Le pesche di Leonforte, tradizione e apprezzamento dei mercati

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Il rilevante potenziale genetico della pesca origina in Sicilia un notevole patrimonio varietale con cicli fenologici idonei a creare epoche di maturazionedei frutti la cui durata si prolunga fino all’autunno. Tale diversità dei cicli fenologici, legata alla presenza in Sicilia di un bioclima caratterizzato da 6 differenti termotipi e 7 ombrotipi che originano 23 tipi bioclimatici, ha ben presto messo in luce le caratteristiche vocazionali di specifici areali produttivi.In particolare, negli areali interni e collinari, ad altitudine compresa tra 300 e 750 m s.l.m., si è affermata la produzione di frutti in epoca medio-tardivabasata su varietà di tipo tradizionale, a polpa bianca o gialla, fondente e non fondente (Caruso et al., 2006). È una peschicoltura tradizionale, diffusanegli areali dei monti Sicani e della Valle del Platani, dell’Etna e della Valle Alcantara, di Leonforte e Caltagirone, dove si trovano prevalentemente impiantidi cultivar autoctone (Pesche di Bivona o Montagnole, pesche di Moio,“sbergie”, “tabacchiere” e pesche di Leonforte). Numerose cultivar-popolazioni, di genealogia spesso sconosciuta, sono state coltivate in orti familiari o piccoli impianti commerciali, propagate spesso per seme e selezionate tra il vasto germoplasma autoctono dagli stessi agricoltori, diffondendosi poi in tutta la Sicilia (Caruso e Sottile, 1999). Si tratta di produzioni affermatesi per le ottime caratteristiche merceologiche, guadagnandosi la preferenza del consumatore siciliano (Sottile, 2002).
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)72-74
Numero di pagine3
RivistaRIVISTA DI FRUTTICOLTURA E DI ORTOFLORICOLTURA
Volume8
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo