La tutela dei minori stranieri alla prova delle politiche migratorie

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Il contributo presentato è parte di una ricerca internazionale sulle politiche e le prassi del sistema di welfare per i minori, in particolare in relazione a quelli stranieri e alle loro famiglie condotta in 11 nazioni nel 2012 con l’obiettivo di analizzare lo spazio dedicato ai minori migranti e alle loro famiglie all’interno del Child Welfare System, confrontandolo anche con le leggi e i servizi previsti per famiglie e minori autoctoni. Partendo dall’analisi del quadro normativo e delle caratteristiche della presenza straniera in Italia, è stato possibile osservare le caratteristiche del sistema dei servizi previsti ed attuati per i minori stranieri e le loro famiglie, gli attori principali del processo di accoglienza e gli strumenti sociali offerti per la loro integrazione. Il collegamento con la cronologia delle leggi emanate in materia ha inoltre mostrato come lo spazio di tutela riconosciuto alle famiglie e ai minori sia inversamente proporzionale alla definizione della questione migratoria come problema di sicurezza e di ordine pubblico. Nel caso specifico dell’Italia, questo studio ha permesso di mettere in evidenza come in Italia, la presenza di un consistente numero di minori stranieri non accompagnati abbia fatto sì che le previsioni normative e l’investimento maggiore nel campo dei servizi si concentrasse specificamente su questi, mentre per i minori stranieri presenti con le famiglie vengono previsti gli stessi servizi destinati ai minori e alle famiglie italiane senza particolari distinzioni (se non per certi versi nell’ambito scolastico). Solo ultimamente le famiglie immigrate iniziano ad essere soggetti riconosciuti nelle previsioni normative, anche se a questo spazio riconosciuto nelle politiche sociali ancora manca la declinazione nella pratica.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)335-363
Numero di pagine29
RivistaNUOVE AUTONOMIE
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo