LEGITTIMITÀ DELLE REGISTRAZIONI DEL LAVORATORE PER RAGIONI DIFENSIVE

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Il presente lavoro analizza il recente arresto di legittimità, che ha ritenuto illegittimo il licenziamento del lavoratore che registra e riprende le conversazioni con i colleghi a loro insaputa, se i dati non sono diffusi ma raccolti in vista di un eventuale procedimento giudiziario: non sussiste violazione della privacy, essendo la raccolta dei dati, nella fattispecie, utilizzata dal lavoratore al fine di precostituirsi degli elementi di difesa per salvaguardare la propria posizione in azienda.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)515-519
Numero di pagine5
RivistaRIVISTA GIURIDICA DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE
VolumeLXIX
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Cita questo

@article{3cd7b81dbd654840876ecb2a314d7e89,
title = "LEGITTIMIT{\`A} DELLE REGISTRAZIONI DEL LAVORATORE PER RAGIONI DIFENSIVE",
abstract = "Il presente lavoro analizza il recente arresto di legittimit{\`a}, che ha ritenuto illegittimo il licenziamento del lavoratore che registra e riprende le conversazioni con i colleghi a loro insaputa, se i dati non sono diffusi ma raccolti in vista di un eventuale procedimento giudiziario: non sussiste violazione della privacy, essendo la raccolta dei dati, nella fattispecie, utilizzata dal lavoratore al fine di precostituirsi degli elementi di difesa per salvaguardare la propria posizione in azienda.",
author = "Silvio Bologna",
year = "2019",
language = "Italian",
volume = "LXIX",
pages = "515--519",
journal = "RIVISTA GIURIDICA DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE",
issn = "0392-7229",

}

TY - JOUR

T1 - LEGITTIMITÀ DELLE REGISTRAZIONI DEL LAVORATORE PER RAGIONI DIFENSIVE

AU - Bologna, Silvio

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - Il presente lavoro analizza il recente arresto di legittimità, che ha ritenuto illegittimo il licenziamento del lavoratore che registra e riprende le conversazioni con i colleghi a loro insaputa, se i dati non sono diffusi ma raccolti in vista di un eventuale procedimento giudiziario: non sussiste violazione della privacy, essendo la raccolta dei dati, nella fattispecie, utilizzata dal lavoratore al fine di precostituirsi degli elementi di difesa per salvaguardare la propria posizione in azienda.

AB - Il presente lavoro analizza il recente arresto di legittimità, che ha ritenuto illegittimo il licenziamento del lavoratore che registra e riprende le conversazioni con i colleghi a loro insaputa, se i dati non sono diffusi ma raccolti in vista di un eventuale procedimento giudiziario: non sussiste violazione della privacy, essendo la raccolta dei dati, nella fattispecie, utilizzata dal lavoratore al fine di precostituirsi degli elementi di difesa per salvaguardare la propria posizione in azienda.

UR - http://hdl.handle.net/10447/338491

UR - https://www.ediesseonline.it/rgl/

M3 - Article

VL - LXIX

SP - 515

EP - 519

JO - RIVISTA GIURIDICA DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

JF - RIVISTA GIURIDICA DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

SN - 0392-7229

ER -