Le forme della semplificazione avanzata: dall’irrilevanza del fatto alla mediazione

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Lo scritto rielabora la relazione svolta, su invito, al convegno su “Il rito accusatorio a vent’anni dalla grande riforma. Continuità, fratture, nuovi orizzonti”, organizzato dall’Associazione tra gli studiosi del processo penale. Il frastagliato arcipelago delle forme della semplificazione avanzata è studiato nei suoi rapporti intersistematici con le dimensioni del processo giudiziario tradizionale: rispetto alle modellistiche tradizionali della giurisdizione penale, le periferie suburbane dei paradigmi di semplificazione avanzata rispondono a logiche ‘altre’ e modellano congegni plurali di diversion che si sviluppano, anzitutto sul piano culturale, lungo pattern già proficuamente sperimentati nell’esperienza comparata o in laboratori connotati da spiccate specialità (il rito minorile, il processo penale per reati di competenza del giudice di pace). Le scansioni esaminate riguardano le clausole di irrilevanza, i paradigmi di probation e le pratiche mediative tra sistema giudiziario e sistema di esperienza: morfologie e sistematiche sono scandagliate secondo l’asse – suggerito dal titolo del convegno – delle linee di continuità e di discontinuità nello sviluppo dei vent’anni di esperienza del codice del 1988 e delle prospettive che si dischiudono sul piano culturale, degli sviluppi normativi e delle istanze della prassi.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl rito accusatorio a vent’anni dalla grande riforma. Continuità, fratture, nuovi orizzonti
Pagine325-348
Numero di pagine24
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Serie di pubblicazioni

NomeCollana “Associazione tra gli studiosi del processo penale”

Cita questo