Le necropoli di Agrigento: rileggendo alcune immagini dipinte sui vasi

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

La rilettura delle tematiche figurative di alcuni vasi restituiti dalle necropoli agrigentine lascia intravedere una elite colta della colonia geloa, alimentata dal contesto poltico-culturale costruito nell’Agrigento della tirannide emmenide. Si delinea inoltre un rapporto di ‘committenza’ tra botteghe attiche e aristocrazie coloniali, che scelgono o rifunzionalizzano i soggetti figurativi. Le immagini sono sfruttate per costruire l’identità socio-politica e religiosa di una élite, che con l’età delle tirannidi sembra raffinare il suo modo di autorappresentarsi attraverso l’immaginario mitico, grazie alla vivacità culturale e all’ambiente letterario creatisi attorno alla corte teroniana. Qualche testimonianza tuttavia travalica nettamente l’età della tirannide, mostrando una persistenza di certe connotazioni colte delle aristocrazie akragantine, sviluppatesi già in età arcaica e ancora vive nella seconda metà del V secolo a.C.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)131-152
Numero di pagine22
RivistaSICILIA ANTIQVA
VolumeX, 2013
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo