Le città di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il Seicento è per la Sicilia il secolo delle città: città riconfigurate ed ammodernate, città ricostruite, dopo tragiche catastrofi, ma soprattutto città fondate ex novo nel vasto latifondo isolano per creare comunità agrarie stabilmente insediate e socialmente controllate, seguendo una prassi certamente non inedita per l’isola; nessuna delle esperienze precedenti è però paragonabile a ciò che avvenne a partire dalla fine del XVI secolo fino agli inizi del XVIII, quando vennero fondati più di cento borghi feudali da parte dell’aristocrazia isolana, fenomeno che riguarda soprattutto il val di Mazara (corrispondente nella tradizionale divisione in valli dell’isola alla Sicilia centrale ed occidentale) e che al di là dei limiti cronologici estremi è concentrato soprattutto nella parte centrale del Seicento, coincidendo sostanzialmente con il regno di Filippo IV.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione "Storia della Città", VI.
Pagine109-120
Numero di pagine12
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo

Di Fede, M. S. (2011). Le città di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni. In IL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione "Storia della Città", VI. (pagg. 109-120)

Le città di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni. / Di Fede, Maria Sofia.

IL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione "Storia della Città", VI.. 2011. pag. 109-120.

Risultato della ricerca: Chapter

Di Fede, MS 2011, Le città di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni. in IL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione "Storia della Città", VI.. pagg. 109-120.
Di Fede MS. Le città di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni. In IL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione "Storia della Città", VI.. 2011. pag. 109-120
Di Fede, Maria Sofia. / Le città di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni. IL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione "Storia della Città", VI.. 2011. pagg. 109-120
@inbook{cd5899221e3f4f4db40d5e5cd25c5ba1,
title = "Le citt{\`a} di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni",
abstract = "Il Seicento {\`e} per la Sicilia il secolo delle citt{\`a}: citt{\`a} riconfigurate ed ammodernate, citt{\`a} ricostruite, dopo tragiche catastrofi, ma soprattutto citt{\`a} fondate ex novo nel vasto latifondo isolano per creare comunit{\`a} agrarie stabilmente insediate e socialmente controllate, seguendo una prassi certamente non inedita per l’isola; nessuna delle esperienze precedenti {\`e} per{\`o} paragonabile a ci{\`o} che avvenne a partire dalla fine del XVI secolo fino agli inizi del XVIII, quando vennero fondati pi{\`u} di cento borghi feudali da parte dell’aristocrazia isolana, fenomeno che riguarda soprattutto il val di Mazara (corrispondente nella tradizionale divisione in valli dell’isola alla Sicilia centrale ed occidentale) e che al di l{\`a} dei limiti cronologici estremi {\`e} concentrato soprattutto nella parte centrale del Seicento, coincidendo sostanzialmente con il regno di Filippo IV.",
author = "{Di Fede}, {Maria Sofia}",
year = "2011",
language = "Italian",
pages = "109--120",
booktitle = "IL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione {"}Storia della Citt{\`a}{"}, VI.",

}

TY - CHAP

T1 - Le città di nuova fondazione nella Sicilia del Seicento: committenza, progetti, istituzioni

AU - Di Fede, Maria Sofia

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Il Seicento è per la Sicilia il secolo delle città: città riconfigurate ed ammodernate, città ricostruite, dopo tragiche catastrofi, ma soprattutto città fondate ex novo nel vasto latifondo isolano per creare comunità agrarie stabilmente insediate e socialmente controllate, seguendo una prassi certamente non inedita per l’isola; nessuna delle esperienze precedenti è però paragonabile a ciò che avvenne a partire dalla fine del XVI secolo fino agli inizi del XVIII, quando vennero fondati più di cento borghi feudali da parte dell’aristocrazia isolana, fenomeno che riguarda soprattutto il val di Mazara (corrispondente nella tradizionale divisione in valli dell’isola alla Sicilia centrale ed occidentale) e che al di là dei limiti cronologici estremi è concentrato soprattutto nella parte centrale del Seicento, coincidendo sostanzialmente con il regno di Filippo IV.

AB - Il Seicento è per la Sicilia il secolo delle città: città riconfigurate ed ammodernate, città ricostruite, dopo tragiche catastrofi, ma soprattutto città fondate ex novo nel vasto latifondo isolano per creare comunità agrarie stabilmente insediate e socialmente controllate, seguendo una prassi certamente non inedita per l’isola; nessuna delle esperienze precedenti è però paragonabile a ciò che avvenne a partire dalla fine del XVI secolo fino agli inizi del XVIII, quando vennero fondati più di cento borghi feudali da parte dell’aristocrazia isolana, fenomeno che riguarda soprattutto il val di Mazara (corrispondente nella tradizionale divisione in valli dell’isola alla Sicilia centrale ed occidentale) e che al di là dei limiti cronologici estremi è concentrato soprattutto nella parte centrale del Seicento, coincidendo sostanzialmente con il regno di Filippo IV.

UR - http://hdl.handle.net/10447/75640

M3 - Chapter

SP - 109

EP - 120

BT - IL TESORO DELLE CITTA'. Strenna dell'Associazione "Storia della Città", VI.

ER -