Le traduzioni di narrativa tedesca durante il fascismo

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Tra la fine degli anni Venti e la prima metà degli anni Trenta del secolo scorso il campo letterario italiano apre i propri confini alla narrativa straniera del tempo. Tra i volumi che si impongono all’attenzione dei lettori si distingue la presenza massiccia della prosa contemporanea tedesca, che giunge sugli scaffali delle librerie italiane incontrando il favore del grande pubblico. Dietro le quinte della vita editoriale sotto il regime fascista, le vicende di scoperta e di proposta, di censura, di autocensura o di autorizzazione delle traduzioni dalla narrativa tedesca descrivono un interessante – e a volte sorprendente – itinerario delle forme e dei modi in cui innumerevoli romanzi furono recepiti dai lettori italiani. Oltre a delineare così un capitolo decisivo della storia dell’editoria italiana durante il fascismo come parte del più generale rapporto tra intellettuali e potere, l’autrice analizza una campionatura di traduzioni rappresentative dei generi letterari di maggior successo del tempo – romanzo al femminile, romanzo di guerra e romanzo di ambientazione metropolitana – offrendo anche un contributo filologico-testuale al dibattito traduttologico in corso. Spostando lo sguardo sui testi, tramite l’affiancamento di tre opere (di Vicki Baum, Arnold Zweig e Hans Fallada) con le rispettive traduzioni italiane, l’analisi comparativa sottopone a verifica i criteri di traduzione e svela le implicazioni ideologiche e politiche del tradurre in una specifica epoca storica.
Lingua originaleItalian
EditoreCarocci
Numero di pagine308
ISBN (stampa)978-88-430-6562-2
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Serie di pubblicazioni

NomeLINGUE E LETTERATURE CAROCCI

Cita questo