Le stragi, Cosa nostra e la forbice sociale

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Oltre che per la sua soggettività politica, Cosa Nostra si è distinta nel tempo per la sua complessa pervasività sistemica, per la sua capacità di sfruttare le “intersezioni” tra dimensioni criminali e economia legale e per la duttile capacità di adattamento ai “vincoli di contesto” che, via via, le si sono presentati. Per comprenderne, quindi, l’attuale configurazione, occorre partire da tale complessità, senza appiattirne la storia in una “notte nera” dove “tutte le mafie sono uguali”, ma valorizzando le sue dimensioni identitarie, radicate su fatti, eventi e intersezioni assolutamente unici. Limitando l’attenzione all’ultimo trentennio, punto di osservazione privilegiato sono le stragi degli anni ‘90, le cui vicende vanno studiate non solo per la brutale violenza che le ha contraddistinte (in continuità con una violentissima guerra di mafia preceduta e seguita da una sfilza di “delitti eccellenti”), ma per la loro difformità rispetto alle “normali” logiche mafiose.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)21-26
Numero di pagine6
RivistaLA VIA LIBERA
Volume1
Stato di pubblicazionePublished - 2020

Cita questo

Le stragi, Cosa nostra e la forbice sociale. / Dino, Alessandra.

In: LA VIA LIBERA, Vol. 1, 2020, pag. 21-26.

Risultato della ricerca: Article

@article{c07e5a20ad934c799c8d7a0795509c8b,
title = "Le stragi, Cosa nostra e la forbice sociale",
abstract = "Oltre che per la sua soggettivit{\`a} politica, Cosa Nostra si {\`e} distinta nel tempo per la sua complessa pervasivit{\`a} sistemica, per la sua capacit{\`a} di sfruttare le “intersezioni” tra dimensioni criminali e economia legale e per la duttile capacit{\`a} di adattamento ai “vincoli di contesto” che, via via, le si sono presentati. Per comprenderne, quindi, l’attuale configurazione, occorre partire da tale complessit{\`a}, senza appiattirne la storia in una “notte nera” dove “tutte le mafie sono uguali”, ma valorizzando le sue dimensioni identitarie, radicate su fatti, eventi e intersezioni assolutamente unici. Limitando l’attenzione all’ultimo trentennio, punto di osservazione privilegiato sono le stragi degli anni ‘90, le cui vicende vanno studiate non solo per la brutale violenza che le ha contraddistinte (in continuit{\`a} con una violentissima guerra di mafia preceduta e seguita da una sfilza di “delitti eccellenti”), ma per la loro difformit{\`a} rispetto alle “normali” logiche mafiose.",
author = "Alessandra Dino",
year = "2020",
language = "Italian",
volume = "1",
pages = "21--26",
journal = "LA VIA LIBERA",
issn = "2704-8608",

}

TY - JOUR

T1 - Le stragi, Cosa nostra e la forbice sociale

AU - Dino, Alessandra

PY - 2020

Y1 - 2020

N2 - Oltre che per la sua soggettività politica, Cosa Nostra si è distinta nel tempo per la sua complessa pervasività sistemica, per la sua capacità di sfruttare le “intersezioni” tra dimensioni criminali e economia legale e per la duttile capacità di adattamento ai “vincoli di contesto” che, via via, le si sono presentati. Per comprenderne, quindi, l’attuale configurazione, occorre partire da tale complessità, senza appiattirne la storia in una “notte nera” dove “tutte le mafie sono uguali”, ma valorizzando le sue dimensioni identitarie, radicate su fatti, eventi e intersezioni assolutamente unici. Limitando l’attenzione all’ultimo trentennio, punto di osservazione privilegiato sono le stragi degli anni ‘90, le cui vicende vanno studiate non solo per la brutale violenza che le ha contraddistinte (in continuità con una violentissima guerra di mafia preceduta e seguita da una sfilza di “delitti eccellenti”), ma per la loro difformità rispetto alle “normali” logiche mafiose.

AB - Oltre che per la sua soggettività politica, Cosa Nostra si è distinta nel tempo per la sua complessa pervasività sistemica, per la sua capacità di sfruttare le “intersezioni” tra dimensioni criminali e economia legale e per la duttile capacità di adattamento ai “vincoli di contesto” che, via via, le si sono presentati. Per comprenderne, quindi, l’attuale configurazione, occorre partire da tale complessità, senza appiattirne la storia in una “notte nera” dove “tutte le mafie sono uguali”, ma valorizzando le sue dimensioni identitarie, radicate su fatti, eventi e intersezioni assolutamente unici. Limitando l’attenzione all’ultimo trentennio, punto di osservazione privilegiato sono le stragi degli anni ‘90, le cui vicende vanno studiate non solo per la brutale violenza che le ha contraddistinte (in continuità con una violentissima guerra di mafia preceduta e seguita da una sfilza di “delitti eccellenti”), ma per la loro difformità rispetto alle “normali” logiche mafiose.

UR - http://hdl.handle.net/10447/393304

M3 - Article

VL - 1

SP - 21

EP - 26

JO - LA VIA LIBERA

JF - LA VIA LIBERA

SN - 2704-8608

ER -