La Sicilia di Filippo III in un Discorso militare occultato: uomini, città, territorio

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Relazioni e documenti militari costituiscono, quasi per definizione, gli esempi più calzanti di "escrituras silenciadas" e a questo carattere non si sottraggono quelli prodotti dal governo viceregio del Regno di Sicilia, assurto sin dagli inizi del Cinquecento, per via della sua posizione geografica, ad "antemuralla" dell’Impero spagnolo e della cristianità tutta contro il nemico turco. Tra questi va adesso annoverato anche il Discorso militare di D. Antonio Bologna, un importante manoscritto di natura militare di provenienza siciliana, da noi ritrovato presso la Biblioteca Nazionale Centrale Vittorio Emanuele di Roma in uno dei fondi antichi provenienti da biblioteche gesuitiche. L’autore, adesso riconosciuto quale figura di intellettuale di grande interesse del Seicento siciliano, tra aforismi sagaci e dotti riferimenti storici di cultura umanistica, restituisce in filigrana la complessa realtà siciliana, il suo territorio e il suo paesaggio urbano – porti e coste, città e campagne – in un continuo rimando temporale tra la Sicilia dei primi anni del Seicento e quella classica e medievale, tra dettagliati rendiconti di assedi e invasioni del passato e incursioni piratesche e ottomane del presente, offrendo pure la preziosa testimonianza di una sorta di paesaggio antropico che ritrae le diverse anime del popolo siciliano.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteEscrituras silenciadas: el paisaje como historiografia
Pagine395-409
Numero di pagine15
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Serie di pubblicazioni

NomeOBRAS COLECTIVAS. HUMANIDADES

Cita questo

Vesco, M. (2013). La Sicilia di Filippo III in un Discorso militare occultato: uomini, città, territorio. In Escrituras silenciadas: el paisaje como historiografia (pagg. 395-409). (OBRAS COLECTIVAS. HUMANIDADES).