Life after Death: gli atti di disposizione del corpo nei sistemi di Common Law

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Lo studio raffronta le regole in materia di atti di disposizione sul proprio corpo comparando le soluzioni adottate nell''ordinamento italiano ed in quello inglese. In particolare viene anche affrontato il tema della "proprietà" delle parti staccate dal proprio corpo e dei "pre-embrioni". Lo studio suggeroisce la rivisitazione delle categorie conosciute in materia di proprietà e la loro possibile attualizzazione in funzione delle nuove possibilità determinate dai progressi della genetica e della medicina.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteDiritto e Tradizione. Circolazione, decodificazione e persistenza delle norme giuridiche. Studi per una laurea H. C. ad A. Watson
Pagine145-166
Stato di pubblicazionePublished - 2004

Cita questo

Miranda, A. (2004). Life after Death: gli atti di disposizione del corpo nei sistemi di Common Law. In Diritto e Tradizione. Circolazione, decodificazione e persistenza delle norme giuridiche. Studi per una laurea H. C. ad A. Watson (pagg. 145-166)