LA VIOLENZA NORMALIZZATA. LA VITTIMIZZAZIONE (IN)VISIBILE DELLA POPOLAZIONE LGBT IN ITALIA.

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il saggio presenta un’analisicondotta su dati estratti dai report sull’omofobia curati da Arcigay dal 2006al 2007 che mettono in rassegna i vari casi di condotte violente a danno dellapopolazione LGBT così come riportati dalla stanza locale e nazionale20. I datisono stati codificati attraverso uno schema di codifica che ha voluto tenere contodella distribuzione per anno, di quella territoriale, delle caratteristiche socio-anagrafichedi aggressori e di vittime ma soprattutto delle dimensioni relazionalitra vittima e aggressore, delle tipologie e delle dinamiche delle condotteviolente e dei loro effetti. La mole di dati non permette un’analisi compiuta deiprocessi quanto piuttosto offre la possibilità di ipotesi interpretative21. Questilimiti sono motivati dalla natura stessa dei dati che potenzialmente potrebberosoffrire di alcuni bias derivanti dalla fonte, dalla loro selezione e da una piùgenerale indisponibilità di dati simili a livello istituzionale22. La raccolta dei datiha permesso di analizzare le dimensioni prima citate su un numero di episodiviolenti ammontante a circa 235 casi nel periodo tra il 2006 e il 2012 circa la generalità della popolazione LGBT.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLA VIOLENZA NORMALIZZATA. OMOFOBIE E TRANSOFBIE NEGLI SCENARI CONTEMPORANEI
Pagine9-37
Numero di pagine29
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Serie di pubblicazioni

NomeLIMINALIA

Cita questo

Rinaldi, C. (2013). LA VIOLENZA NORMALIZZATA. LA VITTIMIZZAZIONE (IN)VISIBILE DELLA POPOLAZIONE LGBT IN ITALIA. In LA VIOLENZA NORMALIZZATA. OMOFOBIE E TRANSOFBIE NEGLI SCENARI CONTEMPORANEI (pagg. 9-37). (LIMINALIA).