Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo

Risultato della ricerca: Conference contribution

Abstract

La letteratura economico-manageriale ha ampiamente esplorato l’efficacia della strategia didiversificazione (Benito-Osorio et al., 2012; Palich et al., 2000; Picone e Dagnino, 2016; Wan et al., 2011). In questo dibattito - che affonda le sue radici nei pioneristici contributi di Ansoff (1957), Chandler (1962) e Rumelt (1974) -, si inseriscono anche gli studi sulle relazioni di cooperazione e competizione tra le divisioni di un’impresa diversificata (o multibusiness). Se, da un lato, la cooperazione tra le divisioni di un’impresa multibusiness è da considerarsi una condizione indispensabile per l’emergere delle sinergie potenziali e latenti, dall’altro lato, le divisioni competono sovente fra di loro per l’assegnazione di maggiori risorse (in particolare quelle finanziarie) rispetto alle altre divisioni (Hill et al., 1992). La coesistenza di relazioni competitive e cooperative fra le divisioni appare di estremo interesse in una prospettiva economico-gestionale, soprattutto quando le divisioni in competizione si trovano a dover condividere risorse tangibili e intangibili, come avviene nelle imprese che hanno implementato una strategia di diversificazionecorrelata (Wan et al., 2011) e, anche in misura anche maggiore, nel caso di intra-industry diversification (Li e Greenwood, 2004; Zahavi e Lavie, 2013).Gli studi esistenti su coopetition (Bengtsson e Kock, 2014; Czakon et al., 2014a) mostrano come, al di là della convenzionale dicotomia competizione-cooperazione (Luo, 2007), la contestuale coesistenza di comportamenti competitivi e cooperativi fra attori (ossia la coopetizione), consente il perseguimento di una serie di vantaggi per entrambi gli attori (Brandenburger e Nalebuff, 1996), anche in termini di stimolo e di attivazione di processi innovativi (Gnyawali e Park, 2009). Tuttavia, gli studi su coopetition si sono principalmente focalizzati sulle relazioni interimpresa (Ritala et al., 2009) e al momento il tema delle relazioni coopetitive tra divisioni di imprese multibusiness risulta scarsamente investigato (Bengtsson e Raza-Ullah, 2016). Inoltre, si rileva che i pochi studi esplorativi su coopetition a livello intraimpresa mostrano anche risultati parzialmente contraddittori (Luo, 2005). Alla luce del contributo di Czakon et al. (2014b), si potrebbe argomentare che i risultati contrastanti sulla relazione tra coopetition e performance sono da attribuire al “paradosso interno” che caratterizza la relazione coopetitiva stessa. Dunque, per poter comprendere come si può gestire la coopetition all’interno di un’impresa multibusiness, occorre indagare le tensioni cooperative e competitive che emergono tra le divisioni e le attività dell’impresa (Le Roy e Fernandez, 2015; Raza-Ullah et al., 2014; Seran et al., 2016). In effetti, identificare le fonti delle tensioni cooperative e competitive e discutere i meccanismi di gestione può essere di supporto ai manager per comprendere in qual modo ciascuna divisione dovrebbe agire (Le Roy e Czakon, 2016; Le Roy e Fernandez, 2015). Pertanto, questo lavoro si pone l’obiettivo di indirizzare e rispondere alla seguente domanda di ricerca: in che modo le imprese multibusiness gestiscono le simultanee tensioni cooperative e competitive che sussistono tra le divisioni?
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteTransformative business strategies and new patterns for value creation
Pagine197-201
Numero di pagine5
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

Picone, P. M. (2018). Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo. In Transformative business strategies and new patterns for value creation (pagg. 197-201)

Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo. / Picone, Pasquale Massimo.

Transformative business strategies and new patterns for value creation. 2018. pag. 197-201.

Risultato della ricerca: Conference contribution

Picone, PM 2018, Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo. in Transformative business strategies and new patterns for value creation. pagg. 197-201.
Picone PM. Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo. In Transformative business strategies and new patterns for value creation. 2018. pag. 197-201
Picone, Pasquale Massimo. / Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo. Transformative business strategies and new patterns for value creation. 2018. pagg. 197-201
@inproceedings{ba3be1395efe4c048a01e34c2de8185b,
title = "Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo",
abstract = "La letteratura economico-manageriale ha ampiamente esplorato l’efficacia della strategia didiversificazione (Benito-Osorio et al., 2012; Palich et al., 2000; Picone e Dagnino, 2016; Wan et al., 2011). In questo dibattito - che affonda le sue radici nei pioneristici contributi di Ansoff (1957), Chandler (1962) e Rumelt (1974) -, si inseriscono anche gli studi sulle relazioni di cooperazione e competizione tra le divisioni di un’impresa diversificata (o multibusiness). Se, da un lato, la cooperazione tra le divisioni di un’impresa multibusiness {\`e} da considerarsi una condizione indispensabile per l’emergere delle sinergie potenziali e latenti, dall’altro lato, le divisioni competono sovente fra di loro per l’assegnazione di maggiori risorse (in particolare quelle finanziarie) rispetto alle altre divisioni (Hill et al., 1992). La coesistenza di relazioni competitive e cooperative fra le divisioni appare di estremo interesse in una prospettiva economico-gestionale, soprattutto quando le divisioni in competizione si trovano a dover condividere risorse tangibili e intangibili, come avviene nelle imprese che hanno implementato una strategia di diversificazionecorrelata (Wan et al., 2011) e, anche in misura anche maggiore, nel caso di intra-industry diversification (Li e Greenwood, 2004; Zahavi e Lavie, 2013).Gli studi esistenti su coopetition (Bengtsson e Kock, 2014; Czakon et al., 2014a) mostrano come, al di l{\`a} della convenzionale dicotomia competizione-cooperazione (Luo, 2007), la contestuale coesistenza di comportamenti competitivi e cooperativi fra attori (ossia la coopetizione), consente il perseguimento di una serie di vantaggi per entrambi gli attori (Brandenburger e Nalebuff, 1996), anche in termini di stimolo e di attivazione di processi innovativi (Gnyawali e Park, 2009). Tuttavia, gli studi su coopetition si sono principalmente focalizzati sulle relazioni interimpresa (Ritala et al., 2009) e al momento il tema delle relazioni coopetitive tra divisioni di imprese multibusiness risulta scarsamente investigato (Bengtsson e Raza-Ullah, 2016). Inoltre, si rileva che i pochi studi esplorativi su coopetition a livello intraimpresa mostrano anche risultati parzialmente contraddittori (Luo, 2005). Alla luce del contributo di Czakon et al. (2014b), si potrebbe argomentare che i risultati contrastanti sulla relazione tra coopetition e performance sono da attribuire al “paradosso interno” che caratterizza la relazione coopetitiva stessa. Dunque, per poter comprendere come si pu{\`o} gestire la coopetition all’interno di un’impresa multibusiness, occorre indagare le tensioni cooperative e competitive che emergono tra le divisioni e le attivit{\`a} dell’impresa (Le Roy e Fernandez, 2015; Raza-Ullah et al., 2014; Seran et al., 2016). In effetti, identificare le fonti delle tensioni cooperative e competitive e discutere i meccanismi di gestione pu{\`o} essere di supporto ai manager per comprendere in qual modo ciascuna divisione dovrebbe agire (Le Roy e Czakon, 2016; Le Roy e Fernandez, 2015). Pertanto, questo lavoro si pone l’obiettivo di indirizzare e rispondere alla seguente domanda di ricerca: in che modo le imprese multibusiness gestiscono le simultanee tensioni cooperative e competitive che sussistono tra le divisioni?",
author = "Picone, {Pasquale Massimo}",
year = "2018",
language = "Italian",
isbn = "97888943937-2-9",
pages = "197--201",
booktitle = "Transformative business strategies and new patterns for value creation",

}

TY - GEN

T1 - Le dinamiche coopetitive nell’ambito delle imprese multibusiness: un caso studio esplicativo

AU - Picone, Pasquale Massimo

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - La letteratura economico-manageriale ha ampiamente esplorato l’efficacia della strategia didiversificazione (Benito-Osorio et al., 2012; Palich et al., 2000; Picone e Dagnino, 2016; Wan et al., 2011). In questo dibattito - che affonda le sue radici nei pioneristici contributi di Ansoff (1957), Chandler (1962) e Rumelt (1974) -, si inseriscono anche gli studi sulle relazioni di cooperazione e competizione tra le divisioni di un’impresa diversificata (o multibusiness). Se, da un lato, la cooperazione tra le divisioni di un’impresa multibusiness è da considerarsi una condizione indispensabile per l’emergere delle sinergie potenziali e latenti, dall’altro lato, le divisioni competono sovente fra di loro per l’assegnazione di maggiori risorse (in particolare quelle finanziarie) rispetto alle altre divisioni (Hill et al., 1992). La coesistenza di relazioni competitive e cooperative fra le divisioni appare di estremo interesse in una prospettiva economico-gestionale, soprattutto quando le divisioni in competizione si trovano a dover condividere risorse tangibili e intangibili, come avviene nelle imprese che hanno implementato una strategia di diversificazionecorrelata (Wan et al., 2011) e, anche in misura anche maggiore, nel caso di intra-industry diversification (Li e Greenwood, 2004; Zahavi e Lavie, 2013).Gli studi esistenti su coopetition (Bengtsson e Kock, 2014; Czakon et al., 2014a) mostrano come, al di là della convenzionale dicotomia competizione-cooperazione (Luo, 2007), la contestuale coesistenza di comportamenti competitivi e cooperativi fra attori (ossia la coopetizione), consente il perseguimento di una serie di vantaggi per entrambi gli attori (Brandenburger e Nalebuff, 1996), anche in termini di stimolo e di attivazione di processi innovativi (Gnyawali e Park, 2009). Tuttavia, gli studi su coopetition si sono principalmente focalizzati sulle relazioni interimpresa (Ritala et al., 2009) e al momento il tema delle relazioni coopetitive tra divisioni di imprese multibusiness risulta scarsamente investigato (Bengtsson e Raza-Ullah, 2016). Inoltre, si rileva che i pochi studi esplorativi su coopetition a livello intraimpresa mostrano anche risultati parzialmente contraddittori (Luo, 2005). Alla luce del contributo di Czakon et al. (2014b), si potrebbe argomentare che i risultati contrastanti sulla relazione tra coopetition e performance sono da attribuire al “paradosso interno” che caratterizza la relazione coopetitiva stessa. Dunque, per poter comprendere come si può gestire la coopetition all’interno di un’impresa multibusiness, occorre indagare le tensioni cooperative e competitive che emergono tra le divisioni e le attività dell’impresa (Le Roy e Fernandez, 2015; Raza-Ullah et al., 2014; Seran et al., 2016). In effetti, identificare le fonti delle tensioni cooperative e competitive e discutere i meccanismi di gestione può essere di supporto ai manager per comprendere in qual modo ciascuna divisione dovrebbe agire (Le Roy e Czakon, 2016; Le Roy e Fernandez, 2015). Pertanto, questo lavoro si pone l’obiettivo di indirizzare e rispondere alla seguente domanda di ricerca: in che modo le imprese multibusiness gestiscono le simultanee tensioni cooperative e competitive che sussistono tra le divisioni?

AB - La letteratura economico-manageriale ha ampiamente esplorato l’efficacia della strategia didiversificazione (Benito-Osorio et al., 2012; Palich et al., 2000; Picone e Dagnino, 2016; Wan et al., 2011). In questo dibattito - che affonda le sue radici nei pioneristici contributi di Ansoff (1957), Chandler (1962) e Rumelt (1974) -, si inseriscono anche gli studi sulle relazioni di cooperazione e competizione tra le divisioni di un’impresa diversificata (o multibusiness). Se, da un lato, la cooperazione tra le divisioni di un’impresa multibusiness è da considerarsi una condizione indispensabile per l’emergere delle sinergie potenziali e latenti, dall’altro lato, le divisioni competono sovente fra di loro per l’assegnazione di maggiori risorse (in particolare quelle finanziarie) rispetto alle altre divisioni (Hill et al., 1992). La coesistenza di relazioni competitive e cooperative fra le divisioni appare di estremo interesse in una prospettiva economico-gestionale, soprattutto quando le divisioni in competizione si trovano a dover condividere risorse tangibili e intangibili, come avviene nelle imprese che hanno implementato una strategia di diversificazionecorrelata (Wan et al., 2011) e, anche in misura anche maggiore, nel caso di intra-industry diversification (Li e Greenwood, 2004; Zahavi e Lavie, 2013).Gli studi esistenti su coopetition (Bengtsson e Kock, 2014; Czakon et al., 2014a) mostrano come, al di là della convenzionale dicotomia competizione-cooperazione (Luo, 2007), la contestuale coesistenza di comportamenti competitivi e cooperativi fra attori (ossia la coopetizione), consente il perseguimento di una serie di vantaggi per entrambi gli attori (Brandenburger e Nalebuff, 1996), anche in termini di stimolo e di attivazione di processi innovativi (Gnyawali e Park, 2009). Tuttavia, gli studi su coopetition si sono principalmente focalizzati sulle relazioni interimpresa (Ritala et al., 2009) e al momento il tema delle relazioni coopetitive tra divisioni di imprese multibusiness risulta scarsamente investigato (Bengtsson e Raza-Ullah, 2016). Inoltre, si rileva che i pochi studi esplorativi su coopetition a livello intraimpresa mostrano anche risultati parzialmente contraddittori (Luo, 2005). Alla luce del contributo di Czakon et al. (2014b), si potrebbe argomentare che i risultati contrastanti sulla relazione tra coopetition e performance sono da attribuire al “paradosso interno” che caratterizza la relazione coopetitiva stessa. Dunque, per poter comprendere come si può gestire la coopetition all’interno di un’impresa multibusiness, occorre indagare le tensioni cooperative e competitive che emergono tra le divisioni e le attività dell’impresa (Le Roy e Fernandez, 2015; Raza-Ullah et al., 2014; Seran et al., 2016). In effetti, identificare le fonti delle tensioni cooperative e competitive e discutere i meccanismi di gestione può essere di supporto ai manager per comprendere in qual modo ciascuna divisione dovrebbe agire (Le Roy e Czakon, 2016; Le Roy e Fernandez, 2015). Pertanto, questo lavoro si pone l’obiettivo di indirizzare e rispondere alla seguente domanda di ricerca: in che modo le imprese multibusiness gestiscono le simultanee tensioni cooperative e competitive che sussistono tra le divisioni?

UR - http://hdl.handle.net/10447/365130

M3 - Conference contribution

SN - 97888943937-2-9

SP - 197

EP - 201

BT - Transformative business strategies and new patterns for value creation

ER -