Limiti alla funzione educativa dei genitori tra strumenti di controllo giudiziari e automatismi legislativi

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Atteso che l'azione pedagogica all'interno delle famiglie di mafia può tradursi nella trasmissione - e conseguente interiorizzazione - di "valori", schemi comportamentali e modelli cognitivi che si pongono in profondo e radicale antagonismo con i valori fondanti una società che si voglia civile e democratica, è lecito interrogarsi sulla legittimità di tale esercizio della funzione genitoriale e sulla natura dell'eventuale pregiudizio subito dal fanciullo. Le risposte che l'ordinamento giuridico appresta rispetto a questo fenomeno sembrano tendersi tra due polarità: la prima di tipo casistico-giurisprudenziale, la seconda di tipo autoritativo-legislativo.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)56-62
Numero di pagine7
RivistaMINORI GIUSTIZIA
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo