L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI

Risultato della ricerca: Book

Abstract

L’opera si articola in due distinte parti: nella prima si presenta lo studio dell’Anfiteatro di Sabratha mentre nella seconda si propone un nuovo catalogo degli anfiteatri della provincia dell’Africa proconsolare. L’Anfiteatro di Sabratha, scavato e restaurato tra il 1924 e il 1926 dalla missione italiana diretta da Renato Bartoccini, era rimasto sostanzialmente inedito. Dal 2009 al 2012 è stato oggetto di una nuova ricerca che si prefiggeva di giungere ad una lettura complessiva del monumento nel suo contesto urbano, storico e sociale, proponendone anche un’ipotesi ricostruttiva. L’edificio, interamente realizzato in opera quadrata e dimensionato sul cubito punico, rivela un forte legame con la tradizione costruttiva locale. Edificato con ogni probabilità alla fine dell’età flavia, l’anfiteatro appare sovradimensionato rispetto alla popolazione stimata della città: la ragione va cercata nel ruolo che Sabratha ricopriva come capolinea delle carovane che portavano animali, oro e schiavi dal cuore dell’Africa fino alle coste del Mediterraneo. L’Anfiteatro di Sabratha si è rivelato essere il terzo per grandezza tra gli anfiteatri ancora esistenti nell’Africa proconsolare. La necessità di confrontare il monumento sabrathense con gli edifici consimili della provincia ha portato alla redazione di un nuovo catalogo degli anfiteatri dell’Africa proconsolare: si presentano le schede relative a 58 monumenti variamente attestati, 40 dei quali sono ancora oggi visibili o archeologicamente testimoniati. Il volume è corredato da un astuccio contenente 20 tavole a colori.
Lingua originaleItalian
EditoreL'Erma di Bretschneider srl
Numero di pagine604
Volume1 volume testo + 1 volume tavole
ISBN (stampa)9788891308023
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Serie di pubblicazioni

NomeMONOGRAFIE DI ARCHEOLOGIA LIBICA

Cita questo

L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI. / Montali, Gilberto.

L'Erma di Bretschneider srl, 2015. 604 pag. (MONOGRAFIE DI ARCHEOLOGIA LIBICA).

Risultato della ricerca: Book

Montali, G 2015, L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI. MONOGRAFIE DI ARCHEOLOGIA LIBICA, vol. 1 volume testo + 1 volume tavole, L'Erma di Bretschneider srl.
Montali G. L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI. L'Erma di Bretschneider srl, 2015. 604 pag. (MONOGRAFIE DI ARCHEOLOGIA LIBICA).
Montali, Gilberto. / L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI. L'Erma di Bretschneider srl, 2015. 604 pag. (MONOGRAFIE DI ARCHEOLOGIA LIBICA).
@book{8dddbb36cc73439cbca32710c2a0cff7,
title = "L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI",
abstract = "L’opera si articola in due distinte parti: nella prima si presenta lo studio dell’Anfiteatro di Sabratha mentre nella seconda si propone un nuovo catalogo degli anfiteatri della provincia dell’Africa proconsolare. L’Anfiteatro di Sabratha, scavato e restaurato tra il 1924 e il 1926 dalla missione italiana diretta da Renato Bartoccini, era rimasto sostanzialmente inedito. Dal 2009 al 2012 {\`e} stato oggetto di una nuova ricerca che si prefiggeva di giungere ad una lettura complessiva del monumento nel suo contesto urbano, storico e sociale, proponendone anche un’ipotesi ricostruttiva. L’edificio, interamente realizzato in opera quadrata e dimensionato sul cubito punico, rivela un forte legame con la tradizione costruttiva locale. Edificato con ogni probabilit{\`a} alla fine dell’et{\`a} flavia, l’anfiteatro appare sovradimensionato rispetto alla popolazione stimata della citt{\`a}: la ragione va cercata nel ruolo che Sabratha ricopriva come capolinea delle carovane che portavano animali, oro e schiavi dal cuore dell’Africa fino alle coste del Mediterraneo. L’Anfiteatro di Sabratha si {\`e} rivelato essere il terzo per grandezza tra gli anfiteatri ancora esistenti nell’Africa proconsolare. La necessit{\`a} di confrontare il monumento sabrathense con gli edifici consimili della provincia ha portato alla redazione di un nuovo catalogo degli anfiteatri dell’Africa proconsolare: si presentano le schede relative a 58 monumenti variamente attestati, 40 dei quali sono ancora oggi visibili o archeologicamente testimoniati. Il volume {\`e} corredato da un astuccio contenente 20 tavole a colori.",
keywords = "Sabratha; Libia; Anfiteatro; architettura romana",
author = "Gilberto Montali",
year = "2015",
language = "Italian",
isbn = "9788891308023",
volume = "1 volume testo + 1 volume tavole",
series = "MONOGRAFIE DI ARCHEOLOGIA LIBICA",
publisher = "L'Erma di Bretschneider srl",

}

TY - BOOK

T1 - L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI

AU - Montali, Gilberto

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - L’opera si articola in due distinte parti: nella prima si presenta lo studio dell’Anfiteatro di Sabratha mentre nella seconda si propone un nuovo catalogo degli anfiteatri della provincia dell’Africa proconsolare. L’Anfiteatro di Sabratha, scavato e restaurato tra il 1924 e il 1926 dalla missione italiana diretta da Renato Bartoccini, era rimasto sostanzialmente inedito. Dal 2009 al 2012 è stato oggetto di una nuova ricerca che si prefiggeva di giungere ad una lettura complessiva del monumento nel suo contesto urbano, storico e sociale, proponendone anche un’ipotesi ricostruttiva. L’edificio, interamente realizzato in opera quadrata e dimensionato sul cubito punico, rivela un forte legame con la tradizione costruttiva locale. Edificato con ogni probabilità alla fine dell’età flavia, l’anfiteatro appare sovradimensionato rispetto alla popolazione stimata della città: la ragione va cercata nel ruolo che Sabratha ricopriva come capolinea delle carovane che portavano animali, oro e schiavi dal cuore dell’Africa fino alle coste del Mediterraneo. L’Anfiteatro di Sabratha si è rivelato essere il terzo per grandezza tra gli anfiteatri ancora esistenti nell’Africa proconsolare. La necessità di confrontare il monumento sabrathense con gli edifici consimili della provincia ha portato alla redazione di un nuovo catalogo degli anfiteatri dell’Africa proconsolare: si presentano le schede relative a 58 monumenti variamente attestati, 40 dei quali sono ancora oggi visibili o archeologicamente testimoniati. Il volume è corredato da un astuccio contenente 20 tavole a colori.

AB - L’opera si articola in due distinte parti: nella prima si presenta lo studio dell’Anfiteatro di Sabratha mentre nella seconda si propone un nuovo catalogo degli anfiteatri della provincia dell’Africa proconsolare. L’Anfiteatro di Sabratha, scavato e restaurato tra il 1924 e il 1926 dalla missione italiana diretta da Renato Bartoccini, era rimasto sostanzialmente inedito. Dal 2009 al 2012 è stato oggetto di una nuova ricerca che si prefiggeva di giungere ad una lettura complessiva del monumento nel suo contesto urbano, storico e sociale, proponendone anche un’ipotesi ricostruttiva. L’edificio, interamente realizzato in opera quadrata e dimensionato sul cubito punico, rivela un forte legame con la tradizione costruttiva locale. Edificato con ogni probabilità alla fine dell’età flavia, l’anfiteatro appare sovradimensionato rispetto alla popolazione stimata della città: la ragione va cercata nel ruolo che Sabratha ricopriva come capolinea delle carovane che portavano animali, oro e schiavi dal cuore dell’Africa fino alle coste del Mediterraneo. L’Anfiteatro di Sabratha si è rivelato essere il terzo per grandezza tra gli anfiteatri ancora esistenti nell’Africa proconsolare. La necessità di confrontare il monumento sabrathense con gli edifici consimili della provincia ha portato alla redazione di un nuovo catalogo degli anfiteatri dell’Africa proconsolare: si presentano le schede relative a 58 monumenti variamente attestati, 40 dei quali sono ancora oggi visibili o archeologicamente testimoniati. Il volume è corredato da un astuccio contenente 20 tavole a colori.

KW - Sabratha; Libia; Anfiteatro; architettura romana

UR - http://hdl.handle.net/10447/338926

M3 - Book

SN - 9788891308023

VL - 1 volume testo + 1 volume tavole

T3 - MONOGRAFIE DI ARCHEOLOGIA LIBICA

BT - L'anfiteatro di Sabratha e gli anfiteatri dell'Africa Proconsolare, Monografie di Archeologia Libica XLI

PB - L'Erma di Bretschneider srl

ER -