La tradizione costruttiva nell'area delle Madonie

Giovanni Fatta, Calogero Vinci, Tiziana Campisi, Mario Li Castri, Stefano Lo Piccolo

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

1Giovanni Fatta, Tiziana Campisi, Mario Li Castri, Stefano Lo Piccolo e Calogero VinciUniversità degli Studi di Palermo, Dipartimento di Progetto e Costruzione Edilizia(DPCE)LA TRADIZIONE COSTRUTTIVA NELL'AREA DELLE MADONIESommarioNonostante sia sempre stata terra di passaggio e di conquista, in stretta relazione conaltre culture tecniche, la Sicilia esprime anche nell’edilizia di base la propria insularità,non di rado manifestata in maniera originale, strettamente legata all’ambiente in cui sisviluppa.Le forti modificazioni e gli stravolgimenti prodotti nell’ultimo dopoguerra dallearchitetture di importazione imposte ai delicati tessuti storici, dall’edilizia di quantità edall’abusivismo, hanno ferito ma non nascondono quei segni unitari che caratterizzanovaste aree, così da far riconoscere l’esistenza di una vera e propria architetturaregionale caratterizzata dall’uso di alcuni modelli formali, costruttivi e tipologici dibase adeguati all’ambiente e al contesto insediativo.Coscienti dell’estremo degrado fisico e sociale dovuto alla sub-urbanizzazione e allaglobalizzazione dell’edilizia di molte delle aree cittadine e periferiche, volta allauniformazione basata su presunti criteri applicati a prescindere dal tempo e dal luogo,in questo studio volto alla valorizzazione e la tutela della varietà e della differenza sianalizza il vasto territorio montano delle Madonie che comprende, in un ParcoRegionale, quindici centri urbani densi di storia e cultura. La distanza dalle città e dagliagglomerati industriali, insieme alle difficili collegamenti stradali, hanno consentito lapermanenza non solo episodica dei valori materici, tecnologici e formali proposti dallaArchitettura Regionale, fondata su una radicata tradizione locale e su caratteriarchitettonici consolidati dalle “regole dell’arte”.L’analisi e la conoscenza delle antiche tecniche e dei materiali tradizionali e delsignificato funzionale e formale degli elementi architettonici che costituiscono le“parole” dell’ambiente costruito, fornisce i riferimenti necessari per recuperare, nellospirito evolutivo dell’attività costruttiva, il significato costruttivo, funzionale ed esteticodegli organismi edilizi diffusi nell’entroterra siciliano e della loro capacità di costituireparte integrante del sistema ambientale.Attraverso un repertorio di casi concreti, ritenuti sufficientemente rappresentativi dellacomplessa realtà locale, è stato inizialmente possibile analizzare la tipologiaaggregativa e funzionale del tessuto storico montano nelle varianti condizionate dagiaciture, allineamenti, localizzazioni. Si è parallelamente affiancato l’approfondimentosui materiali e le tecniche costruttive che connotano gli elementi costitutivi dell’ediliziastorica locale, quali murature, solai, volte, coperture, infissi, aggetti, pavimentazioniinterne ed esterne, rivestimenti, intonaci, etc.Le fasi di conoscenza e di analisi, consolidate nelle relazioni tra i diversi aspetti edelementi, costituiscono un valido supporto richiesto dalle comunità locali da tradurre inregole costruttive in grado di valorizzare i livelli qualitativi dell’architetturatradizionale.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteArchitettura di base
Pagine431-472
Stato di pubblicazionePublished - 2007

Cita questo