Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libert{\`a}», nella parte in cui, attraverso il rinvio al precedente art. 21 della medesima legge, con riferimento alle detenute condannate alla pena della reclusione per uno dei delitti di cui all’art. 4 bis, commi 1, 1 ter e 1 quater, della legge sopra citata, non consente l’accesso all’assistenza all’esterno dei figli di et{\`a} non superiore ai dieci anni oppure lo subordina alla previa espiazione di una porzione di pena, salvo che sia stata accertata la sussistenza delle condizioni previste dall’art. 58 ter della stessa legge.Muovendo da tale pronuncia, il presente contributo si sofferma sulla rilevanza assunta dall’interesse del minorenne - quale interesse “terzo”, “esterno” - ad un rapporto quanto pi{\`u} possibile “normale” con il genitore, approfondendo i percorsi seguiti dal legislatore e dalla giurisprudenza costituzionale.",
author = "Schir{\`o}, {Dalila Mara}",
year = "2018",
language = "Italian",
pages = "105--124",
journal = "DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO",
issn = "2039-1676",

}

TY - JOUR

T1 - L'interesse del minorenne ad un rapporto quanto più possibile "normale" con il genitore: alcune considerazioni a margine della sentenza della Corte costituzionale n. 174 del 2018

AU - Schirò, Dalila Mara

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Con la sentenza n. 174 del 2018, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 21 bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, recante «Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà», nella parte in cui, attraverso il rinvio al precedente art. 21 della medesima legge, con riferimento alle detenute condannate alla pena della reclusione per uno dei delitti di cui all’art. 4 bis, commi 1, 1 ter e 1 quater, della legge sopra citata, non consente l’accesso all’assistenza all’esterno dei figli di età non superiore ai dieci anni oppure lo subordina alla previa espiazione di una porzione di pena, salvo che sia stata accertata la sussistenza delle condizioni previste dall’art. 58 ter della stessa legge.Muovendo da tale pronuncia, il presente contributo si sofferma sulla rilevanza assunta dall’interesse del minorenne - quale interesse “terzo”, “esterno” - ad un rapporto quanto più possibile “normale” con il genitore, approfondendo i percorsi seguiti dal legislatore e dalla giurisprudenza costituzionale.

AB - Con la sentenza n. 174 del 2018, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 21 bis della legge 26 luglio 1975, n. 354, recante «Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà», nella parte in cui, attraverso il rinvio al precedente art. 21 della medesima legge, con riferimento alle detenute condannate alla pena della reclusione per uno dei delitti di cui all’art. 4 bis, commi 1, 1 ter e 1 quater, della legge sopra citata, non consente l’accesso all’assistenza all’esterno dei figli di età non superiore ai dieci anni oppure lo subordina alla previa espiazione di una porzione di pena, salvo che sia stata accertata la sussistenza delle condizioni previste dall’art. 58 ter della stessa legge.Muovendo da tale pronuncia, il presente contributo si sofferma sulla rilevanza assunta dall’interesse del minorenne - quale interesse “terzo”, “esterno” - ad un rapporto quanto più possibile “normale” con il genitore, approfondendo i percorsi seguiti dal legislatore e dalla giurisprudenza costituzionale.

UR - http://hdl.handle.net/10447/338683

M3 - Article

SP - 105

EP - 124

JO - DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO

JF - DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO

SN - 2039-1676

ER -