L'abolizione della schiavitù nelle colonie francesi. Il rapporto della Commissione Broglie (1840-1843)

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Presieduta dal duca Achille Léonce Victor de Broglie (1785-1870), genero di Madame de Staël, la Commission des affaires coloniales, approvata da Luigi Filippo d’Orléans nel 1840, operò sino al 1843 allo scopo di esaminare le questioni relative alla schiavitù e alla costituzione politica delle colonie francesi. Con il suo rapporto finale – definito da Alexis de Tocqueville «chef - d'oeuvre» – e i suoi progetti di legge sull’emancipazione generale e simultanea e sull’emancipazione progressiva e parziale, essa ebbe il merito di preparare un piano per la liberazione degli schiavi. Nonostante l’importante lavoro svolto, la “Commissione Broglie” non riuscì a produrre gli esiti sperati a causa delle resistenze delle lobbies dei proprietari di piantagioni, desiderose di conservare le loro «società particolari» e, soprattutto, ostinate a difendere la schiavitù con la «doppia passione per il pregiudizio e per l’interesse». Per istituzionalizzare l’abolizionismo, fu necessario attendere gli eventi della Rivoluzione del 1848. Tuttavia, sarebbe un errore non ricordare che, oltre a quell’acceleratore che fu rappresentato dalla Rivoluzione di febbraio, e che consentì a Victor Schoelcher di raggiungere l’obiettivo, l’abolizione della schiavitù nelle colonie francesi s’iscrive in un lungo processo, nell’opera di molti uomini tra i quali Victor de Broglie, l’illustre presidente della Commissione impegnata a promuovere alcuni provvedimenti, poi recepiti nel decreto del 27 aprile 1848.
Lingua originaleItalian
EditoreFrancoAngeli
Numero di pagine157
ISBN (stampa)978-88-917-4240-7
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Serie di pubblicazioni

NomeTEMI DI STORIA

Cita questo

@book{17b30c05cb9c48f7bfebc1059a10002a,
title = "L'abolizione della schiavit{\`u} nelle colonie francesi. Il rapporto della Commissione Broglie (1840-1843)",
abstract = "Presieduta dal duca Achille L{\'e}once Victor de Broglie (1785-1870), genero di Madame de Sta{\"e}l, la Commission des affaires coloniales, approvata da Luigi Filippo d’Orl{\'e}ans nel 1840, oper{\`o} sino al 1843 allo scopo di esaminare le questioni relative alla schiavit{\`u} e alla costituzione politica delle colonie francesi. Con il suo rapporto finale – definito da Alexis de Tocqueville «chef - d'oeuvre» – e i suoi progetti di legge sull’emancipazione generale e simultanea e sull’emancipazione progressiva e parziale, essa ebbe il merito di preparare un piano per la liberazione degli schiavi. Nonostante l’importante lavoro svolto, la “Commissione Broglie” non riusc{\`i} a produrre gli esiti sperati a causa delle resistenze delle lobbies dei proprietari di piantagioni, desiderose di conservare le loro «societ{\`a} particolari» e, soprattutto, ostinate a difendere la schiavit{\`u} con la «doppia passione per il pregiudizio e per l’interesse». Per istituzionalizzare l’abolizionismo, fu necessario attendere gli eventi della Rivoluzione del 1848. Tuttavia, sarebbe un errore non ricordare che, oltre a quell’acceleratore che fu rappresentato dalla Rivoluzione di febbraio, e che consent{\`i} a Victor Schoelcher di raggiungere l’obiettivo, l’abolizione della schiavit{\`u} nelle colonie francesi s’iscrive in un lungo processo, nell’opera di molti uomini tra i quali Victor de Broglie, l’illustre presidente della Commissione impegnata a promuovere alcuni provvedimenti, poi recepiti nel decreto del 27 aprile 1848.",
author = "Claudia Giurintano",
year = "2016",
language = "Italian",
isbn = "978-88-917-4240-7",
series = "TEMI DI STORIA",
publisher = "FrancoAngeli",

}

TY - BOOK

T1 - L'abolizione della schiavitù nelle colonie francesi. Il rapporto della Commissione Broglie (1840-1843)

AU - Giurintano, Claudia

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - Presieduta dal duca Achille Léonce Victor de Broglie (1785-1870), genero di Madame de Staël, la Commission des affaires coloniales, approvata da Luigi Filippo d’Orléans nel 1840, operò sino al 1843 allo scopo di esaminare le questioni relative alla schiavitù e alla costituzione politica delle colonie francesi. Con il suo rapporto finale – definito da Alexis de Tocqueville «chef - d'oeuvre» – e i suoi progetti di legge sull’emancipazione generale e simultanea e sull’emancipazione progressiva e parziale, essa ebbe il merito di preparare un piano per la liberazione degli schiavi. Nonostante l’importante lavoro svolto, la “Commissione Broglie” non riuscì a produrre gli esiti sperati a causa delle resistenze delle lobbies dei proprietari di piantagioni, desiderose di conservare le loro «società particolari» e, soprattutto, ostinate a difendere la schiavitù con la «doppia passione per il pregiudizio e per l’interesse». Per istituzionalizzare l’abolizionismo, fu necessario attendere gli eventi della Rivoluzione del 1848. Tuttavia, sarebbe un errore non ricordare che, oltre a quell’acceleratore che fu rappresentato dalla Rivoluzione di febbraio, e che consentì a Victor Schoelcher di raggiungere l’obiettivo, l’abolizione della schiavitù nelle colonie francesi s’iscrive in un lungo processo, nell’opera di molti uomini tra i quali Victor de Broglie, l’illustre presidente della Commissione impegnata a promuovere alcuni provvedimenti, poi recepiti nel decreto del 27 aprile 1848.

AB - Presieduta dal duca Achille Léonce Victor de Broglie (1785-1870), genero di Madame de Staël, la Commission des affaires coloniales, approvata da Luigi Filippo d’Orléans nel 1840, operò sino al 1843 allo scopo di esaminare le questioni relative alla schiavitù e alla costituzione politica delle colonie francesi. Con il suo rapporto finale – definito da Alexis de Tocqueville «chef - d'oeuvre» – e i suoi progetti di legge sull’emancipazione generale e simultanea e sull’emancipazione progressiva e parziale, essa ebbe il merito di preparare un piano per la liberazione degli schiavi. Nonostante l’importante lavoro svolto, la “Commissione Broglie” non riuscì a produrre gli esiti sperati a causa delle resistenze delle lobbies dei proprietari di piantagioni, desiderose di conservare le loro «società particolari» e, soprattutto, ostinate a difendere la schiavitù con la «doppia passione per il pregiudizio e per l’interesse». Per istituzionalizzare l’abolizionismo, fu necessario attendere gli eventi della Rivoluzione del 1848. Tuttavia, sarebbe un errore non ricordare che, oltre a quell’acceleratore che fu rappresentato dalla Rivoluzione di febbraio, e che consentì a Victor Schoelcher di raggiungere l’obiettivo, l’abolizione della schiavitù nelle colonie francesi s’iscrive in un lungo processo, nell’opera di molti uomini tra i quali Victor de Broglie, l’illustre presidente della Commissione impegnata a promuovere alcuni provvedimenti, poi recepiti nel decreto del 27 aprile 1848.

UR - http://hdl.handle.net/10447/197930

M3 - Book

SN - 978-88-917-4240-7

T3 - TEMI DI STORIA

BT - L'abolizione della schiavitù nelle colonie francesi. Il rapporto della Commissione Broglie (1840-1843)

PB - FrancoAngeli

ER -