Le rotte che cambiano i confini

    Risultato della ricerca: Article

    Abstract

    Sempre più preoccupati di difendere i propri confini marittimi dai migranti in arrivo dall’Africa, l’Unione europea e gli stati membri sembrano aver smarrito la bussola del diritto e del buon senso, senza trovare la via per una cooperazione più equa e lungimirante con il continente nero. In preda alla sindrome di un’invasione che non c’è, i governi europei privilegiano l’azione repressiva e di controllo, militarizzando i mari e delegando i compiti ai paesi africani. Ciò serve solo a rendere le rotte dei migranti più lunghe, tormentate e rischiose. E ad arricchire i trafficanti.
    Lingua originaleItalian
    pagine (da-a)49-54
    Numero di pagine6
    RivistaSEGNO
    Volume33
    Stato di pubblicazionePublished - 2007

    Cita questo